venerdì, 14 dicembre 2018 - 2:30
Home / Notizie / Attualità / RiminiOffRoad Show: la prima edizione chiude col botto
RiminiOffRoad

RiminiOffRoad Show: la prima edizione chiude col botto

Tempo di lettura: 2 minuti. Con un crescendo appassionante e spettacolare si sono spente le luci dei riflettori sulla prima edizione di RiminiOffRoad Show, dedicato a 360° al mondo dei 4×4. Il RiminiOffRoad Show, inaugurato venerdì scorso alla fiera di Rimini dal campione di rally e fuoristrada Miki Biasion, dall’assessore a sport e bilancio del Comune di Rimini, Gian Luca Brasini, dal presidente di IEG Lorenzo Cagnoni e dal direttore generale Corrado Facco, per tre giorni ha trasformato il quartiere espositivo riminese in un grande parco dei motori: da una parte i padiglioni con auto, moto, quad e bike, accessori e componenti; dall’altra l’enorme area di 54.000 metri quadri offerti agli appassionati per test drive (più di 3.000 in tre giorni) gare di cross e di rally. Ad accendere l’entusiasmo del pubblico e dei media (80 i giornalisti accreditati e una visibilità importante sui grandi mezzi), anche un programma sportivo eccezionale e articolato su tre piste esterne che ha lasciato stupefatti sia i piloti che gli spettatori.

Tante le case ufficiali presenti al RiminiOffRoad Show 2017

Importanti i marchi che hanno creduto nel successo di RiminiOffRoad Show 2017: Ssangyong ha presentato il nuovo modello di  Korando, mentre Toyota, Mitsubishi, Jeep e Suzuki hanno coinvolto il pubblico con la loro gamma di modelli 4×4. RiminiOffRoad ha saputo anche puntare i riflettori sulla convegnistica: focus su formazione, attenzione al mondo dei disabili, omologhe degli accessori. Il progetto “Offroad design event by IED” ha poi visto venti studenti dell’Istituto Europeo Design, dalle sedi di Milano e Torino, mettere alla prova in fiera la loro creatività per progettare nuovi soluzioni e prodotti a tema offroad. Si chiude quindi con soddisfazione la prima edizione di RiminiOffRoad Show che ha confermato ottime potenzialità di sviluppo e che promette di aggiungersi con un valore nuovo alla grande offerta del settore active – in cui brilla il progetto espositivo di IEG – e alla proposta che caratterizza la Motor Valley, bacino delle più straordinarie esperienze motoristiche al mondo.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

targhe estere

Targhe estere: che fine fanno le auto con targhe dell’Est Europa?

Ancora non ci sono statistiche ufficiali sul numero di sanzioni ricevute dai proprietari di auto …