giovedì, 20 settembre 2018 - 0:39
Home / Notizie / Motorsport / La rinascita della Citroen C3 WRC
Citroen C3 WRC
Citroen C3 WRC al Rally del Messico

La rinascita della Citroen C3 WRC

Tempo di lettura: 2 minuti.

Dopo un avvio incerto, la memoria ritorna a circa due mesi fa e all’opaca prestazione al Rallye di Montecarlo, la cura Pierre Budar sta iniziando a dare i suoi frutti. La Citroen C3 WRC sta scalando la classifica e in termini di prestazioni si è avuta la conferma dei miglioramenti nel recente Rally del Messico, dove Meeke è giunto terzo sul podio e il ritorno di Loeb è stato condito da una sfortunata foratura quando era in testa.

Proprio Loeb ha stupito tutti per la sua tenacia e la sua capacità di mettere subito alla frusta la Citroen C3 WRC, dopo il grande lavoro sul set up svolto dal team transalpino. La storia di Loeb e del Messico è fatta di tante soddisfazioni (vittorie nel 2006, 2007, 2008, 2010, 2011 e 2012) ma sperare in un ritorno su questi livelli era impensabile, per tutti ma non per lui.

Insieme al fidatissimo navigatore Daniel Elena, partiti undicesimi il primo giorno, sono riusciti a raggiungere la seconda posizione, e a realizzare due migliori tempi, le loro prime vittorie dal rally di Monte Carlo nel 2015. Sabato hanno confermato la loro prestazione, con un nuovo migliore tempo all’inizio che li ha portati tra le posizioni più alte.

La foratura è arrivata PS14 e la decisione di cambiare la ruota interessata dal danno ha indotto Loeb in una scelta errata sulla mescola, scelta che lo ha rallentato non permettendo di andare oltre il quinto posto finale. Prestazione convincente anche dall’altro lato del garage, con Kris Meeke che si è riscattato dopo gli errori al Monte e in Svezia cogliendo il primo podio della stagione.

Dopo un venerdì iniziato male, la riscossa per Meeke e il navigatore Nagle è arrivata sabato, con tre migliori tempi in prova speciale che li ha fatti salire fino alla seconda posizione; peccato per l’uscita di pista con tanto di capottamento la domenica mattina, errore che ha regalato la seconda posizione a Dani Sordo su Hyundai.

Loeb correrà ancora con la Citroen C3 WRC al Tour de Corse (5-8 aprile) e il Rally di Spagna (25-28 ottobre), mentre dal Rally di Argentina tornerà a bordo Craig Breen, anche lui grande protagonista con il secondo posto al Rally di Svezia. 

Kris Meeke: “Abbiamo molti motivi per essere soddisfatti di questo weekend, a partire dal mio primo podio dell’anno e ai punti segnati in campionato. Però sono anche un po’ deluso, soprattutto nei confronti della squadra. Avevo tutte le carte in regola per fare bene in Messico (la velocità, l’auto…) ma ho fatto troppi piccoli errori, e a questo livello si paga tutto. Cercherò di fare meglio a partire dalla Corsica, dove siamo stati molto competitivi l’anno scorso“.

Sébastien Loeb: “Arrivando qui avevo l’impressione che i test fossero andati bene ma non avevo alcuna certezza su quale potesse essere il mio livello, perché tutti qui si battono in termini di decimi di secondo e si fa in fretta a rimanere indietro. Quindi è stata una bella sorpresa scoprire di riuscire a stare al loro passo! Mi spiace solo che la foratura non mi abbia permesso di giocarmela fino in fondo. È stato un weekend molto positivo. Abbiamo centrato il primo obiettivo del mio ritorno. Ora spero di concretizzare in Corsica, anche se ho ancora un bel po’ di cose con cui familiarizzare di nuovo“.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Clio Cup Italia Imola 2018

Clio Cup Italia, Imola 2018: una tappa tra sorprese e conferme

Tempo di lettura: 2 minuti. Ad Imola è andato di scena il quinto doppio appuntamento della Clio Cup Italia che …

something