giovedì, 19 aprile 2018 - 11:56
Home / Notizie / Attualità / Rincari delle autostrade: facciamo chiarezza
rincari delle autostrade

Rincari delle autostrade: facciamo chiarezza

Tempo di lettura: 2 minuti.

Gli italiani si sono svegliati il primo gennaio con una brutta sorpresa: chi è partito per le vacanze o chi si è semplicemente messo in viaggio passando dall’autostrada si sarà subito reso conto dell’innalzamento dei costi del pedaggio, calcolato in media del 2,74% più alto rispetto al 2016. La situazione, specie per molti tratti non gestiti direttamente da Autostrade per l’Italia, sta diventando incontrollabile, ecco perché vogliamo aiutarvi a fare chiarezza sui rincari delle autostrade entrati in vigore con l’inizio del 2018.

Riportiamo il comunicato apparso sul sito di Autostrade per l’Italia in data 29 dicembre: “Dal 1° gennaio 2018, in base  a quanto stabilito dal decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  e dell’Economia e delle Finanze, l’adeguamento tariffario di competenza per le Autostrade per l’Italia è pari all’1,51%. Tale incremento, in conformità alla Convenzione Unica, include il recupero del 70% dell’inflazione reale e la remunerazione dei nuovi investimenti effettuati.

Parlando in parole povere, la media dell’1,51% va applicata a quasi tutti i tratti gestiti direttamente da Autostrade per l’Italia, mentre per quelli non gestiti direttamente dall’azienda si registrano cifre ben diverse, con il picco del +52,69% della tratta Aosta Ovest – Morgex, gestita dalla concessionaria Rav, che ha già scatenato un mare di polemiche.

Gli automobilisti che si trovano ad affrontare spesso la tratta autostradale Milano Ghisolfa – Rondissone, ovviamente in entrambi i sensi di marcia, pagheranno 16,80 euro al posto dei vecchi 15,60. 10 centesimi di euro per gli automobilisti romani che percorrono sia la tratta San Cesareo – Roma Sud (da 1,10 a 1,20 euro) sia la Roma Nord – Orte (da 4,40 a 4,50 euro).

I rincari, come abbiamo visto, si fanno pesanti soprattutto sui tratti gestiti da terzi, come la Strada dei Parci (+12,89%) e Autostrade Meridionali (+5,98%) a seguito del riconoscimento di pronunce giudiziarie su ricorsi attivati dalle società. L’innalzamento più alto della media sul tratto Torino – Milano è stato invece dovuto a causa degli interventi di manutenzione e adeguamento effettuati sulla rete.

Ecco tutti i rincari delle autostrade, tratta per tratta

  • Asti-Cuneo – invariato
  • ATIVA – 1,72%
  • Autostrade per l’Italia – 1,51%
  • Autostrada del Brennero – 1,67%
  • Autovie Venete – 1,88%
  • Brescia-Padova – 2,08%
  • Consorzio  Autostrade Siciliane – invariato
  • CAV – 0,32%
  • Centro Padane – invariato
  • Autocamionale della Cisa – invariato
  • Autostrada dei Fiori – 0,98%
  • Milano Serravalle Milano Tangenziali – 13,91%
  • Tangenziale di Napoli – 4,31%
  • RAV – 52,69%
  • SALT – 2,10%
  • SAT – 1,33%
  • Autostrade Meridionali (SAM) – 5,98%
  • SATAP Tronco A4 – 8,34%
  • SATAP Tronco A21 – 1,67%
  • SAV – invariato
  • SITAF – 5,71%
  • Torino/Savona – 2,79%
  • Strada dei Parchi – 12,89%
  • Bre. be. mi.  – 4,69%
  • TEEM 2,70% e Pedemontana Lombarda – 1,70%

 

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

Nominati i vincitori di Rally Italia Talent 2018

Tempo di lettura: 2 minuti. Lo scorso fine settimana, sul Circuito di Ortona (CH), si è svolto il gran finale …

something