in

Ritorno da Bordeaux meno amaro con Pandazzurri

Tempo di lettura: < 1 minuto

Lo scorso fine settimana vi abbiamo raccontato il nostro viaggio verso Bordeaux, a bordo della Fiat Pandazzurri, per sostenere la nazionale di calcio nel quarto di finale di Euro 2016 contro la Germania. 

Tutti sappiamo come è terminata la partita e non vogliamo tornare sul risulstato, anche se abbiamo ancora negli occhi i rigori sbagliati da Zaza e Pellè. Vogliamo però raccogliere quanto di buono ci ha regalato questa lunga trasferta, la Pandazzurri è stata, contro ogni scettiscismo, un’ottima compagna di viaggio macinando più di 2100 km in tre giorni senza affaticarsi e cosa ben più importante senza affaticarci.

Sulla via del ritorno, partiti di buon ora da Bordeaux, eravamo come altri milioni di italiani amareggiati per l’eliminazione dall’europeo, ma le simpatiche cinture tricolore della Pandazzurri ci hanno messo di buon umore e la sua inconfondibile livrea ci ha reso protagonisti di simpatici saluti da parte di altri connazionali che come noi tornavano a casa.

L’italica Panda ha cullato il nostro entusiamo all’andata, alimentando le nostre speranze di gloria e ci ha fatto sentire meno soli al ritorno accompagnati dall’affetto dei tifosi azzurri e poi diciamocelo, la passione azzurra non finisce certo qui!

Guidatore della domenica

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

Ford Edge | Prova su strada in anteprima

F1, GP d’Austria: “questione di compagni di squadra”