lunedì, 22 ottobre 2018 - 7:34
Home / Notizie / Novità / Salone di Pechino: Pininfarina DX3 concept

Salone di Pechino: Pininfarina DX3 concept

Tempo di lettura: 3 minuti.

Dopo il grande successo riscosso dalla DX7, primo frutto della collaborazione tra Pininfarina e South East Motor-SEM, i due marchi presentano al Salone dell’Auto di Pechino una novità mondiale, DX3 concept, un SUV compatto che anticipa la prossima vettura di produzione, anch’essa sviluppata da Pininfarina in Italia.

DX Concept, che unisce l’aspetto sportivo alle linee fluide ed eleganti tipiche di Pininfarina, costituirà la base per il futuro linguaggio di stile della serie DX. Nei prossimi 5 anni, infatti, SEM svilupperà assieme a Pininfarina diverse tipologie di SUV con l’obiettivo di formare un’intera famiglia di prodotti per la Cina.

DX3 Concept è la prosecuzione delle attività di progettazione svolte sulla DX7, il primo SUV cinese con un tocco italiano, presentato ad Auto Shanghai 2015. Grazie al design Pininfarina, la DX7 ha fatto il pieno di riconoscimenti aggiudicandosi oltre 30 premi della stampa specializzata cinese, tra il quali il SUV of the Year 2015 nell’ambito dei “China Automotive Billboard Awards”. Da quando è entrata in produzione nel luglio 2015, inoltre, la DX7 ha superato per più mesi consecutivi il tetto dei 10mila ordini mensili, conquistando rapidamente il mercato cinese dei SUV. La DX7 aveva già vinto, alla sua prima apparizione al Guangzhou Motor Show nel 2014, il premio “The most awaited local brand SUV ” attribuito da oltre 100 media e più di 50.000 visitatori.

“DX3 concept e DX7 – spiega Silvio Pietro Angori, AD Pininfarina – stabiliscono un nuovo punto di riferimento per il segmento SUV. La DX7 ha tanto successo perché esprime tutto il know-how Pininfarina e competenze che sono perfette per il mercato cinese: ricerca stilistica e sviluppo finalizzati a definire una bellezza senza tempo nella migliore tradizione dello stile italiano. Il tocco italiano combinato con l’innovazione tecnologica di SEM rendono i progetti DX3 e DX7 eleganti, solidi, rivolti al futuro”.

A contribuire fattivamente al successo della collaborazione con South East Motor è il team della Pininfarina Automotive Engineering Shanghai (PAES), nata nel 2010 con l’obiettivo di localizzare un satellite di sviluppo design a Shanghai, sito strategico dell’Automotive per l’area asiatica. Oggi PAES è un consolidato avamposto di sviluppo commerciale e creazione design che, sotto la guida di Federico Viganò (General Manager) e Orazio Daldosso (Design Director) e la supervisione dall’Italia del Chief Creative Officer Fabio Filippini, può contare su un team multiculturale di 20 persone che conferiscono alla sede cinese di Pininfarina un forte carattere internazionale e una visione globale nella quotidiana sfida ad un mercato sempre più esigente.

I dati del 2015 parlano chiaro: crescita del parco clienti, un fatturato nell’ordine di 3 milioni di euro (più che triplicato rispetto al 2014), oltre 20 progetti sviluppati di cui 7 in collaborazione con la sede italiana e 14 in autonomia, realizzazione di 20 modelli clay e 13 modelli CAS. Uno sviluppo che ha richiesto anche l’ampliamento degli uffici e il trasferimento nell’hub tecnologico di Auto City, sempre a Shanghai. I piani del 2016 prevedono il consolidamento del fatturato e un’ulteriore crescita, che porterà il personale a circa 30 risorse.

Pininfarina è stata la prima casa di design italiana a fornire servizi di stile ed ingegneria ai costruttori automobilistici cinesi a partire dal 1996. Da allora, Pininfarina ha ampliato la sua gamma di attività sviluppando partnership con produttori come AviChina (Hafei), Chery, Changfeng, Brilliance, BAIC, JAC e altri, per i quali sono stati progettati veicoli di grande successo commerciale.

La cooperazione tra Pininfarina e SEM è iniziata nel 2012. Alla luce del successo commerciale della DX7, South East Motor approfondirà la collaborazione con Pininfarina sviluppando nuovi prodotti di eccellenza per i consumatori cinesi. Allo stato attuale, Pininfarina e South East Motor sono già al lavoro sulla prossima generazione di nuovi modelli.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

SUV Hyundai

SUV Hyundai: l’offerta della gamma Coreana

Anno dopo anno, il mercato dei SUV sta diventando sempre più predominante e, per questo …

something