in

Saphe One+ e Saphe Drive Mini: prezzo, recensione, cosa sono e come funzionano

Saphe One Plus Saphe Drive Mini
Tempo di lettura: 5 minuti

L’autovelox, con le sue multe salate per eccesso di velocità, è uno dei dispositivi più detestati da tutti gli automobilisti. Tuttavia, con qualche accortezza, sempre nel rispetto delle norme del codice della strada, è possibile evitare le multe: sfruttando la tecnologia, come ad esempio i segnalatori di autovelox.

Esistono infatti molti prodotti tecnologici, sotto forma di app e non, che permettono di segnalare gli autovelox presenti in zona, senza interferire con il loro funzionamento. Questi strumenti, come appunto Saphe, consentono di avvisare il conducente dell’auto quando ci si sta avvicinando ad un dispositivo che rileva la velocità, o anche solo ad un T-red semaforico o ad un pericolo sulla carreggiata. Quindi incrementano di molto la sicurezza a bordo, anche per pericoli generici.

Nessun dispositivo, ovviamente, può sostituire il buonsenso e il rispetto delle norme del codice della strada e dei limiti di velocità di volta in volta presenti, comunque sia l’uso di Saphe può evitare multe salate magari per una velocità leggermente superiore a quella indicata.

Saphe One+: il dispositivo compatto ti allerta per autovelox e pericoli

Saphe A/S è stata fondata nel 2015. La loro visione è quella di essere la community per il traffico preferenziale in Europa. In 6 anni hanno venduto più di 900.000 dispositivi, il che li rende una delle più grandi comunità per il traffico in Europa.

Saphe è il dispositivo anti-autovelox da posizionare in auto che funziona, a differenza di altri sistemi, senza abbonamento, il che lo rende il perfetto segnalatore di autovelox con segnale acustico e luminoso.

Esistono diversi modelli della gamma Saphe: con il Saphe One+ potremo essere aggiornati e informati, mentre viaggiamo in auto, di autovelox mobili e fissi che troviamo sulla strada in modo da evitare di prendere multe, solamente grazie a Saphe One+ e al nostro smartphone. Al contrario di Coyote (il competitor francese, che richiede abbonamento mensile di circa 13 euro), Saphe non richiede alcun abbonamento. Una volta acquistato il prodotto, questo riceve tutti i benefici e gli aggiornamenti dall’App Saphe Link (presente su Google Play e App Store) in modo illimitato.

Il Saphe One+ funziona in tutta Europa ed è un dispositivo che lavora con il concetto di community, infatti più dispositivi Saphe ci sono sul territorio più sarà aggiornato il database di autovelox fissi e mobili in Italia e all’estero.

Saphe One+ utilizza un avviso acustico e visivo, attraverso un LED, per allertare in caso si incontrino tutti i tipi di autovelox presenti, compresi quelli fissi o mobili, il sistema Tutor per la rilevazione di velocità media e telecamere al semaforo T-RED.

Attraverso l’App si accede ai dati di localizzazione di circa 100.000 autovelox fissi e ai dati sul traffico, forniti da 900.000 utenti Saphe in tutta Europa. Il prodotto funziona sia in Italia che all’estero. Unica accortezza: se si usa all’estero bisogna rientrare in Italia dopo 30gg per poi continuare ad usarlo all’estero. Se si usa in Italia invece non ha scadenza: funziona sempre.

Volendo, ed è consigliato, è possibile segnalare dei nuovi autovelox fissi e mobili o del traffico e i pericoli in modo semplice e veloce cliccando sul tasto apposito del Saphe One+. Il tasto blu corrisponde agli autovelox, il tasto rosso per segnalare un’auto in panne, un incidente o un pericolo lungo la strada. Infatti, il limite del sistema, come del resto tutti questi dispositivi, si basa sul fatto che se la community in quella zona è carente le segnalazioni saranno meno aggiornate e pertanto avremo falsi allarmi o, peggio, mancate allerte. Per il nostro uso vicino alle grandi città del Nord Italia non abbiamo riscontrato anomalie, a parte qualche velox segnalato in senso contrario alla nostra direzione di marcia.

Grazie alla sincronizzazione via bluetooth con il nostro smartphone permette un avvio automatico quando entriamo in auto, senza la necessità di aprire l’applicazione o attivarla. Non è necessario inoltre impostare percorsi di navigazione per ricevere le segnalazioni. Il dispositivo è munito di un sensore di movimento e si avvia appena l’auto si muove e si collega in automatico al telefono.

Inoltre, il dispositivo Saphe può essere collegato a più telefoni, quindi ogni “autista” di una famiglia o gruppo che guida la stessa macchina può beneficiare del prodotto senza costi aggiuntivi.

La batteria del One+ dura dai 2 ai 3 anni e sostituirla è semplicissimo, sicuramente la batteria del telefono invece sarà un po’ più sollecitata, ma nulla che possa peggiorare le prestazioni dello smartphone.

Saphe Drive Mini: lo step ulteriore per monitorare le allerte

Il Saphe Drive Mini è un livello sopra il One+, ma anch’esso si avvia automaticamente alla partenza via Bluetooth. A differenza della versione One+, il Drive Mini ha un display a colori integrato, il segnalatore di autovelox mostra icone intuitive, fornisce avvisi e indicazioni sulla distanza dagli autovelox ed è efficiente dal punto di vista energetico. Perfetto per i Sistema Tutor, anch’esso non necessita di nessun abbonamento e nessun acquisto in-app.

L’applicazione Saphe Link, da scaricare sul proprio smartphone, permette di personalizzare le allerte a seconda delle esigenze. Si può inoltre abilitare o disabilitare le allerte e personalizzare le impostazioni del suono di ciascuna. Alla prova dei fatti anche Saphe Drive Mini ci ha sempre fornito le segnalazioni più affidabili, al momento giusto.

L’app consente una comunicazione rapida ed efficiente tra gli utenti, una comunicazione che fa la differenza e aiuta a ridurre il numero di incidenti stradali. Dopo aver acquistato il prodotto, il servizio di segnalazioni e l’app Saphe Link sono gratuiti e non richiedono alcun canone di abbonamento mensile.

Inoltre, Club Saphe è una community europea per gli interessati ai temi di sicurezza stradale. Come membro del Club Saphe, si ha accesso a notizie esclusive, concorsi, offerte esclusive dei partner. Per perseguire la missione di Saphe di migliorare la sicurezza stradale, si incentiviamo i conducenti a comunicare tra loro condividendo i dati sul traffico. Inoltre, Saphe vorrebbe conoscere meglio il cliente e capire quali sono le sue abitudini di guida. Più conoscono gli automobilisti e le loro abitudini, più è facile per l’azienda ad aumentare la condivisione delle informazioni e più aumentano la sicurezza stradale.

Come funziona Saphe?

Ad oggi la community di automobilisti conta circa 11.000.000 di dati provenienti dagli utenti in Europa. Ecco come segnalare tempestivamente un’allerta: per segnalare un autovelox mobile è sufficiente premere il pulsante blu rapidamente. La segnalazione è resa disponibile alla community immediatamente.

  • Per segnalare un autovelox fisso bisogna tenere premuto il pulsante blu almeno tre secondi. Le segnalazioni per autovelox fissi non sono subito disponibili perché vengono prima controllate dallo staff Saphe che, dopo aver accertato la presenza dell’autovelox lo inserisce nel database.
  • Per segnalare un pericolo è sufficiente premere il pulsante rosso rapidamente.
  • Per segnalare un’auto in panne si deve tenere premuto il pulsante rosso per più di due secondi.

Funzioni avanzate – La sicurezza è, inoltre, garantita da funzioni di segnalazione incidenti, lavori stradali e auto in coda. Altre funzioni del segnalatore di autovelox per auto sono aggiunte con aggiornamenti.

Dove si trovano i prodotti Saphe? Possiamo comprarli sul sito di Saphe al prezzo attuale di 69,95 euro per il Saphe Drive Mini con display a colori e 49,95 euro per il più compatto Saphe One+: LINK 

I prodotti Saphe sono distribuiti sul mercato italiano dal leader del settore AlpsAlpine e in vendita presso tutti i negozi Bep’s www.beps.it, Norauto www.norauto.it e presso i rivenditori car auto specializzati della vostra città.

Dì la tua

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    michelin e.Primacy

    Michelin vuole diventare Carbon Neutral per il 2050: ecco come arrivarci

    Educare all’e-mobility: Stellantis e UNASCA presentano Pole Position