lunedì, 23 aprile 2018 - 23:33
Home / Notizie / Tecnologia / Sayer il volante del futuro firmato Jaguar Land Rover
Sayer Volante del futuro - Tech Fest 2017

Sayer il volante del futuro firmato Jaguar Land Rover

Tempo di lettura: 2 minuti.

Se il tema della guida autonoma è sulla bocca di tutti nel mondo automotive come innovazione, Jaguar Land Rover ha spostato l’attenzione sul volante del futuro e al prossimo Tech Fest 2017 di Londra presenterà un’inedita proposta.

Il Tech Fest 2017, aperto al pubblico da venerdì 8 a domenica 10 settembre, sarà il palcoscenico in cui verrà svelato Sayer, il primo volante con intelligenza artificiale (AI) ad attivazione vocale che sarà in grado di eseguire centinaia di compiti. Sayer potrà segnalare l’adesione del suo proprietario all’on-demand service club, che tra i vari servizi offre la possibilità di condividere l’auto con altri utenti della comunità.

Dovremo immaginare un futuro caratterizzato da veicoli autonomi, elettrici e sempre connessi, in cui non possederemo più solamente una vettura ma potremo usufruire di un veicolo a nostra scelta, dove e quando ne abbiamo bisogno. Questa è la visione del futuro che Jaguar Land Rover mostrerà con Sayer, il volante che potrebbe diventare l’unica parte di proprietà delle vetture.

Una riunione importante per le 8:00 di domattina a due ore da casa? Basta chiedere a Sayer che, permettendoci di restare comodamente seduti nel salotto, calcolerà la sveglia per il giorno successivo, l’arrivo in modo autonomo di una vettura direttamente a casa e indicherà anche le parti più godibili del tragitto.

Il volante del futuro proposta da Jaguar Land Rover, si chiamerà Sayer come detto. Questo nome è una dedica a Malcolm Sayer, uno dei più celebri e conosciuti designer della storia Jaguar, che ha lavorato per il brand britannico tra il 1951 e il 1970.

La presentazione del volante del futuro avverrà all’interno del Tech Fest 2107, l’evento sarà caratterizzato da esposizioni e installazioni innovative, che mostreranno come la tecnologia potrà essere impiegata in modo realmente positivo. I visitatori verranno proiettati nel futuro e avranno la possibilità di ammirare un mondo in cui le auto si guidano da sole e in cui i veicoli si potranno condividere.

Autore: Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Potrebbe interessarti

bosch

Bosch ed e.GO: il parcheggio non è più un problema

Tempo di lettura: 2 minuti. Avete mai avuto il problema di dover cercare parcheggio in una zona affollata? Se la …

something