in

Sébastien Loeb parteciperà al Rally di Montecarlo 2015, prima tappa del WRC

Tempo di lettura: 3 minuti

Sébastien Loeb, in occasione del Rally di Montecarlo 2015, tornerà al volante della Citroen DS3 WRC. Il Rally di Monecarlo, che scatterà dal Principato di Monaco giovedì 22 gennaio alle 18.30 , è una gara che il pilota francese ha già vinto sette volte nella sua carriera. Non si tratta però d’un ritorno ufficiale nel WRC del Campionissimo, ma solo di un «one-off» prima della ripresa del Campionato WTCC.

Ben quindici mesi dopo il suo ritiro ufficiale dal WRC, il nove volte Campione del mondo torna per sfidare a sua volta il due volte Campione del mondo (2013 e 2014) Ogier sulle sue terre natali, nelle Alpi francesi, in occasione del Rally di Montecarlo, prima gara del WRC 2015.

Loeb piloterà la Citroen DS3 WRC, una vettura che conosce come le sue tasche e con cui ha potuto recentemente ritrovare il feeling necessario, disputando al suo volante l’ultimo Rallye du Var, assieme a sua moglie Séverine nei panni di navigatore. Per affrontare al meglio l’insidioso Rally di Montecarlo, Seb ritroverà però “Danos” Elena al suo fianco, l’equipaggio più blasonato dei rally sarà così riunito per la loro 169° volta assieme in una gara del WRC.

Per Daniel, che è pensionato dall’ottobre 2013, si tratterà di un vero e proprio ritorno alle competizioni d’alto livello, in una gara che gli sta particolarmente a cuore. Per la prima volta dal gennaio 2004, Seb e “Danos” non avranno però il n° 1 sulle portiere della loro vettura!

Raggiunto telefonicamente, Sebastien Loeb ha risposto così:

Senti la mancanza dei rally? 
No. Non è così. Però mi sono sempre piaciute le partecipazioni fuori programma. Quando il mio calendario agonistico era fatto di «rally», mi piaceva ogni tanto correre in circuito. Oggi, mi trovo nella situazione opposta. Ritrovare gli elementi specifici al rally, come dover pilotare di notte, la vicinanza dei tifosi e tutte quelle sensazioni che si provano solo nei rally… è qualcosa che mi piace. Lo ammetto. Questa mia presenza al Montecarlo resta però un rientro one-shot. Non si tratta d’un come-back“.

Avete già avuto modo di provare la versione 2015 della DS3 WRC?
“Non ancora. So che ci sono alcune piccole evoluzioni, una delle quali concerne il motore. È previsto, però, di prender parte ad una grande sessione di prova prima della gara”.

Domanda bonus: hai corso nove volte il Montecarlo, vincendolo sette volte. Quali sono le edizioni di questa gara che hai preferito?
“Pongo in testa alla mia classifica personale l’edizione del 2002. La prima con una WRC. Anche se alla resa dei conti una penalizzazione finale ci relegò quella volta in seconda posizione, noi – i neofiti – avevamo battuto sul campo di gara e sulle speciali un mostro come Mäkinen. Poi, quella del 2003: tripletta della Citroën. Avevamo preceduto all’arrivo altri due mostri come Carlos (Sainz) e Colin (McRae). Sul piano del pilotaggio, mi è piaciuta molto anche l’edizione del 2006: la nostra uscita di strada al primo giorno ci aveva costretti ad attaccare a fondo fino all’ultimo metro di speciale, senza fare calcoli. Fu esaltante». È sempre nell’ambito del percorso del Rallye du Var, al via di Collobrières per essere precisi, che abbiamo raggiunto l’alter ego di Seb, il sempre gioviale «Danos» Elena: «Benché mi sia un po’ arrugginito, da monegasco quale sono è ovviamente con grandissimo piacere che m’appresto a partecipare ancora una volta al mio rally nazionale. Mi pare d’aver capito che i miei colleghi se la ridano sotto i baffi all’idea del programma di rimessa in forma che mi dovrò ora imporre. Sono sicuro che sanno benissimo che farò tutto quel che va fatto. Non vedo l’ora d’essere al via…”.

Neopatentato

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

Eugenio Franzetti: nuovo direttore comunicazione per i tre marchi, Peugeot, Citroen e Ds.

Romain Dumas al Rally di Montecarlo al volante di una Porsche 997 GT3 RS