in

Sfida tra supercar italiane anni ’80: Hammond e May si sfidano in accelerazione [VIDEO]

Tempo di lettura: < 1 minuto

Chi segue il canale YouTube di “The Grand Tour” non sarà sorpreso dal video che gli proponiamo oggi. Una accanto all’altra, guidate rispettivamente da James May e da Richard Hammond, due del famoso trio di conduttori inglesi completato da quello spilungone di Jeremy Clarkson, la Ferrari Testarossa e la Lamborghini Countach LP5000, simbolo degli anni ’80.

Nel loro stile che abbiamo imparato a conoscere prima a Top Gear poi a “The Grand Tour”, sulla piattaforma a pagamento Amazon Prime, sempre sopra le righe, Hammond e May mettono a confronto due supercar veramente d’altri tempi, almeno rispetto alla direzione che il mondo delle auto ad alte prestazioni sta prendendo negli ultimi tempi.

Lei, la Countach LP5000, arrivò proprio appena dopo il lancio della Testarossa: a Sant’Agata Bolognese, e soprattutto a Ferruccio Lamborghini, non andava giù che una “rossa” potesse andare meglio delle sue creature. Cilindrata aumentata a 5.167 cc ma soprattutto le quattrovalvole per cilindro al V12 che era in grado di erogare fino a 455 CV con i sei carburatori Weber (che andavano a penalizzare quasi totalmente la visibilità posteriore).

La Testarossa, invece, è stata simbolo del V12 prima che arrivasse la F550 Maranello per non parlare di mostri sacri di metà anni ’90 (la F50) e di inizio anni ’00 (la Enzo). Disegnata da Pininfarina, molto estrema per essere una Ferrari, il suo V12 arrivò a esprimere 390 CV (diventati 380 dopo il 1989 con il montaggio per legge della marmitta catalitica).

Sulla carta quindi, l’italiana di Maranello appare sfavorita rispetto all’italiana di Sant’Agata Bolognese. Com’è andata? Scopritelo guardando il video!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    george russell helmet cam

    Cosa si prova a guidare una F1 a Monza? In abitacolo con George Russell [VIDEO]

    pagelle gp italia 2021

    Pagelle GP Italia 2021: promossi e bocciati nel Tempio della Velocità