in

Stellantis rinnova l’accordo di collaborazione con il Politecnico di Torino: si guarda al futuro

Tempo di lettura: 3 minuti

Si è svolto presso la sede del Politecnico di Torino il rinnovo dell’accordo che lega Stellantis, guidata e rappresentata dal presidente John Elkann e il famoso istituto di formazione simbolo dell’eccellenza del made in Italy. Al tavolo lo stesso presidente di Stellantis e Guido Saracco, Rettore del Politecnico di Torino. Avviata già nel 1999 ai tempi dell’allora Fiat, poi FCA, oggi Stellantis, la partnership si rinnova con l’obiettivo di rafforzare i progetti di ricerca e sviluppo sui temi della mobilità, sostenibilità e dell’economia circolare, coinvolgendo professori, ricercatori e studenti, congiuntamente alla tradizionale offerta di una solida preparazione tecnico-scientifica.

In altri termini Stellantis si impegnerà a supportare direttamente il Corso di Laurea in Ingegneria dell’Autoveicolo per il quadriennio 2022-2026 e le relative attività di ricerca per accelerare lo sviluppo di prodotti per la mobilità sostenibile. L’impegno da parte di Stellantis ammonta a un totale di 7,4 milioni di euro, pari ad una media annuale di 1,85 milioni di euro per lo più focalizzati sulle sfide tecnologiche proposte dal settore automotive e della mobilità sostenibile: elettrificazione, guida autonoma e interconnessa, digitalizzazione dei processi di manifattura e sviluppo di processi di fabbrica a supporto dell’economia circolare.

Stellantis e Politecnico di Torino: si arriva da un periodo positivo

I risultati conseguiti nel corso del periodo 2018-2022 sono rilevanti e costituiscono una solida base di sviluppo per raggiungere nuovi traguardi. Per quanto riguarda l’attività didattica legata all’Ingegneria dell’Autoveicolo, sono aumentati nell’ultimo quadriennio gli studenti immatricolati sui due livelli (Laurea di I livello e Laurea magistrale), passando a 1878, mentre erano 1432 nei quattro anni precedenti. Sono saliti così complessivamente a oltre 4742 gli studenti immatricolati ai corsi di ingegneria dell’Autoveicolo dalla sua istituzione, nel 1999. Confermata la vocazione internazionale del corso: la percentuale di studenti stranieri si è attestata a circa il 15% degli immatricolati. È continuata inoltre un’importante attività didattica in diversi corsi annuali da parte di manager e professionisti di Stellantis. Offerto dal Gruppo anche un nutrito programma di moduli formativi volontari per gli studenti su tematiche specialistiche di progettazione e processi di fabbricazione del veicolo.

Bene anche le percentuali di laureati che trovano lavoro entro un anno: sono ben il 93,3%. Questo accordo si estende, inoltre, ai percorsi di laurea internazionale sviluppati con l’Università di Windsor (Canada) e l’Università di Oakland (USA). 48, invece, i progetti di ricerca congiunti finanziati e deputati ai problemi industriali nell’ambito della propulsione elettrica, guida autonoma, nuovi materiali, manifattura additiva e sviluppo dell’industria 4.0.

“Le trasformazioni epocali che interessano il mondo dell’auto stanno cambiando non solo le diverse attività di produzione, ma anche l’intero settore della mobilità: per spostarci in modo veloce, sicuro, confortevole e rispettoso per l’ambiente è necessario sviluppare nuovi saperi, anche intensificando la relazione tra università e industria. Rinnovando la felice collaborazione avviata ormai oltre 20 anni fa con il Politecnico, rafforziamo la nostra capacità di essere protagonisti dell’auto anche nel futuro, a Torino e in tutto il mondo”.

John Elkann, Presidente di Stellantis
john elkann guido saracco

Il Rettore del Politecnico di Torino, , ha ricordato: “Il rinnovo dell’accordo con Stellantis consolida un rapporto di partnership ormai ventennale, uno dei più longevi e fruttuosi per il nostro Ateneo, che riguarda tematiche di ricerca avanzata e interdisciplinare, un approccio al trasferimento tecnologico focalizzato sulla condivisione della conoscenza. Rimane cardine dell’accordo la co-progettazione di un corso di laurea, l’Ingegneria dell’Autoveicolo, che ha rappresentato al suo esordio una novità assoluta nel panorama formativo italiano, ma ancora oggi mantiene intatta la sua grande attrattività per gli studenti grazie proprio allo stretto rapporto tra industria e accademia e alla sua dimensione internazionale che beneficia della rete di collaborazioni sia del Politecnico di Torino, che di Stellantis”.

Guido Saracco, Rettire Politecnico di Torino

 

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    bmw 3.0 csl

    BMW 3.0 CSL: torna la leggenda con 560 CV e cambio manuale

    Suzuki Swift Hybrid 2022 rosso Marrakesh

    Suzuki Swift Hybrid 2022: prezzo, consumi, interni, prova su strada