in

Suzuki e la tecnologia “OcchioAlLimite”: ecco come funziona

Tempo di lettura: < 1 minuto

La gamma Suzuki è all’avanguardia in tema di dispositivi di sicurezza e di guida semi-autonoma: – “Attentofrena”, “Guidadritto” e “Restasveglio” sono solo alcuni dei nomi che descrivono efficacemente ai Clienti i contenuti ADAS di serie presenti sui modelli della casa di Hamamatsu.

Tutto di serie, senza sorprese”: sulle automobili Suzuki di grande diffusione è spesso standard ciò che molti altri costruttori forniscono solo a pagamento o sui modelli dei segmenti più alti.

Anche i sistemi di guida semi-autonoma di Suzuki non si sottraggono a questa semplice regola. In un mercato in cui la sicurezza è spesso considerata un optional a pagamento, la casa di Hamamatsu sceglie di equipaggiare di serie gli allestimenti più richiesti dei suoi modelli con i sistemi più avanzati, garantendo ai Clienti il meglio di quanto offerto dalla tecnologia attuale.

“Occhioallimite” – Riconoscimento segnali stradali

La telecamera monoculare è capace di controllare la segnaletica verticale presente sulla strada e di riconoscere i cartelli. Quando individua pannelli che indicano limiti di velocità o divieti di sorpasso, per esempio, il sistema li riproduce sul display che integra la strumentazione, per ricordare al pilota quali siano le disposizioni in vigore sulla strada percorsa. Lo schermo può riportare fino a tre simboli contemporaneamente.

Quando il sistema riconosce un segnale stradale, come un limite di velocità o un divieto di sorpasso, lo mostra all’interno del quadro strumenti per aiutarti a ricordare sempre quali segnali stradali sono validi in quel tratto di strada.

Dì la tua

Centro Norauto

Il 39° Centro Norauto in Italia verrà inaugurato il 29 settembre. Ecco dove

monopattini elettrici

Codice della strada 2021: niente norme sui monopattini. L’attacco del Codacons