in

Suzuki studia il modulo lunare per competere al Google Lunar XPRIZE

Tempo di lettura: < 1 minuto

Suzuki ha appena firmato un accordo di partnership con il team giapponese Hakuto, uno dei partecipanti al contest Google Lunar XPRIZE.

Google Lunar XPRIZE, una competizione da 30 milioni di dollari svolta a livello mondiale ha l’obiettivo di far atterrare una navicella spaziale sulla superficie lunare entro il 31 dicembre 2017 e Suzuki fornirà il supporto tecnico al rover (veicolo lunare) progettato dal team Hakuto, cercando di ottimizzare grazie all’esperienza il peso del modulo e il controllo della trazione, decisiva su una superficie come quella lunare a gravità quasi zero come hanno insegnato le precedenti esplorazioni degli anni settanta.

La leggerezza del rover è inoltre cruciale per ridurre i costi del lancio e la trazione sarà importante per massimizzare la capacità di muoversi senza scivolare sulla superficie, in modo da completare la missione con successo. La trazione integrale della quale la casa giapponese è maestra grazie anche alle più recenti tecnologie 4WD ALLGRIP che equipaggia molti modelli della gamma Suzuki sembra essere il fattore chiave per muoversi sulla luna.

Nuova Suzuki S-Cross e Vitara ad esempio sono dotate della tecnologia “feedforward”, che consente di valutare la possibilità di slittamento in base ai parametri di guida. La sfida per lo sbarco lunare è un progetto ambizioso, ma Suzuki intende trarre pieno vantaggio dalla sua conoscenza e dalle sue tecnologie per far avverare questo sogno al team giapponese Hakuto.

Hakuto spera di essere la prima squadra che completerà con successo il Google Lunar XPRIZE e di aggiudicarsi così l’ambito premio di 20 milioni di dollari. Condizione fondamentale è la dimostrazione da parte delle squadre che il 90 % dei loro costi proverrà da fonti private.

Per ulteriori informazioni, visitate il sito http://lunar.xprize.org/.

Dì la tua

Infiniti ed il Gruppo Fassina partner di Miss Italia 2016

Nuova Hyundai i10: prime informazioni