giovedì, 26 aprile 2018 - 16:59
Home / Notizie / Tecnologia / Tecnica: debutta il nuovo 2.2 Multijet II da 200 CV su Cherokee e poi su “Giulia”

Tecnica: debutta il nuovo 2.2 Multijet II da 200 CV su Cherokee e poi su “Giulia”

Tempo di lettura: 3 minuti.

Da oggi, in Italia è possibile ordinare la nuova motorizzazione 2.2 Multijet II che posiziona la Jeep Cherokee al vertice della sua categoria per prestazioni, efficienza e performance fuoristradistiche. Due le varianti di potenza per soddisfare qualunque esigenza d’impiego: 200 CV e 185 CV, entrambe con 440 Nm di coppia massima. Sarà lo stesso motore che troverà posto (montato però longitudinalmente) sotto il cofano della nuova Alfa Romeo 952 “Giulia”.

Il nuovo motore turbodiesel 2.2 Multijet II

Rispetto al motore precedente, il nuovo propulsore 2.2 da 200 CV migliora sia la coppia del 25%, sia l’accelerazione e la potenza che risultano aumentate del 17%, mentre le emissioni di CO2 diminuiscono del 3% raggiungendo i 150 g/km.

Prodotto nello stabilimento italiano di Pratola Serra (Avellino), il nuovo 2.2 Multijet II eroga una potenza di 200 CV (147 kW) a 3.500 giri/min. e una coppia di 440 Nm a 2.500 giri/min., valori che lo collocano tra i turbodiesel quattro cilindri più prestazionali presenti sul mercato.

La cilindrata del nuovo propulsore, di 2.184 cm3, è stata definita per raggiungere elevati standard in termini di potenza, erogazione della coppia ed efficienza nei consumi, in abbinamento con un sistema di trattamento dei gas di scarico ottimizzato. Quest’ultimo è composto da un “close couple DPF” con NSC (NOx storage catalyst) posizionato nel vano motore, che funziona in abbinamento alla gestione dell’EGR (sia ad alta, sia a bassa pressione). Il motore è conforme alla normativa antinquinamento Euro 6.

L’architettura del nuovo 4 cilindri 2.2 Multijet II prevede una specifica testata in alluminio bialbero a 16 valvole, progettata in funzione delle accresciute pressioni di esercizio del sistema common rail con Injection Rate Shaping, che lavora a 2.000 bar. Il disegno dei pistoni, delle bielle e dell’albero motore è ottimizzato nell’ottica del contenimento del peso.

La forma della camera di combustione e il rapporto di compressione ridotto garantiscono basse emissioni inquinanti di NOx ed elevate prestazioni, mentre gli inediti iniettori a solenoide nebulizzano molto finemente il combustibile, con vantaggi evidenti sia sul fronte della silenziosità di funzionamento, sia su quello del contenimento dei consumi.

La sovralimentazione del propulsore è realizzata mediante un inedito turbocompressore a geometria variabile integrato nel collettore di scarico: una soluzione che riduce il peso del motore e migliora la funzionalità del sistema di trattamento dei gas di scarico. Tra gli altri contenuti che contribuiscono a incrementare l’efficienza del nuovo propulsore, sono da segnalare l’alternatore intelligente, la pompa dell’olio a cilindrata variabile e lo Start&Stop.

Il nuovo 2.2 Multijet II è stato pensato fin dall’inizio per esaltare le leggendarie capacità dell’impiego off-road, tipiche di una vettura Jeep: il motore dispone di un sistema d’aspirazione protetto dall’ingresso dell’acqua e può affrontare una profondità di guado fino a 48 cm. La corretta circolazione di tutti i liquidi all’interno del propulsore (oli e combustibile) è assicurata anche sulle forti pendenze (con inclinazioni longitudinali fino al 60% e trasversali fino al 45%).

Jeep Cherokee rinnova la gamma

cherokee 001

La variante da 200 CV è disponibile sulle versioni Limited e sulla nuova Limited Plus, con un listino prezzi che parte rispettivamente da 50.500 euro e da 54.000 euro, mentre il 185 CV è disponibile solo sulla Cherokee Longitude ed è proposto a partire da 45.900 euro.

Ma le novità non finiscono qui. La gamma della Jeep Cherokee, infatti, si rinnova con l’arricchimento degli allestimenti come dimostra, ad esempio, la versione Longitude che da oggi offre di serie sia il sistema di navigazione UconnectTM touchscreen con schermo da 8,4″, sia il pack Comfort Group che include: portellone posteriore elettrico, tergicristalli con sensore pioggia, sensore crepuscolare, sedile regolabile elettricamente in 8 posizioni, sedile con regolazione lombare elettrica in 4 posizioni e specchietto retrovisore autoanabbagliante con microfono. La Jeep Cherokee Longitude è disponibile nelle motorizzazioni 2.0 Multijet II da 140 CV (oggetto della nostra prova) e 2.2 Multijet II da 185 CV e il listino prezzi parte da 39.900 euro.

Novità anche per gli allestimenti Limited e Trailhawk che da oggi offrono optional ancora più esclusivi, oltre ad essere dotati di serie del sistema di navigazione UconnectTM touchscreen con schermo da 8,4″ di serie. Il listino prezzi parte rispettivamente da 44.500 euro e 53.500 euro.

Debutta infine la nuova versione Limited Plus che è proposta esclusivamente con il 2.2 Multijet II da 200 CV e il sistema di trazione Jeep Active Drive II (marce ridotte). L’allestimento al top della gamma offre di serie il tetto in vetro “Command View “e il pack “Technology Group” che include: sistema di frenata avanzato (Advanced Brake Assist); sistema di avviso di uscita dalla corsia (Lane Departure Warning Plus); fari con funzione Smartbeam che disattiva gli abbaglianti; sistema di avviso di avvicinamento a veicolo sulla stessa traiettoria (Full Speed Forward Collision Warning Plus); Cruise Control adattivo con Start&Stop; specchietto con rilevazione angolo cieco (Blind-Spot Monitoring); sistema di assistenza al parcheggio posteriore e parallelo.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Burnout Paradise Remastered

Burnout Paradise Remastered: vecchio stile per il nuovo gioco

Tempo di lettura: 2 minuti. Partiamo subito con il precisare: stiamo parlando di una rimasterizzazione, non di un remake. Ciò …

something