in

Tecnica: Porsche Cayenne S E-Hybrid

Tempo di lettura: 5 minuti

La nuova Cayenne è proposta in tre diverse motorizzazioni: turbodiesel, benzina ed una E-Hybrid, tutte dotate di serie di trazione integrale PTM (Porsche Traction Management) e di cambio automatico Tiptronic S a 8 rapporti con funzione automatica di Start-Stop. La novità di rilievo della nuova gamma Cayenne è rappresentata sicuramente dalla Cayenne S E-Hybrid, la prima vettura a trazione ibrida plug-in nel segmento dei SUV Premium.

L’evoluzione tecnica rispetto alla precedente Cayenne S Hybrid è enorme: la batteria agli ioni di litio, è posizionata sotto il pianale di carico (al posto della ruota di scorta per capirci) e ha ora una capacità di 10,9 kWh e può raggiungere, in base allo stile di guida e al fondo stradale, un’autonomia esclusivamente elettrica da 18 a 36 chilometri.

La potenza del motore elettrico è più che raddoppiata passando da 47 CV (34 kW) a 95 CV (70 kW).
I consumi nel ciclo combinato sono ora pari a 3,4 l/100 km (79 g/km CO2), ma sul pratico si fatica ancora a superari i 12km/l nel misto, meglio in città, ma solo se non si scarica completamente la batteria. La potenza combinata di complessivi 416 CV (306 kW) a 5.500 giri/min del motore V6 da 3,0 litri sovralimentato (333 CV/245 kW) e del motore elettrico e la coppia complessiva di 590 Nm tra 1.250 e 4.000 giri/min consentono prestazioni degne di una vettura sportiva: accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,9 secondi e velocità massima di 243 km/h. Con alimentazione solo elettrica, la velocità massima è di 125 km/h.

int1

La batteria può essere ricaricata tramite la rete elettrica o durante la guida, così facendo però i consumi si impennano parecchio. Le principali informazioni della vettura sono richiamabili tramite smartphone grazie al Porsche Car Connect di serie: ad esempio, tramite smartphone è possibile richiamare i dati relativi allo stato di carica o all’efficienza energetica oppure controllare la climatizzazione opzionale durante la sosta. Essa consente di riscaldare o raffreddare l’abitacolo ad accensione disinserita, per regolare la temperatura prima del viaggio, mentre la vettura è ancora collegata alla rete elettrica. In questo modo non si utilizza energia durante il viaggio e l’autonomia elettrica aumenta.

La vettura è dotata di serie di un nuovo caricabatteria da 3,6-kW. Come optional, è disponibile anche un caricabatteria integrato con una potenza di 7,2 kW, che carica la Cayenne S E-Hybrid con una velocità doppia, a condizione che vi sia un collegamento elettrico adeguato.

Una peculiarità è il serbatoio del carburante a pressione della Cayenne S E-Hybrid. Una leggera sovrappressione di 0,3 bar garantisce che il carburante esalato non si liberi in aria, influendo negativamente sulle emissioni. Durante il rifornimento, premendo il tasto di sblocco della valvola del serbatoio si crea una depressurizzazione e il gas del carburante viene neutralizzato tramite un filtro a carboni attivi. Naturalmente, la Cayenne S E-Hybrid è conforme alla normativa Euro 6 sui gas di scarico.

La storia dell’ibrido di Stoccarda

La tradizione ibrida in Porsche risale al lontano 1899 e alla Lohner-Porsche, la prima vettura al mondo con trazione elettrica a batteria e motore a combustione, progettata da Ferdinand Porsche. Nell’attuale gamma di modelli, come prima vettura plug-in della categoria superiore, la Panamera S E-Hybrid stabilisce standard a livello mondiale. Ora, la Cayenne S E-Hybrid trasferisce questa tecnica avveniristica nel segmento dei SUV Premium. La 918 Spyder ha già dimostrato come la tecnologia ibrida potesse essere trasferita addirittura nella categoria delle supersportive, ma la tecnologia che viene ancora oggi testata nel Motorsport (leggi Le Mans) verrà sempre più applicata nella produzione in serie. Ad esempio lo sviluppo della Porsche 919 Hybrid (impegnata nel WEC 2014) rappresenta la forma attualmente più avanzata di tecnologia ibrida che è stata studiata anche per i veicoli della produzione in serie.

Trasmissione: Tiptronic S a 8 rapporti

Grazie all’ampiezza di rapportatura il Tiptronic S a 8 rapporti consente di ridurre i consumi e di offrire un comfort e una sportività maggiori. I bassi regimi ottenuti a velocità elevate selezionando marce più alte riducono il livello di rumorosità nell’abitacolo. Il Tiptronic S a 8 rapporti cambia automaticamente, adeguandosi allo stile di guida.

Nuova la funzione automatica Start-Stop ampliata, che spegne il motore non solo a vettura ferma ma già in fase di avvicinamento al semaforo.

int4

Per ridurre ulteriormente i consumi in determinate situazioni di marcia è possibile «veleggiare» rilasciando l’acceleratore per ridurre lentamente la velocità. Il motore viene disaccoppiato per lasciarvi scivolare a regime minimo eliminando così l’effetto frenante. La Cayenne S E-Hybrid si spinge oltre: disattiva completamente il motore a combustione già durante la marcia, forte della coppia robusta del solo elettrico.

Un dosaggio supplementare a comando sul pedale dell’acceleratore (doppio step) segnala quando si passa dalla guida esclusivamente elettrica alla guida con motore a combustione. Il motore a combustione si attiva in base al bisogno o in caso di maggiore dosaggio sul pedale dell’acceleratore.
Tramite kick-down si può utilizzare in qualsiasi momento tutta la potenza, grazie al sistema boost. Il motore elettrico assicura un’ulteriore spinta. 

Il Porsche Traction Management (PTM) e il Porsche Torque Vectoring Plus (PTV Plus)

Il PTM gestisce la trazione integrale permanente con differenziale centrale autobloccante che, di norma, ripartisce la forza motrice per il 60% all’asse posteriore e per il 40% all’asse anteriore. Se la ruota di un asse rischia di slittare, il differenziale centrale autobloccante ripartisce autonomamente la forza motrice all’asse con la migliore trazione. Una ripartizione variabile della coppia all’asse posteriore migliora ulteriormente la precisione di sterzata e la dinamica di guida.

int2

Il PTV Plus è un sistema per aumentare la dinamica e la stabilità di guida. Agisce ripartendo in maniera variabile la coppia alle ruote posteriori e si avvale di un differenziale posteriore a controllo elettronico. In base all’angolo e alla velocità di sterzata, alla posizione dell’acceleratore, al momento d’imbardata e alla velocità, il PTV Plus migliora le manovre e la precisione di sterzata con interventi frenanti mirati della ruota posteriore destra o sinistra.

L’impianto frenante PCCB e i fari attivi a LED

Ripreso dal Motorsport per rendere ancora più sicuro ogni spostamento della vita quotidiana: il Porsche Ceramic Composite Brake (PCCB), testato in pista, è solo un esempio di questa filosofia Porsche. Il vantaggio decisivo di questo impianto frenante risiede nel peso estremamente contenuto dei dischi freno carboceramici, che risultano circa il 50% più leggeri dei dischi di tipologia e dimensioni simili in fusione di ghisa grigia. Un fattore che incide positivamente su prestazioni e consumi, e riduce le masse rotanti non sospese. Per una maggiore maneggevolezza, migliore aderenza al terreno, comfort di guida elevato e minore resistenza al rotolamento.

int3

Illuminazione ottimale della carreggiata grazie alle luci anabbaglianti, abbaglianti e laterali. Gli occhi si affaticano meno grazie al colore simile alla luce diurna e alla ridotta dispersione luminosa dei fari principali a LED.

Il PDLS adegua la distribuzione del fascio di luce alla velocità della vettura. La regolazione dinamica della luce in curva orienta i fari principali in base all’angolo di sterzata e alla velocità della vettura in curva, la luce statica in curva attiva i fari supplementari per illuminare meglio l’uscita da curve strette o durante le manovre di svolta.

PDLS+ offre due funzioni supplementari: le luci abbaglianti dinamiche, attive a partire da una velocità di circa 65 km/h, e il riconoscimento dei veicoli provenienti dalla direzione opposta e di quelli che vi precedono. L’intensità e la portata del fascio di luce si adeguano ad ogni situazione. In prossimità di un incrocio o di una confluenza la funzione di assistenza agli incroci attiva l’indicatore di direzione sinistro e destro allargando e accorciando il fascio di luce. Per una migliore illuminazione dell’area immediatamente circostante.

A breve pubblichieremo la nostra prova su strada.

Cayenne S E-Hybrid

• Motore: Turbo Benzina V6 da 3,0 litri con motore elettrico
• Potenza: 306 kW/412 CV – Coppia Massima di 590 Nm da 1.250 a 4.000 giri/min
• Accelerazione da 0-100 km/h: 5,9 secondi
• Velocità Massima: 243 km/h
• Consumi nel Ciclo Combinato: 3,4 litri per 100 km
• Emissioni di CO2: 79 g/km
• Prezzo di Listino: 86.407 euro

Guidatore della domenica

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Campionato Italiano Rally 2016 | Calendario ufficiale

Foto di Gabriele Bolognesi

Alfa Romeo 4C Spider | Prova su strada