in

Tesla: la prossima sarà un pick up?

Tempo di lettura: 2 minuti

Un po’come accade per gli smartphone, appena viene presentato un modello nuovo, si inizia subito a parlare della versione successiva. Lo stesso si può dire per le auto di Tesla, da molti paragonata ad Apple.

All’indomani del successo del lancio della Model 3, con 325.000 ordini in una settimana, è tempo di parlare dei prossimi piani di quel genio visionario di Elon Musk. Qualche indizio ce l’ha fornito proprio lui un mese fa parlando allo Startmeup Festival di Hong Kong.

“Credo sia verosimile la realizzazione di un pickup Tesla nel prossimo futuro. Penso sia un passo logico per noi”.

Non era la prima volta che Musk faceva questa ipotesi. Anzi. Negli anni scorsi spesso ha dichiarato la sua volontà di entrare a gamba tesa nel segmento super competitivo dei truck perché “L’obiettivo di Tesla è quello di rendere desiderabile l’auto elettrica. Per farlo dobbiamo produrre auto che la gente compra”. Logica impeccabile. Soprattutto in ottica “US market”, dove da ormai trent’anni, il veicolo in cima alle classifiche di vendita, è stabilmente il maxi pickup Ford F-150.

Nel 2015 le tre vetture più vendute negli USA sono stati proprio i truck: al primo posto da ben 30 anni si è piazzata Ford con la sua F-Series (780.000 unità), seguita da Chevrolet Silverado (600.500 unità) e al terzo RAM Pickup (451.000 unità). La tendenza per il 2016 sembra essere confermata, con un vero e proprio boom dei pickup FCA, e un drastico calo delle berline economiche.

Il pickup Tesla sarebbe unico in questo settore, dove, al massimo, troviamo degli heavy-duty ibridi (pochi per la verità).

Le intenzioni di Musk sarebbero proprio quelle di lanciare un Tesla heavy-duty, ossia la categoria adatta ai maxi carichi, sia da lavoro che da tempo libero.

Non avendo un motore termico inoltre ci sarebbe molto spazio nel cofano per riporre oggetti, cosa che un pickup tradizionale non può offrire. Resta tutta da capire l’autonomia a pieno carico e lo stile che avrebbe viste le linee molto arrotondate delle Tesla che mal si sposerebbero con i mastodontici truck americani.

Probabilmente si chiamerà Tesla Model Y, perché nei piani di Elon, le lettere dei modelli Tesla lette insieme dovrebbero formare la parola “S-E-X-Y”.

S, X, ed E, che è diventata 3 per una questione legale, esistono già. A renderw ancora più “s3xy” la gamma Tesla, manca la Y.

“Se le persone scelgono i pickup come loro auto, beh, noi dobbiamo consegnare loro quell’auto” afferma Elon Musk.

Dì la tua

Citroën: l’automobile si fa mobile per la Design Week

Foto di Marco Passaniti

Intervista a Paolo Andreucci: Sanremo, il CIR e un futuro tutto da scrivere