in

Tesla Model S Plaid avrà anche i freni carboceramici, ma a che prezzo?

Freni ceramici tesla model s plaid
Tempo di lettura: 2 minuti

È tra le automobili più potenti al mondo, ma non è solo questo la Tesla Model S Plaid, è anche velocità, in quanto la vettura è riuscita a battere il record sul circuito del Nurburgring stabilito dalla Porsche Taycan. Le sue conquiste non si limitano a questo, poiché sono svariate le gare di accelerazione sul quarto di miglio in cui è riuscita a mettersi alle spalle altre supercar.

Velocità deve per forza rima con sicurezza, ed è per questo che la Casa americana ha deciso di dotare la Tesla Model S Plaid di freni carboceramici entro la metà del 2022. Si tratta di un nuovo e sofisticato impianto frenante con dischi carboceramici, specificatamente progettati per far godere al massimo le prestazioni della Model S Plaid senza il timore di non riuscire a rallentare le folli velocità che è in grado di raggiungere. Il kit sarà disponibile anche in una fase successiva all’acquisto dell’auto ed al suo interno vi sono dischi in carburo di carboniosilicio, pinze monoblocco a 6 pistoncini, pastiglie ad alte prestazioni ed un liquido innovativo efficace anche alle alte temperature.

Nello specifico, i dischi anteriori hanno un diametro di 410 mm ed uno spessore di 15 mm, una conformazione finora mai vista su vetture da strada. Pinze a 4 pistoncini meno ingombranti sul retrotreno. I cerchi da 21 pollici sono in lega Arachnid, montati proprio per essere abbastanza prestanti durante la frenata.

Quello che scoraggia, purtroppo, è il prezzo; già dallo shop ufficiale, infatti, è indicata la cifra di 20.000 dollari, una spesa talmente alta che potrebbe interessare solo una piccola fetta di clientela. Voci di corridoio non escludono che il valore economico del kit possa essere usato per sondare il terreno in vista di una possibile Model S Plaid Plus. Questa tesi sarebbe avvalorata dal fatto che di recente, al Nurburgring, è stata avvista un’altra Model S con più appendici aerodinamiche e spoiler.

Autore: Angelo Petrucci

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    bmw electrifiyou

    Continua il tour BMW #ElectrifYou: appuntamento in piazza Gae Aulenti a Milano

    Mercedes: quali sono le differenze tra elettriche EQ e ibride della Stella?