in

Test – Continental ContiPremiumContact 5

Tempo di lettura: 3 minuti

Continental è leader del mercato europeo nel settore degli pneumatici per autovetture. Più del 30 per cento di tutte le auto europee nuove lascia la fabbrica con pneumatici Continental come primo equipaggiamento.
Nella primavera 2012 ha presentato il nuovo pneumatico estivo ContiPremiumContact 5.


Il ContiPremiumContac 5 è stato il primo pneumatico Continental ad essere dotato dell’Etichetta Europea, uno strumento introdotto per aiutare i consumatori a orientarsi meglio nella scelta dei pneumatici, considerando i tre parametri “Consumo carburante”, Rumorosità esterna” e “Aderenza sul bagnato”.

continental1Ben delineate le caratteristiche tecniche del ContiPremiumContact5: si presenta con brevi spazi di frenata su fondi asciutti e bagnati, bassa resistenza al rotolamento, elevata resa chilometrica, precisa manovrabilità e confort di guida. Ad oggi viene prodotto in 26 versioni per cerchi da 14 – 17 pollici. Realizzato per vetture che spaziano dalla piccola cilindrata fino alle classi superiori, è omologato per velocità fino a 270 km/h.

Gli spazi di frenata sul bagnato sono stati ridotti del 15%, la resa chilometrica è aumentata del 12%, la resistenza al rotolamento è stata diminuita dell’8%, mentre il confort risulta del 5% superiore. Anche la manovrabilità supera quella del modello precedente, sia su fondo asciutto che bagnato.

Gli ingegneri hanno puntato su tasselli del battistrada particolarmente grandi sulla spalla dello pneumatico. Questa struttura, ripresa dagli pneumatici sportivi, offre un grip elevato soprattutto in curva, in quanto l’ampiezza dell’impronta di contatto dimostra tutta la sua efficacia nelle zone sotto carico della spalla dello pneumatico, stabilizzando il battistrada. Il guidatore può quindi contare su una tenuta ottimale in curva, un vantaggio in sicurezza che dimostra la sua utilità soprattutto quando si devono evitare ostacoli.

continental2Per ottenere una resistenza al rotolamento particolarmente ridotta, i bordi della cintura e la zona della spalla del nuovo pneumatico sono strutturati in modo tale che i rinforzi risultino particolarmente stabili. I loro movimenti, proprio di conseguenza, si riducono, con un contenimento della perdita di energia durante la guida ed una notevole diminuzione della resistenza al rotolamento. Gli ingegneri di Continental hanno percorso nuove vie anche per quanto riguarda la struttura laterale del ContiPremiumContact 5: i fianchi sono stati resi più flessibili, mentre i talloni sono stati rafforzati. Un’ulteriore caratteristica che riduce la resistenza al rotolamento e allo stesso tempo aumenta la precisione delle manovre, rendendo più confortevole la guida.

Oltre ad elevati standard di sicurezza, gli pneumatici moderni devono vantare anche una rumorosità di rotolamento contenuta. Le spalle del ContiPremiumContact 5 sono quindi state dotate di “tacche silenziatrici“, piccoli segmenti in gomma che passano sopra gli incavi dei singoli tasselli e non lasciano propagare verso l’esterno i rumori di rotolamento sull’asfalto. Inoltre queste tacche permettono di lasciar aperti verso l’esterno i tasselli del battistrada. Ciò assicura una tempestiva deviazione dell’acqua in caso di pioggia e previene il fenomeno dell’aquaplaning.

Il nostro test
Noi di Autoappassionati.it abbiamo iniziato un test del nuovo pneumatico, montato su un modello di auto molto comune in Italia.
Per la Fiat Sedici Diesel abbiamo scelto il ContiPremiumContact5 con misure 205/60 R16 92 H da libretto (fino a 210km/h e 640kg).
continental3Le prime impressioni dopo un centinaio di chilometri sono un miglioramento sensibile dei consumi, da verificare con i nostri strumenti, e un migliore controllo del veicolo soprattutto in condizioni di emergenza come lo scarto improvviso di un ostacolo o la frenata di emergenza. Per ora non abbiamo ancora avuto modo di saggiare le performance sul bagnato.
La rumorosità del veicolo a medie velocità ci sembra inferiore al valore precedente, poi alle velocità autostradali i fruscii aerodinamici prendono il sopravvento sul rumore di rotolamento.
Nel corso del nostro test di 5.000km vi aggiorneremo su come si comporta questa nuova copertura sul suv italo-giapponese, su come variano i consumi e se si modificano le sensazioni alla guida.

Ringraziamo intanto l’officina EuroRacing di Settimo Torinese per il tempestivo intervento di sostituzione gomme, montaggio e l’equilibratura.

 

Le misure disponibili sono:

165/65 R 14 T 185/60 R 14 H 195/55 R 15 V
185/65 R 15 T / H 185/60 R 15 H 195/55 R 16 H
195/65 R 15 H / V 195/60 R 15 H / V 205/55 R 16 H / V / W / W AO / W XL
215/65 R 15 H 205/60 R 15 V 215/55 R 16 V / W
205/60 R 16 H 225/55 R 16
205/55 R 17 V XL
195/50 R 15 V

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Test Peugeot 208 GTi

Nuova Range Rover Sport