in

Test F1 Bahrain, DAY 2: Russell in testa con Mercedes, Schumacher ha girato con Alfa Romeo Racing

test f1
Tempo di lettura: 1 minuto

Il giovane George Russell riscatta il suo inizio di stagione a bordo della disastrosa Williams FW42 salendo a bordo, anche se solo per un giorno, di colei che le prime due gare del mondiale le ha vinte, la Mercedes W10, ottenendo il miglior tempo (1:29.029) in questa seconda giornata di test F1, l’ultima a seguire il Gran Premio del Bahrain.

Anche oggi, volenti o nolenti, tutti gli occhi degli interessati erano però puntati qualche box più in là, dove Mick Schumacher ha smesso la tuta rossa della Ferrari, con cui ieri ha ottenuto il secondo tempo assoluto dietro Max Verstappen.

Dopo aver preso confidenza con la C38 lasciata libera da Antonio Giovinazzi, il tedesco di belle speranze ha chiuso la seconda giornata con il sesto tempo (1:29.998), girando però a soli due centesimi dal tempo di ieri con la più competitiva Ferrari SF90 e completando 70 giri.

Dietro il capolista Russell, il quale ha sorprendentemente girato circa 3 secondi più veloce del suo tempo con la disastrata Williams (1:31.799), buon lavoro di Perez su Racing Point e di Vettel su Ferrari, tornato subito a spingere forte dopo l’errore, da lui ammesso, in gara domenica. 

Completano la classifica, nell’ordine, Sainz, Kvyat, il già citato Mick Schumacher, Albon, Stroll, Ticktum, da tenere d’occhio se Gasly dovesse continuare nella sua spirale negativa, Grosjean, Alonso (impegnato nei test Pirelli per McLaren), Fittipaldi, Norris, Aitken e Latifi.

Nel corso della giornata diversi piloti si sono alternati a bordo della monoposto, come accaduto in McLaren tra Sainz e Alonso e ancora in Haas tra Pietro Fittipaldi, nipote del grande Emerson.

La prima sessione di test in-season finisce qui, appuntamento con la seconda sessione di test dedicati ai rookie e allo sviluppo delle monoposto il martedì e il mercoledì seguenti il Gran Premio di Spagna.

Dì la tua

Kuga 2019

Nuova Ford Kuga 2019: cambia volto e si converte all’ibrido

Il futuro di Seat sempre più elettrico: sei modelli elettrici e ibridi entro il 2021