venerdì, 7 Agosto 2020 - 3:34
Home / Notizie / Curiosità / Top Gear Rally Car: il nuovo set Lego per veri appassionati
Set Top Gear Lego

Top Gear Rally Car: il nuovo set Lego per veri appassionati

Tempo di lettura: 2 minuti.

Un amore eterno per le quattro ruote e tutto ciò che ha a che vedere con il mondo delle auto. Non parliamo solo del famosissimo programma TV Top Gear, ma anche dell’amore che il brand della Danimarca nutre da sempre per tutto questo. Tanto che Lego ha firmato una partnership con il format per la realizzazione di un set d’eccezione: la Top Gear Rally Car.

I Lego e le macchinine giocattolo hanno accompagnato la maggior parte di noi per tutta l’infanzia e c’è chi questi giochi li ha trasformati in vera e propria passione. Così Lego e Top Gear, il programma televisivo da sempre punto di riferimento per tutti gli appassionati di motori, hanno firmato un accordo per la realizzazione di un set Lego brandizzato dal format: Top Gear Rally Car.

Il set Top Gear Rally Car

L’auto da rally Lego è stata sviluppata e realizzata in collaborazione dello staff del programma e si potrà comandare da smartphone tramite l’applicazione Lego Control+. Diverse le funzioni interattive e oltre 400 pezzi da montare per costruire la propria Top Gear Rally Car, lunga 27 cm, alta 10 cm e larga 15 cm. L’auto, che potrà essere gestita e pilotata come un vero e proprio veicolo radiocomandato, mostra diversi riferimenti al programma televisico. Il fronte della confezione, così come le decalcomanie della Rally Car, riportano la scritta “Stig” mentre il logo di Top Gear occupa i i fianchi del veicolo.

Il set Lego per la Top Gear Rally Car è già disponibile per l’acquisto e, per chi volesse, il sito Yeppon offre tutti i set del brand danese e diversi altri prodotti.

Com’era il detto? Lego e motori, gioie e dolori?!

Un legame che perdura nel tempo, quello tra Lego e il mondo dei motori. Qualche tempo fa, infatti, è stata riprodotta una Bugatti Chiron di dimensioni reali con oltre un milione di mattoncini. Nessun dettaglio lasciato al caso, come dimostrano i dischi dei freni che riportano la scritta “Bugatti”, la griglia sull’alettone a forma di ferro di cavallo e via dicendo. Come se non bastasse, la vettura in questione si può anche guidare! Ma non è finita qui. E’ stato, poi, il turno della Ferrari F1 e della McLaren Senna; senza contare tutti gli altri numerosi modelli riprodotti in scala come il Defender e, a breve, la Lamborghini.

Autore: Naomi Ventura

Potrebbe interessarti

Ferrari F40 ieri e oggi

Ferrari F40: un designer la immagina oggi, ed è ancora più bella [VIDEO]

La Ferrari F40, a distanza di più di trent’anni, è ancora considerata tra le auto …