giovedì, 18 ottobre 2018 - 2:17
Home / Notizie / Curiosità / Touring Superleggera: stile, design e un’anima sportiva

Touring Superleggera: stile, design e un’anima sportiva

Tempo di lettura: 2 minuti.

Touring Superleggera festeggia a Torino al Museo Nazionale dell’Automobile i suoi 90 anni, con una mostra aperta al pubblico dal 22 settembre al 20 novembre destinata a diventare un viaggio nel tempo e nello sviluppo del design italiano.

La retrospettiva è nata festeggiare l’anniversario attraverso 11 automobili, ciascuna rappresentativa della sua epoca e di un particolare aspetto del design, ogni modello include una ricca documentazione ed è indicativo di un capitolo dello sviluppo dell’industria dell’auto” racconta Piero Mancardi, CEO di Touring Superleggera, “Torino è stata prima la culla poi il centro industriale dell’automobile italiana, anche questo è motivo della nostra scelta”.

Simbolo italiano

La carrozzeria Touring Superleggera è uno dei massimi esponenti dello stile italiano nel mondo dell’auto. Nata nel 1926 a Milano, l’azienda è diventa con il passare del tempo un punto di riferimento sia per i privati, sia per le case, grazie a collaborazioni con nomi come: Alfa Romeo, Isotta Fraschini, Bmw, Lancia, ma anche nel dopoguerra Aston Martin, Ferrari, Lamborghini e Maserati.

A Torino, non solo esemplari unici d’automobili, ma anche immagini storiche, disegni, modelli in scala e attrezzature per un’azienda che grazie ai nuovi mercati e alle possibilità della tecnologia è tornata ad essere in grado di fare le “fuoriserie”. “Fino a qualche anno fa impossibile fare auto su misura, ora è fattibile. Lavorando in questo modo abbiamo una grande libertà creativa, non c’è il vincolo della produzione di serie, il solo vincolo è fare oggetti funzionanti”, dichiara Mancardi, “inoltre, le auto costruite artigianalmente non sono meno sicure delle vetture premium”.

Icone di un’epoca

Alfa Romeo 6C 2500 SS Villa dEste 04

I visitatori potranno ammirare la Lamborghini 350 GT, l’auto che nel 1963 proiettò Ferruccio Lamborghini nel mondo dei costruttori. A questa s’affianca la Gumpert Tornante del 2011, un progetto realizzato per la casa tedesca, specializzata in vetture estreme ed il primo, esempio di design Touring su un’architettura a motore centrale. A queste s’aggiungono tre icone delle rispettive epoche: Maserati 3500 GT del 1956, concept Maserati A8GCS Berlinetta e l’Aston Martin DB5 Coupé, celebre per essere l’auto di 007 che in pochi sanno essere stata concepita a Milano da Touring.

In esposizione anche un’altra concept, è la Mini Superleggera Vision del 2014, roadster disegnata in collaborazione tra i centri design di Mini e Touring, mentre i modelli Ferrari 166 ed Alfa Romeo 6C 2500 sono punti di riferimento della storia dell’automobilismo italiano.

Rinascita con il Disco Volante

Sempre riguardo ad Alfa Romeo, la 6C 2500 Super Sport Villa d’Este è l’apice di un’evoluzione stilistica importante cominciata nell’anteguerra con le berlinette Alfa Romeo 6C. Con BMW 328 Berlinetta, invece Touring mise a frutto l’esperienza nella scienza dell’aerodinamica per dare alla casa bavarese un’auto competitiva nelle corse. Infine, Alfa Romeo Disco Volante by Touring è una coupé due posti del 2013 costruita interamente a mano in otto esemplari sulla base di una 8C Competizione, auto con cui condivide il motore ed il telaio, scelto per la sua struttura rigida e leggera. La Disco Volante coniuga estetica, anima sportiva e minimalismo, consacrando di nuovo Touring Superleggera come produttore di automobili “straordinarie”, tagliate su misura.

Autore: Lino Garbellini

Potrebbe interessarti

Murcielago SV

In Iran la copia della Murcielago SV, la Iranian Lamborghini

Dopo la copia, e che copia, della Land Rover, provenienza Cina, nuovo capitolo degli apparenti …

something