in

Tours Speedway: NASCAR Whelen Euro Series Day 1

Tempo di lettura: 2 minuti

Prima manche della nuova era della NASCAR Whelen Euro Series. Autore della pole position, Frederic Gabillon ha raccolto la sua prima vittoria in una serie NASCAR, mentre in Divisione Open, la gara è stata vinta da Julien Goupy, che inaugura il conto delle sue vittorie.


DIVISIONE ELITE

“Per prima cosa ci tengo a ringraziare per il gran lavoro il mio team e il mio crew-chief” ha sottolineato Frédéric Gabillon (#5 Rapido Racing by Still). “Non avevo mai corso su ovale e da quando siamo arrivati la vettura è stata perfetta.” Il francese, che ha dominato le prove libere e le qualifiche, ha condotto i 108 giri di gara, con l’arrivo deciso in regime di Green-White-Checkered Finish. Si tratta di uno sprint finale di due giri, con la bandiera verde a indicare il restart e la bianca l’ultimo giro. Questa procedura può essere ripetuta fino a tre volte.
Dietro al vincitore si sono piazzati sul podio piloti abituati a correre sugli ovali americani. Alla sua prima apparizione nella NASCAR Whelen Euro Series, dopo una sessione di qualificazione difficile l’italiano Max Papis (#33 OverDrive), che gareggia nella Nationwide Series, è partito dalla tredicesima posizione e si è fatto pazientemente strada fino alla seconda posizione. “Sono felice di portare la mia esperienza in questa serie di alto livello. E’ stata una gara molto intensa,” ha detto sorridente il pilota del Richard Childress Racing. Anche il suo compatriota Davide Amaduzzi (#68 T-Engineering), decimo sulla griglia, che ha corso diverse gare tra la NASCAR Whelen All American Series e la NASCAR K&N Pro Series West, ha fatto una gara d’attesa e ha raggiunto il terzo posto davanti a Yann Zimmer (#64 OverDrive), primo tra gli Junior, e a Carole Perrin (#42 Autosport 42), pole “woman” nel 2012.
Un altro debuttante nella serie, il belga ex-pilota Indycar Bertrand Baguette (#20 Racing Club Partners), che si è qualificato in 20esima piazza, si è fatto largo fino alla sesta. Ha chiuso davanti a Romain Iannetta (#1 RDV Compétition – Mc Donald’s), Stéphane Jaggi (#22 OverDrove-Moser Vernet), vincitore del Trofeo Challenger, e Ander Vilarino (#2 TFT-Banco Santander). Il leader del campionato, che era finito in ultima piazza dietro ad Eric Helary (#100 Still Racing – Convergences), ha chiuso la top-10.

DIVISIONE OPEN

Primo. Questa è la posizione finale di Julien Goupy (#44 Rapido Racing byStill), ma anche il numero di giri da lui percorsi in testa in questa gara. Qualificatosi in quarta posizione, il francese ha pazientemente atteso il suo momento e, per sua stessa ammissione, ha attaccato nelle ultime curve per passare in prima Guillaume Rousseau (#13 Bull Racing Team) e Vincent Gonneau (#15 Gonneau Racing), e poi Anthony Gandon (#7 TFT – E. Leclerc), il poleman, e infine Josh Burdon (#18 Scorpus Racing / Forza Motorsport) al termine di una prova che ha deliziato il pubblico, accorso numeroso al Tours Speedway.

Il trio di testa ha preceduto così Rousseau, Joaquin Gabarron (#5 Rapido Racing by Still), primo del Trofeo Gentleman, Gabriele Volpato (#64 OverDrive), Gonneau, Frédéric Johais (#33 OverDrive), Philippe Baudinière (#17 Pole Position 81), raramente in grado di festeggiare e vincitore del Trofeo Legend mentre Stéphane Sabates (#100 Still Racing – Convergences) completa la top-10.

Esperto

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

Carrera Cup Italia: Giraudi in pole nella sfida internazionale fra i nostri piloti e quelli francesi

Test – Nuova Toyota Auris Touring Sports