in

Transizione ecologica nella mobilità: seconda giornata di Next Generation Mobility

Tempo di lettura: 2 minuti

Il punto focale di oggi a Next Generation Mobility è stata la transizione ecologica. I lavori, che si stanno per concludere, si sono in larga parte soffermati sulle relazioni di chiusura dell’Interreg Alpine Space e-Smart, il progetto transnazionalepubblico/privato per lo sviluppo dei servizi di e-mobilità con un approccio integrato alla pianificazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici

Uno dei principali ostacoli all’introduzione su larga scala di veicoli a zero emissioni nel trasporto pubblico locale (TPL) e nella logistica distributiva è la gestione smart dell’infrastruttura di rete di ricarica per evitare picchi di carico a discapito della rete elettrica.

Ciò richiede standard e norme condivise per testare e validare i sistemi di scambio energetico, garantire stabilità della rete e la ricarica dinamica attraverso modelli di comunicazione uniformi. Il progetto Interreg Alpine Space e-SMART mira a raggiungere tale obiettivo

Il progetto ha sviluppato e testato strumenti operativi per pianificare le infrastrutture e i servizi di mobilità elettrica per i passeggeri e per il trasporto di merci: uno Smart Energy Toolkit.

La giornata è proseguita con l’intervento di Fabrizio Arena di BIP, società di consulenza italiana e presente in tutto il mondo, Arena ha presentato uno studio che evidenzia l’esigenze di sviluppo della infrastruttura di ricarica necessari per sostenere l’obiettivo nazionale di 6 milioni automobili elettriche in circolazione nel 2030. Alessandro Distefano, partner di PwC, ha esaminato i diversi modi in cui la digitalizzazione sia un fattore chiave per rispondere alle nuove esigenze di mobilità, soprattutto nel trasporto pubblico locale. La digitalizzazione, è cruciale per la sostenibilità del servizio: può e deve abilitare una nuovo approccio alla programmazione dell’offerta di trasporto e dei servizi di mobilità, può’ supportare i processi di gestione della capacità di mezzi e infrastrutture, puoi garantire la lettura in tempo reale degli impatti sul servizio.

Giorgio Zino, Business Director Europe di IVECO Bus, ha brillantemente esposto, attraverso la propria case history aziendale, la complessità della transizione in ambito di Tpl gommato. Dal full electric con pantografo (i filobus) alle propulsioni ibride, sino alle celle a combustibile, ad ogni esigenza di utilizzo e di motore dovranno corrispondere soluzioni di ricarica specifiche.

Infine l’idrogeno è stato il protagonista della chiusura di giornata di NGM. Federico Brivio di Bosch ha spiegato in quali settori l’elettrico a celle a combustibile abbia numerose chance di adozione e successo. I due parametri fondamentali in questo momento sono autonomie molto estese e carico utile elevato.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Abarth 695 Tributo 131 Rally: la leggenda rivive sul cinquino da 180 CV

    Ferrari Purosangue

    Ferrari, vendite record: aspettando Purosangue e il V12, primo trimestre in doppia cifra