martedì, 23 ottobre 2018 - 23:15
Home / Notizie / Curiosità / Tricolore per l’Engine of the Year 2016: vince il V8 Ferrari

Tricolore per l’Engine of the Year 2016: vince il V8 Ferrari

Tempo di lettura: 2 minuti.

Bandiera italiana per il motore dell’anno 2016. A vincere con 378 punti, distanziando il secondo di ben 53, è il 3.9 litri biturbo montato sulla Ferrari 488 GTB.

Con i suoi 669 cavalli, il V8 italiano ha battuto l’1,5 litri turbo montato sulla Bmw i8 vincitore del premio dello scorso anno. In terza posizione il tanto chiacchierato 3 litri 6 cilindri turbo della nuova Porsche 911.

Il concorso a livello mondiale ha chiamato a raccolta presso l’Engine Expo di Stoccarda, 63 giornalisti provenienti da 30 paesi, due per l’Italia.

Interessante vedere come siano in spolvero i motori termici montati su auto ibride e la fine fatta dai motori a gasolio nell’anno successivo al dieselgate.

Per essere ammessi al giudizio i motori dovevano essere montati su vetture passeggeri ed essere in vendita in più di paese entro giugno 2016.

I motori erano suddivisi in categorie per cilindrata:

          Inferiore a 1 litro: vincitore il piccolo tre cilindri turbo Ford montato su modelli come Fiesta, B-Max, Focus e Mondeo;

          Da 1 a 1,4 litri: vincitore il 1.2 PureTech Turbo del gruppo PSA Peugeot-Citroen che equipaggia modelli dalla 208 alla 5008, e dalla C3 alla C4 Picasso, passando per le chic DS3 e DS4;

          Da 1,4 a 1,8 litri: vincitore il 1.8 TFSI di casa AUDI che equipaggia molti modelli del gruppo, dalla piccola S1 all’A6, dalla Skoda Yeti alla Superb, dalla Polo GTI alla Passat, arrivando alla Seat Leon;

          Da 1,8 a 2 litri: vincitore il motore della famiglia A AMG, 2 litri turbo;

          Da 2 a 2,5 litri turbo: si ritorna in casa Audi con il motore che equipaggia la hothatch RS3;

          Da 2,5 a 3 litri: svetta il 3 litri turbo boxer by Porsche;

          Da 3 a 4 litri: l’Engine of the Year 2016 Ferrari;

          Oltre i 4litri: di nuovo vittoria Ferrari con 6,3 litri V12 della F12 tdf;

Insieme alle categorie per cilindrata c’erano poi altre tre categorie. Il Green Engine of The Year, vinto dal powertrain della Tesla Model S, mentre il New Engine of The Year e il Performance Engine hanno visto svettare nuovamente il V8 Ferrari della 488 GTB.

Accanto a tutti questi numeri è interessante fare una riflessione. Nessun motore diesel entra nella “top three” di nessuna categoria, anzi. In tutte le classifiche, che trovate qui, il diesel è praticamente scomparso. Solo due motori a gasolio, entrambi nella categoria tra 2,5 e 3 litri, con i 3 litri diesel tri-turbo BMW montato sulle M5, X5 e X6 M, e il 3.0 tdi V6 del gruppo Volkswagen che equipaggia modelli che vanno dall’Audi A4 alla Porsche Panamera.

Autore: Luca Berera

Potrebbe interessarti

elica del DNA

L’elica del DNA opera di due Jaguar un po’ speciali [VIDEO]

Quando la sportività ce l’hai nei geni, è difficile non cogliere l’occasione di dimostrarlo al …

something