giovedì, 18 ottobre 2018 - 17:29
Home / Notizie / Mercato / Volkswagen Group: dopo il dieselgate la scossa con “Strategy 2025”
Autoappassionati

Volkswagen Group: dopo il dieselgate la scossa con “Strategy 2025”

Tempo di lettura: 2 minuti.

La settimana scorsa il CEO di Volkswagen, Mathias Muller, ha presentato il piano “Strategy 2025”.

Il piano adottato dal board tedesco ridefinirà il core business dell’azienda. Sempre automobili, ovviamente, ma elettriche e con la tecnologia della guida autonoma a bordo.

Almeno 30 nuovi modelli elettrici entro i prossimi 10 anni e un obiettivo a dir poco ambizioso: vendere tra i due e i tre milioni di questi nuovi modelli entro il 2025.

Vorrebbe dire che entro 10 anni, il peso delle vetture a batteria sulle vendite totali del gruppo sarebbe del 25%.

Perché un obiettivo tanto ambizioso? Presto detto. Bisogna lasciarsi alle spalle gli strascichi del dieselgate, sia in termini di cali di vendite che di danno d’immagine, oltre che di class action.

Secondo Volkswagen, infatti, circa un quarto delle auto vendute globalmente nel 2025 saranno elettriche, il che garantirà un margine profitto maggiore, tra il 7 e l’8%, rispetto al 6% dello scorso anno.

Attualmente la gamma di tutti marchi è composta da 340 modelli, alcuni dei quali saranno eliminati, seguendo il criterio della non profittabilità.

Puntare sull’elettrico non è certo una novità. Già nei mesi scorsi diversi manager del gruppo avevano annunciato le intenzioni del gruppo.

La novità del piano riguarda la guida autonoma. Il gruppo Vw intende sviluppare internamente i sistemi per le self-driving cars per le proprie vetture e non solo.

L’obiettivo è quello di vendere la tecnologia a compagnie di taxi o car sharing, vedi Uber o Gett, la startup israeliana in cui ha da poco Vw investito 300 milioni di dollari.

Va detto che fino ad ora solo il brand Audi aveva fatto notizia per lo sviluppo della guida autonoma.

Dal punto di vista dell’elettrico invece la vera sfida sarà quella di sviluppare una tecnologia a batterie “in house” per essere pronta a guadagnare quote di mercato se e quando le vendite di veicoli elettrici raggiungeranno i livelli stimati.

Il piano è ambizioso. Qualunque costruttore o governante abbia fatto simili previsioni, sull’elettrico, è stato largamente smentito.

Autore: Luca Berera

Potrebbe interessarti

Suzuki

Suzuki festeggia i risultati record in Italia e nel mondo

Periodo molto positivo per la Casa giapponese. Settembre è stato il mese dei record per …

something