in

Volvo Cars accelera sullo sviluppo della guida autonoma

guida autonoma
Tempo di lettura: < 1 minuto

Volvo Cars continua a credere nella guida autonoma e per questo motivo proseguono i test con la società Zenuity, specializzata nello sviluppo di software per la guida assistita. 

Una parte sarà costituita da una società a sé stante, di proprietà di Volvo Cars, che si concentrerà sullo sviluppo e sulla commercializzazione di software per la guida autonoma senza supervisione umana. 

L’altra parte continuerà invece a sviluppare e a commercializzare sistemi avanzati di assistenza alla guida e sarà integrata in Veoneer, società specializzata in sistemi di sicurezza per veicoli. 

Attualmente, la stessa Zenuity di cui sopra è una joint venture al 50% fra Volvo Cars e Veoneer. Sfruttando i benefici della comproprietà, Zenuity ha sviluppato una solida piattaforma software per sistemi avanzati di assistenza alla guida e per la guida autonoma che ora verranno utilizzati come base e ulteriormente affinati dalle due nuove società di Zenuity. 

L’accordo prevede che le attività operative e i dipendenti di Zenuity con sede a Goteborg, in Svezia, e a Shanghai, in Cina, confluiranno nella nuova società, che inizierà a operare nella seconda metà del 2020, appartenente a Volvo Cars, mentre saranno trasferite a Veoneer le attività operative e le persone basate in Germania e negli USA. 

“Volvo Cars si è impegnata a introdurre sistemi sicuri di guida autonoma senza supervisione umana per la guida in autostrada con la sua prossima generazione di automobili, consentendo alla nuova società di concentrarsi pienamente sullo sviluppo di questi sistemi potremo realizzare questo ambizioso obiettivo”.

Håkan Samuelsson, CEO di Volvo Cars.

 

Dì la tua

Flaminio Bertoni

Flaminio Bertoni: l’uomo dello stile che fece la storia di Citroen

red dot award

Skoda Octavia 2020 è il 14° modello della marca a ricevere il Red Dot Award