BMW X1 2022

Viene definita Sport Activity Vehicle (SAV) premium e nel concreto è apprezzata per la sua versatilità sin dalla prima edizione del 2009, la E84, si tratta della BMW X1 2022, vettura che oggi si rifà il look con tutte le novità della gamma BMW 2022. Attenzione, però, non si tratta solo di un make-up superficiale, bensì di un profondo intervento di chirurgia “plastica” che interessa motorizzazioni, piattaforma (aggiornata), software, interni e dotazioni della BMW X1 2022.

La sua missione, però, è quella di sempre: offrire il comfort e la versatilità di un crossover, ma con la guidabilità di una BMW. Una missione che questa volta è resa più ardua dall’arrivo della motorizzazione elettrica della versione iX1, la quale porta con sé batterie, schemi, motori e diversi sistemi di gestione, in una parola porta con sé più massa.

Scopriamo, dunque, listino prezzi, dimensioni, interni e motori della nuova BMW X1 2022.

Listino prezzi BMW X1 2022

Il listino prezzi di BMW X1 2022 parte da 39.700 euro, riservato al primo allestimento con il motore benzina, la X1 SDrive 18i con trazione anteriore. Per il secondo motore a benzina, la xDrive 23i mild hybrid 48 Volt da 218 CV, il prezzo di partenza è di 48.200 euro. Il prezzo delle BMW X1 a gasolio partono da listino a 41.700 euro e arriva a 54.840 euro. Nello stesso range di prezzo troviamo anche la BMW X1 plug-in hybrid, il cui listino (in attesa di conferme ufficiali) è compreso tra i 47.500 ed i 49.950 euro. Al top della gamma, per prezzo e dotazioni, troneggia la iX1, l’elettrica, il cui listino dovrebbe attaccare a partire da 55.000 euro. 

Tradizione vuole che il listino prezzi della BMW X1 2022 abbia una lista optional abbastanza corposa con la quale completare la dotazione. All’esterno, salendo di allestimento, crescono i cerchi fino a quota 20” e cambia il disegno dei paraurti. Tra i gingilli tecnologici figurano i fari a matrice di LED.

Il grande salto in avanti compiuto da BMW sulla terza generazione di X1 e su tutta la nuova gamma si percepisce nella tecnologia di bordo. Il software di ultima generazione si chiama Operating System 8 e, tra le sue funzioni, include la compatibilità con Apple Carplay e Android Auto, l’interfaccia utente con le impostazioni configurabili (tra cui la memoria dei sedili elettrici) e le schermate dedicate all’assistenza al parcheggio, composta da sensori anteriori e posteriori, telecamere a 360 gradi (con riproduzione 3D) e sistema di posteggio automatico.

BMW X1 2022 mette a disposizione anche un navigatore aggiornato (grazie alla connessione alla rete), i sensori di angolo cieco, il pacchetto per l’illuminazione ambientale e il sistema audio Harman Kardon. Non possono mancare all’appello i moderni sistemi di assistenza alla guida di secondo livello. I più importanti nel listino prezzi della BMW X1 2022 sono: Cruise Control adattivo (con funzione di Stop&Go), Lane Keeping Assist e frenata di emergenza automatica, giusto per citarne alcuni. 

ModelloCilindrataPotenzaPrezzo
  • SDrive 18i 1.5 cc136 CV39.700 euro
  • sDrive 18i Edition Essence1.5 cc136 CV42.250 euro
  • sDrive 18i X-Line Edition Essence1.5 cc136 CV44.720 euro
  • sDrive 18i X-Line Edition Balance1.5 cc136 CV47.390 euro
  • sDrive 18i MSPort Edition Balance1.5 cc136 CV48.870 euro
  • sDrive 18i MSPort Edition Signature1.5 cc136 CV51.630 euro
  • sDrive 18i MSPort Edition Signature1.5 cc136 CV52.480 euro
  • sDrive 18d2.0 cc150 CV41.700 euro
  • sDrive 18d Edition Essence2.0 cc150 CV44.250 euro
  • sDrive 18d X-Line Edition Essence2.0 cc150 CV46.720 euro
  • sDrive 18d X-Line Edition Balance2.0 cc150 CV49.390 euro
  • sDrive 18d MSport Edition Balance2.0 cc150 CV50.870 euro
  • sDrive 18d X-Line Edition Signature2.0 cc150 CV53.630 euro
  • sDrive 18d MSport Edition Signature2.0 cc150 CV54.850 euro
  • xDrive 23i 48 Volt2.0 cc218 CV48.200 euro
  • xDrive 23i 48 Volt X-Line Edition Balance2.0 cc218 CV55.890 euro
  • xDrive 23i 48 Volt MSport Edition Balance2.0 cc218 CV57.370 euro
  • xDrive 23i 48 Volt X-Line Edition Signature2.0 cc218 CV60.130 euro
  • xDrive 23i 48 Volt MSport Edition Signature2.0 cc218 CV61.340 euro
  • xDrive 23d 48 Volt 2.0 cc211 CV49.800 euro
  • xDrive 23d 48 Volt X-Line Edition Balance2.0 cc211 CV57.490 euro
  • xDrive 23d 48 Volt MSport Edition Balance2.0 cc211 CV58.970 euro
  • xDrive 23d 48 Volt X-Line Edition Signature2.0 cc211 CV61.730 euro
  • xDrive 23d 48 Volt MSport Edition Signature2.0 cc211 CV62.490 euro

Motori BMW X1 2022

I motori della BMW X1 2022 includono al lancio, tanto che conosciamo già i loro prezzi (vedere tabella dedicata) i propulsori mild hybrid benzina e mild hybrid a gasolio (entrambi a 48 V); seguirà a breve il plug-in hybrid e, come detto, anche in una versione elettrica chiamata iX1. Grazie all’elettrificazione, i livelli di emissioni e consumi raggiunti dalla nuova X1 sono migliori di quelli delle precedenti generazioni.

La BMW X1 2022 arriva con due motori a benzina: uno da 1.5 l (3 cilindri) dalla potenza di 136 CV (e 230 nm) per la sDrive 18i ed uno da 2.0 l e 218 CV (e 320 nm), destinato alla XDrive 23i. La motorizzazione a gasolio si divide tra il 2.0 l quattro cilindri da 150 e 211 CV, in questo caso la coppia è rispettivamente di 360 e 400 nm (versioni sDrive 18d e XDrive 23d). Il cambio automatico (doppia frizione) Steptronic a 7 rapporti è abbinato ad un piccolo motore elettrico per ottimizzare i consumi gestendo l’erogazione dei propulsori termici ed è sempre di serie.

La line-up dei motori benzina e Diesel è destinata a crescere con versioni più performanti delle medesime power unit.

Come anticipato tra i motori della BMW X1 2022 ci sarà presto anche il plug-in hybrid nelle declinazioni XDrive 25e o XDrive 30e. In questo caso la trazione è sempre integrale (mentre nelle sDrive è anteriore) e, nella piattaforma aggiornata con questa nuova edizione di X1, trova il suo spazio un pacco batterie da 14,2 kWh in grado di garantire 89 km di autonomia in modalità elettrica. La X1 ibrida alla spina vanta 245 o 326 CV a seconda della versione. La ricarica, con il caricatore a 7,2 kW, dura due ore e mezza.

Parlando di elettroni passiamo alla novità più grande introdotta dalla terza generazione del SAV BMW: la gemella elettrica iX1. La versione di riferimento è XDrive 30, quindi si parla di una vettura bimotore a trazione integrale (quindi in cui i motori sono disposti su entrambi gli assi) da 313 CV e 410 nm di coppia. Sono numeri importanti per un crossover, ma comunque non da capogiro, in grado di offrire una miglior efficienza senza rinunciare alle prestazioni. L’autonomia dichiarata, calcolata secondo il ciclo di omologazione WLTP, varia da 413 a 438 km. Anche in questo caso la ricarica è relativamente veloce: se si trova la colonnina ultrafast la X1 2022 può accettare fino a 130 kW nel suo pacco batterie da 64,7 kWh. Per gli amanti delle accelerazioni silenziose è utile sapere che la nuova iX1 può scattare da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi, ma la velocità è autolimitata a 180 km/h.

Motore0-100 Km/hVelocità MassimaCoppia Massima
  • sDrive 18i9,2 secondi208 km/h 230 Nm @1.500-4.000 giri/min
  • sDrive 18d9,9 secondi210 km/h360 Nm @1.500-2.500 giri/min
  • xDrive 23i 48 Volt7,1 secondi233 km/h320 Nm @1.500-4.000 giri/min
  • xDrive 23d 48 Volt7,4 secondi225 km/h400 Nm @1.500-2.750 giri/min
  • iX15,7 secondi180 km/h -

Dimensioni BMW X1 2022

Come detto i cerchi a libretto possono essere anche da 20”, primato assoluto per la X1, ma anche i paraurti cambiano, regalando un look più (o meno) aggressivo ad una vettura già resa accattivante e moderna. Il cambio di rotta (stilistica) è evidenziato dalle linee più tese e spigolose che mai, con la cintura che collega la punta superiore del gruppo ottico anteriore a quello posteriore.

Prima di proseguire con l’analisi degli esterni, qui le esatte dimensioni della BMW X1 2022:

  • Lunghezza: 4,5 metri
  • Larghezza: 1,84 metri
  • Altezza: 1,64 metri
  • Passo: 2,69 metri

Dicevamo dell’evoluzione che ha interessato i gruppi ottici: entrambi sono stati rivisti, il primo è più alto e stretto di prima, cedendo più spazio alla nuova grande calandra divisa in due reni quasi quadrati, il secondo è sviluppato in senso orizzontale, sottile nella zona del portellone, più massiccio sulla fiancata. Il baule e le finte prese d’aria dei paraurti sono caratterizzati da molti spigoli, mentre l’unica nota di pulizia stilistica sono le maniglie a scomparsa. Una trovata che, seppur non in maniera preponderante, ha contribuito a ridurre il Cx della iX1 fino al valore di 0,26, che non è affatto scontato (né è un valore di poco rilievo, se si considera che la EQS, la vettura più aerodinamica in commercio, scende appena a 0,22).

Vista di fronte la BMW X1 2022 mostra fieramente due spalle muscolose a sorreggere un abitacolo che tende a stringersi nella parte superiore con linee parallele alla “bombatura” del cofano. Infine, le dimensioni della BMW X1 2022 più “generose” che in passato hanno permesso di ottenere un bagagliaio davvero notevole (per le versioni endotermiche): la capienza massima con il divano in posizione è 540 litri (al pari di quelle di una grande station wagon moderna), mentre, abbattendo i sedili in frazionamento 40:20:40, si superano i 1.600 litri. 

Interni BMW X1 2022

Gli interni della BMW X1 2022 e con loro quelli della variante elettrica iX1 seguono il family feeling delle nuove BMW, tra cui la “capostipite” iX, caratterizzato da un volante più squadrato e con la parte centrale più stretta, il cosiddetto curved display e la consolle fluttuante. Quest’ultima è il centro di controllo per il cambio (shift by wire), per il rotore atto a comandare l’infotainement e per il selettore delle modalità di guida.

Al di sotto i vani del tunnel sono ribassati, quasi a pavimento (come, ad esempio, sulle Volkswagen ID), il che ottimizza lo spazio per le gambe degli occupanti dei due sedili anteriori, i quali, per altro, sono in pelle forata (per la climatizzazione degli stessi) ed equipaggiano la funzione “massaggio” (solamente optando per i sedili MSport).

Davanti al tunnel negli interni della BMW X1 2022 si può trovare una grande piastra per la ricarica ad induzione. I due strumenti digitali (infotelematica e strumentazione) sono racchiusi in un unico pannello, le dimensioni sono rispettivamente di 10,5″ e 10,7”. Tra le funzioni elencate in precedenza, le finestre per il settaggio dei parametri della modalità “individual” (assetto, sterzo, freni, erogazione…) e per le funzioni lounge ci sono anche i comandi del climatizzatore, che, anche se non facilmente accessibili come quelli manuali, non sono comunque nascosti da mille sottomenu.

L’ultimo schermo si trova sopra al cruscotto ed è un grande head-up display a coloriL’impostazione generale della plancia è familiare a tutti i precedenti ed attuali modelli, seppur risulti più minimale, curata e personalizzabile in colori, finiture ed impunture, chiaramente realizzate a livelli degni di un’auto premium quale la BMW X1.

Opinioni BMW X1 2022 - Prova su strada

La chiave del successo della BMW X1 è la sua natura poliedrica, mantenuta anche sul nuovo modello in arrivo ad ottobre 2022. Lei infatti è l’entry level nella gamma suv della casa dell’Elica, sia in termini di dimensioni che di prezzo, ma, come le si confà, mantiene l’aplomb da gentleman driver tipico della casa. Come lo fa? Cercando un dinamismo di guida superiore alle altre competitors premium quali GLA (ed EQA) e Q2, confrontandosi direttamente con il nuovo modello sfornato dalla rivale di sempre, ossia la Tonale di Alfa Romeo, la quale, però, non può competere quanto a motorizzazioni (ad ora), seppur presenti soluzioni interessanti in termini di elettrificazione.

La base ed i presupposti per creare un SUV, o SAV, per dirlo alla BMW maniera, bello da guidare comunque ci sono, anche perché la piattaforma è simile a quella della precedente versione (che eccelleva sotto questo aspetto) aggiornata e modificata per ospitare le batterie ed aumentare il passo. 

A tal proposito l’incognita che può sorgere è sulla gestione della massa della iX1, presumibilmente maggiore rispetto alla BMW X1 2022 termica. La convinzione che BMW possa cavarsela egregiamente però rimane e la conferma, anzi, le conferme si chiamano X5 e X6 M: due vetture con un poderoso 4.4 V8 biturbo da 625 CV e dalla massa di oltre 2.400 kg, ma capaci di tenere la strada in maniera incredibile (ovviamente relativamente al loro essere SUV).

Dove dovranno giocare quindi i tecnici di BMW? Sulle barre antirollio, la taratura dell’assetto (anche a controllo elettronico, con cui è più facile ottenere risultati ottimi per ogni situazione di marcia) e la risposta dell’impianto frenante. Per quanto riguarda la potenza dei motori già ci siamo, sono giusti per il tipo di macchina. Anche se, tutto sommato, una gradevole variante X1 M con un 3.0 sei cilindri in linea non sarebbe poi male da vedere su strada, né tanto meno da guidare, d’altronde il cofano sembrerebbe abbastanza lungo per ospitarlo. 

Non ci resta che attendere la conferma di BMW e della nostra prova su strada appena sarà possibile effettuarla.