Volkswagen ID.5

Volkswagen ID.5

Dopo ID.3, che ha aperto ufficialmente le danze, e ID.4, è arrivato il momento della nuova Volkswagen ID.5, il terzo modello full electric nato sulla piattaforma MEB. Volkswagen ID.5 è il terzo modello che prosegue sul filone della promessa fatta tempo fa dalla Casa tedesca, cioè la volontà di presentare almeno un modello elettrico, uno all’anno, fino al 2025 compreso. ID.3 nel 2019, ID.4 nel 2020, è ora il turno di ID.5, primo SUV coupé elettrico della Marca teutonica.

Tetto spiovente, come vuole questa categoria sempre più in voga nel segmento C a ruote alte, linee più dinamiche, piccolo spoiler che profuma di sportività e interni del tutto simili a ID.4, molto minimalisti. Sempre da ID.4 derivano anche le motorizzazioni della nuova Volkswagen ID.5, compresa la GTX, con la trazione integrale, e i suoi 299 CV.

Scopriamo quindi il listino prezzi, le dimensioni, gli interni e i motori della nuova Volkswagen ID.5.

Listino prezzi Volkswagen ID.5

Ancora non è stato rilasciato il listino prezzi ufficiale della Volkswagen ID.5, che verrà costruita nell’impianto Volkswagen di Zwickau, e che arriverà in Italia non prima del 2022. Volendo ipotizzare i prezzi della Volkswagen ID.5, basta osservare nel dettaglio il listino della ID.4, con prezzi che partono da 43.800 per il primo dei tre allestimenti, la Pure Performance. Il prezzo della Volkswagen ID.4 GTX, da 299 CV con la trazione integrale di serie, parte invece da 55.500 euro.

Facile, quindi, ipotizzare i prezzi della nuova Volkswagen ID.5. Sicuramente il SUV coupé elettrico della Marca costerà leggermente di più della variante normale, la ID.4. Ricordiamo che tra le due elettriche “ballano” solo 1 centimetro in lunghezza, a favore della ID.5, così come 3 centimetri in altezza, sempre a favore della nuova ID.5. Queste caratteristiche, unite a un design più sportiveggiante, fanno pensare che il suo listino prezzi sarà più alto rispetto alla ID.4. Saranno invece uguali le motorizzazioni e le prestazioni, quindi le differenze di prezzo deriveranno dalle varie novità introdotte a livello di design. Quanto costerà la Volkswagen ID.5? Potrebbe partire da 45.000 euro e salire fino agli oltre 57.000 euro della ID.5 GTX.

Seguiranno aggiornamenti sul listino prezzi ufficiale. 

 

Motori Volkswagen ID.5

I motori della Volkswagen ID.5 saranno inizialmente tre, tutte previste al lancio nel corso del 2022. Si parte con la ID.5 Pro e i suoi 174 CV (128 kW) tutti trasmessi all’asse posteriore. Già la ID.5 Pro Performance porta la potenza, sempre trasferita alle sole ruote del retrotreno, a 204 CV. Solo la ID.5 GTX presenta due motori elettrici, uno per asse, e in questo caso la potenza arriva a 299 CV. Numeri uguali ai riferimenti della ID.4. Quanto accellera da 0 a 100 km/h la nuova Volkswagen ID.5? In 6,3 secondi si raggiungono i 100 km/h, mentre la velocità massima è auto limitata a 180 km/h per preservare lo stato della batteria.

volkswagen ID.5 motore

La batteria che alimenta i motori della Volkwagen ID.5 è sempre la stessa, con i suoi 77 kWh. Cambiano i numeri, con 160 km/h di velocità massima per le prime due versioni. Quanto accellera da 0 a 100 km/h la nuova Volkswagen ID.5? In 6,3 secondi si raggiungono i 100 km/h, mentre la velocità massima è auto limitata a 180 km/h per preservare lo stato della batteria. Parlando di autonomia della Volkswagen ID.5 si parla di 520 km rispettivamente per Pro e Pro Performance, 480 km per la GTX. La ricarica accettata in corrente alternata è di 11 kW, fino a 135 kW in corrente continua. Ci sarà anche la ricarica bi-direzionale, ma solo in un secondo momento e con infrastrutture predisposte, che permetterà di immetere nella rete l’energia non utilizzata per la ricarica delle batterie.

Fino a cinque i profili di guida disponibili su Volkswagen ID.5: Eco, Comfort, Sport e Individual. Specifica per la ID.5 GTX la modalità Traction, pensata per i fondi più sdrucciolevoli, quindi resi più viscidi dalla pioggia.

Dimensioni Volkswagen ID.5

Le dimensioni della Volkswagen ID.5 sono le seguenti:

  • Lunghezza: 4,60 metri
  • Altezza: 1,61 metri
  • Larghezza: 1,85 metri
  • Passo: 2,7 metri

La piattaforma della Volkswagen ID.5 è la MEB, in tedesco Modulare Elektrifizierungsbaukasten, più semplicemente piattaforma modulare per veicoli elettrici, la stessa sulla quale sono già nate ID.3, ID.4 così come Cupra Born, Audi Q4 e-tron e Skoda Enyaq. Proprio quest’ultima è 4,9 centimetri più lunga della nuova ID.5, diventando così la più lunga elettrica nata sulla piattaforma MEB. Le dimensioni della Volkswagen ID.5 contano su un bagagliaio leggermente più ampio della ID.4, con 549 litri (543 litri la ID.4) di capacità minima e 1.561 litri (1.575 litri la ID.4) di massima ribaltando la seconda fila di sedili. Solo un centimetro di spazio per la testa si è perso con la forma discendente del tetto, che non a caso diventa piuttosto spiovente appena dietro i poggiatesta.

Il design è davvero molto simile a ID.4 almeno all’anteriore, cambia tutto il discorso al posteriore. Sul frontale, quindi, spazio alle luci IQ. Light LED che vanno a convergere al centro, verso il logo Volkswagen (caratteristica già presente su ID.3) con varie animazioni visive. Sul lato B, come si accennava, è diversa la conformazione della coda che vede la presenza di un aggiuntivo spoiler, capace di donare quel tocco di sportività in più, e soprattutto utile a fermare il coefficiente aerodinamico a un promettente 0,26, un buon dato considerando l’altezza da terra e la carrozzeria SUV. Anche il diffusore, di colore nero, aiuta ad rinvigorire le linee che, lateralmente, prendono vigore grazie alla generosa gommatura (con cerchi fino a 21″).

Differenze estetiche mirate sulla ID.5 GTX, uguale per dimensioni alla ID.5: il muso è leggermente più elaborato a livello di paraurti, il quale presenta luci LED integrate che sono assenti sulle altre versioni di ID.5.

Interni Volkswagen ID.5

Gli interni della Volkswagen ID.5 promettono un’abitabilità del tutto simile alla ID.4, visto che il passo è esattamente lo stesso (2,77 metri). Anche la plancia è praticamente uguale, minimalista, con i due schermi che diventano attori protagonisti. Praticamente assenti i comandi fisici, se non fosse per il volante che permette di comandare, senza staccare le mani, gli ADAS così come il volume, i comandi vocali e lo scorrere delle schermate sul quadro digitale. Quest’ultimo può essere richiesto con l’Head-up Display dotato di realtà aumentata: si tratta di un sistema, anche in questo caso comune a ID.4, che proietta idealmente le informazioni a 10 metri di distanza, proprio davanti al campo visivo di chi si trova dietro il volante.

Tornando alla peculiarità degli interni della Volkswagen ID.5, non si può non notare il generoso schermo centrale dal quale si comanda praticamente tutto. La diagonale è da 12″ e non c’è troppo bisogno di interfacciarsi direttamente con le dita, poichè sono stati aggiornati i comandi vocali che si attivano pronunciando la “parola magica” Hello ID. Tutto il sistema di infotainment, dalle schermate a mò di tablet, scorrevoli a destra e sinistra con le varie icone dei vari menu, si aggiorna over-the-air (OTA). Entrando nei vari menu si comandano nel dettaglio la climatizzazione, sulla quale si può agire (così come per il volume) grazie agli appositi tasti a sfioramento che sono molto intuitivi e sono fortunatamente rimasti.

Il navigatore della Volkswagen ID.5, inoltre, si presenta con la funzione “Online Route Calculation”, in grado di pianificare il viaggio “leggendo” lo stato della batteria in quel  momento, così da inserire nel percorso le sufficienti soste alle colonnine, DC o AC, per arrivare a destinazione senza la proverbiale ansia da ricarica. La Volkswagen ID.5 presenta infine interni completamente eco-sostenibili, quindi totalmente leather-free. Si possono anche richiedere i pregiati, ma bio, interni in ArtVelours, un materiale derivato dal riciclo delle bottiglie riciclate (PET).

Gli interni della ID.5 GTX si riconosce inoltre per la presenza del logo, che vedremo spesso sui futuri modelli della Casa di Wolfsburg, sul volante e sullo schienale dei sedili anteriori.

Opinioni Volkswagen ID.5 - Prova su strada

La Volkswagen ID.5 e la Volkswagen ID.5 GTX, presentate simultaneamente, sono la versione coupé del SUV ID.4 già sul mercato. Si tratta del terzo modello della gamma full electric, su piattaforma MEB, della Casa tedesca, e la prima versione sportiveggiante a nascere su questa base che diventerà sempre più protagonista nel futuro del Gruppo Volkswagen, quindi anche per gli altri marchi come Audi, Skoda, Seat/Cupra ecc.

Le dimensioni della Volkswagen ID.5 propongono una lunghezza di 4,6 metri, un solo centimetro di differenza tra lei e ID.4. Da quest’ultima derivano tutte le motorizzazioni e l’aspetto degli interni della nuova ID.5, che si può dire una fedele copia della prima almeno fino al montante B. Dietro, la novità è ovviamente la presenza del tetto spiovente, tipico da SUV Coupé, dove debutta anche un inedito spoiler utile a perfezionare i flussi aerodinamici tanto che il Cx è di 0,26, ottimo per un SUV.

Motori della Volkswagen ID.5 con potenze da 174 a 299 CV, quest’ultima con il doppio motore elettrico e la sigla GTX che significa appunto maggiori prestazinoni per le versioni elettriche delle Volkswagen nate sulla MEB. ADAS di ultima generazione preparano il debutto del primo SUV coupé prodotto nello stabilimento carbon free di Zickwau. L’arrivo in Italia è previsto per il 2022, con prezzi che potrebbero partire da circa 45.000 euro.