in

Toyota GR Yaris: in Francia costa 45.900 euro in più, ecco perché

Tempo di lettura: 2 minuti

Tempi duri per i cugini d’oltralpe: chi di loro sta pensando di indirizzarsi verso l’acquisto di una nuova GR Yaris (la piccola sportiva del marchio giapponese) dovrà fare i conti con una super tassa da 45.900 euro di fronte alla quale il nostro superbollo sembra uno scherzo. Ebbene sì, le normative per combattere le auto termiche volute dal Governo di Parigi vanno proprio in questa direzione.

Il motivo per cui una GR Yaris deve pagare una tassa praticamente pari al suo valore di listino che in Francia si attesta a 46.300 euro, è legato alle emissioni della piccola “tutto pepe”. Il motore a tre cilindri è responsabile di un dato dichiarato di 190 g/km di CO2 rilevato secondo il rigoroso standard WLTP. Un valore di rilascio in atmosfera tale da giustificare per le politiche ambientali francesi l’onerosa tassa che porta il costo totale da sostenere per aggiudicarsi questo piccolo gioiellino a 92.290 euro. Una cifra destinata ad aumentare se i francesi sceglieranno la versione con il cambio automatico (in questo caso la tassa porterebbe l’esborso totale a 108.800 euro).  

 I dettagli della tassa per le auto inquinanti 

A determinare il costo da sostenere per l’acquisto non sono soltanto le emissioni ma anche il peso delle vetture. Già dal 2022 le auto immatricolate in Francia sono soggette a questa tipologia di tassa che vede un’aggravante soprattutto per le vetture che superano i 1.800 chilogrammi di peso. Tra i 1.600 e i 1.799 chilogrammi i proprietari dovranno pagare dieci euro per ogni chilo di eccesso mentre l’imposta sale a 30 euro al chilo per le auto che pesano 2.100 chilogrammi. 

Non va meglio se si considerano per il calcolo soltanto le emissioni: fino ai 117 g/km non si paga nulla, dai 118 g/km si inizia con 50 euro extra e si arriva a 60.000 euro per le auto con 194 g/km e oltre. Ovviamente a farne le spese sono le auto prive dell’”aiutino” elettrico (ovvero quelle esclusivamente a combustibili fossili) non in grado di abbassare quindi il valore di emissioni viaggiando anche solo per alcuni momenti in modalità elettrica. La Yaris GR è proprio una di queste, per la piccola sportiva non è disponibile una tecnologia Hybrid. 

Toyota GR Yaris: il suo identikit

La GR Yaris è pensata per un pubblico che ama differenziarsi con uno stile sportivo grazie agli accorgimenti del Toyota Gazoo Racing, il team del marchio giapponese che ha conquistato dei campionati mondiali del motorsport. Il modello GR SPORT è dotato di esclusivi cerchi in lega da 18 pollici lavorati con linee di decoro rosse, sedili anteriori sportivi con rivestimento e cuciture rosse, pedaliera sportiva, rivestimento del volante in pelle traforata e stemmi GR sui sedili, sul pulsante di avviamento e sul volante.

Il cuore della vettura, combattuto dalle norme francesi, è un motore turbo tre cilindri in linea da 1,6 portato a 280 cavalli e 390 Nm. Chissà se gli appassionati della guida con le normative rinunceranno all’acquisto della piccola giapponese oppure se i volumi di vendita ipotizzati in Francia da Toyota verranno raggiunti.

Autore: Alessandro Cattelan

bologna città 30

Limite di 30 km/h: scenari di “guerra” e pace fra sindaci e ministero

Nuova Aston Martin Vantage 2025: il V8 inglese ora ha 665 CV, tutti dietro