in

1994-2014: 20 anni di IED Transportation Design

Hyundai Italia
Tempo di lettura: 2 minuti

Il 19 giugno 2014, al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino “Avv. Giovanni Agnelli”, IED Torino ha festeggiato i 20 anni di IED Transportation Design con un convegno dal titolo #CarDesignSmart Verso nuovi modelli di mobilità, un’occasione di riflessione e confronto sul rapporto fra car design e mobilità del futuro.

IED intravede nel design nuovi scenari, nuovi modi di pensare il fare; da qui la necessità di aprire un dialogo, accogliendo i linguaggi del car design tramandati nel tempo e quelli attuali di una cultura più on demand. Si sono confrontati sul tema: Flavio Manzoni, Direttore Stile Ferrari S.p.A.; Thomas Bürkle, Chief Designer Hyundai Motor Europe Technical Centre; Davide Gomba, Cofondatore Officine Arduino; Claudio Lubatti, Assessore Viabilità e Trasporti Città di Torino; Riccardo Balbo, Direttore IED Torino e Carlo Cavicchi, figura da sempre legata al mensile Quattroruote.

A seguire il dibattito, l’inaugurazione della mostra IED transportation design: 20 years of excellence, che racconta 20 anni di formazione in stretta collaborazione con i brand leader mondiali dell’automotive. Progetti, successi internazionali, storie di ex studenti, oggi designer affermati e presenti nei centri stile sia delle aziende che hanno collaborato con IED sia di quelle che si sono affiancate all’Istituto per selezionare nuovi talenti creativi. La mostra sarà aperta al pubblico dal 20 giugno al 31 agosto 2014 secondo gli orari del Museo.

La collaborazione con IED – dichiara Rodolfo Gaffino Rossi, Direttore del Museo Nazionale dell’Automobile – è iniziata circa dieci anni fa, quando il Museo dell’Automobile iniziava a progettare la ristrutturazione dei suoi spazi: accompagnando i giovani creativi attraverso la storia e illustrando ciò che ciascuna epoca ha dato in termini di ingegno e impegno, cerchiamo di trasferire la passione e l’entusiasmo dei pionieri del passato a loro che lavorano per realizzare il sogno di una vettura che sia simbolo dell’epoca in cui si muove. Ai giovani che siedono in aula, mi impegno a ricordare, ogni giorno, che solo facendosi interpreti del proprio tempo si diventa innovatori: oggi questo significa progettare oggetti necessari, utili, che privilegino la sicurezza – attiva e passiva, che risolvano i problemi legati alla carenza di materie prime grazie all’uso di materiale riciclabile e che contribuiscano a ridurre l’inquinamento grazie all’uso di fonti di energia alternativa“.

L’Istituto Europeo di Design di Torino in questi vent’anni ha costantemente investito nel Transportation Design – dichiara Riccardo Balbo, Direttore IED Torino – in termini di ricerca e sperimentazione, partnership con aziende leader e relazioni con il territorio, con l’obiettivo di posizionarsi tra le realtà formative di eccellenza a livello mondiale. Obiettivo raggiunto quest’anno con il secondo posto nel ranking delle scuole di transportation design del mondo, il prestigioso “School League Report” di Cardesignnews. Le nostre 11 presenze al Salone Internazionale di Ginevra testimoniano come IED Torino sia diventato nel tempo il punto di riferimento nella formazione internazionale legata al transportation design, con la straordinaria capacità di anticipare le tendenze e di posizionare i propri studenti all’inizio del processo di realizzazione delle auto prodotte ed esposte nelle fiere di tutto il mondo. I nostri ex studenti lavorano come designer praticamente in tutti i centri stile del mondo. Sono risultati che si raggiungono con perseveranza, entusiasmo e non da soli. Per questo un ringraziamento particolare a Cecomp, azienda piemontese leader nella realizzazione di show car e prototipi, partner ufficiale di questo evento, come di questi 20 anni di lavoro e successi. Grazie anche al Museo Nazionale dell’Automobile che da sempre segue con reale interesse le nostre attività, riconoscendo il ruolo culturale nel car design di IED di Torino“. 

Dì la tua

Autoappassionati

La nuova Jeep Wrangler Rubicon X disponibile in Italia

Alfa Romeo al ‘Goodwood Festival of Speed 2014’