martedì, 14 Luglio 2020 - 2:28
Home / Notizie / Tecnica / BMW Laserlight: cosa sono e come funzionano i fari laser
BMW Laserlight

BMW Laserlight: cosa sono e come funzionano i fari laser

Tempo di lettura: 2 minuti.

Per una visibilità ancora migliore durante la guida notturna, i clienti BMW possono optare per i fari adattivi a LED con BMW Laserlight, che offrono un’illuminazione variabile ed adattiva della strada e un abbagliante di profondità selettivo per non creare disturbo alle persone.

Con questo sistema, la funzione abbaglianti a LED viene potenziata utilizzando un proiettore BMW Laserlight con Selective Beam. Di conseguenza, la portata degli abbaglianti viene estesa a circa il doppio di quella dei fari full-LED. L’High Beam Assistant – funzionante su base di una telecamera – aiuta a prevenire l’abbagliamento del traffico incrociante o degli altri utenti della strada. Gli elementi blu all’interno dei proiettori esagonali rendono distinguibile il faro dotato di tale tecnologia.

La luce laser di BMW ha debuttato nell’autunno 2014 in una vettura di serie nei proiettori anteriori della BMW i8. Oggi è disponibile come optional sulla fascia alta della gamma BMW dalla Serie 3 a salire.

Come funzionano i BMW Laserlight

BMW Laserlight

Nei proiettori a laser i raggi luminosi vengono concentrati così da formare un fascio e raggiungere un’intensità luminosa 10 volte superiore a quella delle sorgenti luminose tradizionali, per esempio la luce alogena, allo xeno oppure a LED. La luce laser di BMW offre una visibilità dalla portata di circa 500-600 metri a seconda dei modelli, dunque due volte superiore a quella di un proiettore funzionante con una tradizionale tecnologia d’illuminazione.

La superficie di uscita della luce di un diodo laser è cento volte più piccola di quella di un diodo luminoso tradizionale, che misura un millimetro quadro. Questo comporta il vantaggio che anche il riflettore necessario per la luce laser è di dimensioni decisamente ridotte. Nel caso della BMW i8 esso ha un diametro inferiore a 30 millimetri. Di conseguenza è possibile ottenere un faro con minore ingombro nella vettura e dei significativi risparmi di peso. Per raggiungere un rendimento luminoso analogo un sistema d’illuminazione con luce allo xeno richiede un diametro della lente di circa 70 millimetri, la luce alogena di 120 millimetri. Inoltre, l’assorbimento energetico ridotto del 30 per cento circa e la forma compatta dei proiettori offrono nuove possibilità di design delle vetture che possono ottimizzarne l’aerodinamica. La luce laser può contribuire così a una migliore efficienza complessiva della vettura e al calo delle emissioni di CO2.

Nella luce laser BMW i raggi luminosi blu coerenti e monocromatici vengono trasformati in una luce bianca naturale. All’interno del proiettore laser, i raggi di tre diodi laser ad alte prestazioni vengono puntati attraverso delle ottiche speciali su un luminoforo al fosforo che è una sostanza luminescente che emette luce a temperatura ambiente. Questo trasforma così i raggi laser in una luce bianca naturale, sempre molto intensa, che fuoriesce dal proiettore. Grazie all’elevata somiglianza alla luce diurna, l’occhio umano percepisce questa luce come piacevole.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Ford Puma Hybrid 125 CV

Ford Puma EcoBoost Hybrid: come funziona l’ibrido del crossover?

Ford Puma, il nuovo crossover compatto dell’Ovale Blu, spazioso e tecnologico, è stata la vettura …