in

Elon Musk “consiglia” l’Europa in clima di guerra: l’unica via è il nucleare

Elon Musk Tesla coronavirus
Tempo di lettura: < 1 minuto

Quello che nessuno si aspettava è accaduto, il magnate Elon Musk ha rilasciato dichiarazioni riguardo la crisi energetica in corso, scatenata dalla lunga coda della pandemia e dalla guerra in Ucraina.

Il numero uno di Tesla ha utilizzato Twitter per render nota la sua posizione su nucleare, petrolio e gas. A sorprendere, nelle sue frasi, è l’invito rivolto alle nazioni a puntare ancora sui combustibili fossili per provare ad uscire da questa fase a dir poco critica.

Le parole di Elon Musk

Il CEO di Tesla ha scritto in diversi tweet: “Odio dirlo, ma dobbiamo aumentare immediatamente la produzione oil (petrolio, ndr.) & gas. Tempi straordinari richiedono misure straordinarie, il tutto potrebbe influire negativamente su Tesla, ma soluzioni energetiche sostenibili non possono reagire istantaneamente per compensare le esportazioni di petrolio e gas dalla Russia. L’Europa deve riavviare le centrali nucleari spente e aumentare la produzione in quelle esistenti. Tutto questo è fondamentale per la sicurezza nazionale e internazionale. Il nucleare è di gran lunga migliore contro il riscaldamento globale rispetto alla combustione di idrocarburi nella produzione di energia. Per chi ritiene ci sia un rischio di radiazioni, sono pronto a mangiare cibo coltivato localmente in TV. L’ho fatto in Giappone molti anni fa poco dopo Fukushima. Il rischio di radiazioni è molto, molto più basso di quanto creda la maggior parte delle persone. Le radiazioni sono ovunque intorno a noi e penetrano ogni giorno nei nostri corpi”.

Musk non si è limitato per ora a suggerire soluzioni, ma si è prodigato verso la popolazione ucraina attivando la ricarica gratis ai Supercharger nei Paesi confinanti ed indirizzando i satelliti artificiali della costellazione Starlink a favore di Kiev.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Imola in calendario F1 fino al 2025: arriva l’ufficialità

    Una Ferrari SF90 Stradale semi-distrutta è stata messa in vendita