Ford Mustang Mach-E GT
in

Ford Mustang Mach-E GT: prova in anteprima, interni, motore elettrico e prezzi

Tempo di lettura: 6 minuti

Arriva sul mercato italiano la nuova Ford Mustang Mach-E GT, la versione più performante del primo SUV completamente elettrico firmato dalla Casa dell’Ovale Blu. Ormai il nome non fa più discutere, quell’iconica parola “Mustang” associata a un SUV elettrico fa già parte della storia del Marchio, grazie alle prestazioni convincenti delle prime versioni lanciate.

Ora Ford strizza l’occhio anche a chi cerca prestazioni mozzafiato, una nicchia che si rivela in continua crescita, quella degli appassionati di auto elettriche sportive. La domanda che ci poniamo è valida anche per le auto a batteria: può un’auto a ruote alte essere veramente considerata sportiva? Scopriamolo nella nostra prova in anteprima, dove vi raccontiamo anche gli interni, il motore elettrico e i prezzi della Mustang Mach-E GT.

Esterni e interni Ford Mustang Mach-E GT

Le dimensioni della Ford Mustang Mach-E GT non cambiano rispetto alle altre versioni, proponendo una lunghezza di 4,71 metri, una larghezza di 1,88 metri e un’altezza di 1,62 metri, con un passo di 2,98 metri. Ingombri tipici di un D-SUV, ma estetica totalmente inedita, che richiama maggiormente una vettura coupé.

Allo stile ricercato della Mach-E si abbinano alcuni elementi che caratterizzano la versione GT, a partire dalla griglia frontale in policarbonato e proseguendo con lo splitter del paraurti anteriore, le prese d’aria ai lati del muso e con i passaruota in tinta con la carrozzeria. Rimanendo sulla vista laterale, si confermano le porte senza maniglie (un piccolo tasto sul montante permette di aprirle) e arrivano i cerchi in lega da 20 pollici specifici per questo modello, con incavi in nero brillante, dietro i quali si celano le pinze rosse (Colorado Red) by Brembo. Il tetto Shadow Black termina in uno spoiler contenuto, mentre il posteriore propone il logo GT al centro del portellone e un estrattore dell’aria non troppo marcato. Disponibili anche i nuovi colori Grabber Blue e Cyber Orange (1.300 euro).

Gli interni della Ford Mustang Mach-E GT sono inediti rispetto agli ultimi modelli prodotti dall’Ovale Blu e il protagonista indiscusso è senza dubbio il grande schermo verticale touchscreen da 15,5″ dal quale si controllano praticamente tutti i settaggi della vettura. I menu del Next Generation SYNC sono tanti ma piuttosto pratici, e dotati di nuovi assistenti vocali oltre ad Apple CarPlay e Android Auto entrambi di tipo wireless. Gli aggiornamenti del sistema sono completamente Over-the-air. 

Davanti agli occhi del conducente c’è lo schermo della strumentazione digitale da 10 pollici che riporta le informazioni essenziali quali autonomia, velocità e capacità residua della batteria. Nuovi i sedili imbottiti Ford Performance dal design particolare, progettati per offrire maggiore supporto alla schiena e rifiniti in similpelle come il volante. Molto originale anche il Sound System B&O a 10 altoparlanti, le cui casse si sviluppano anche in orizzontale sul cruscotto.

Tanto spazio a bordo con cinque posti comodi, mentre il bagagliaio che ha una capienza da 402 litri (519 litri fino al tetto), cui si aggiungono i 100 litri del Megabox del vano anteriore, espandibile fino a 1.420 litri reclinando i sedili.

Alla guida della Ford Mustang Mach-E GT: più coppia di una Ford GT

487 CV è la potenza massima di questa Ford Mustang Mach-E GT, che è dotata di due motori, uno per assale, in grado di garantire la trazione integrale. Quello che interessa di più su un’auto elettrica, però, è la coppia, che sulla GT è la più alta mai offerta da Ford per i clienti europei: parliamo, infatti, di 860 Nm di coppia, ovvero quasi il 15% in più rispetto all’esclusiva supercar ad alte prestazioni Ford GT. L’altro primato della Mach-E GT è dato dall’accelerazione: con i 3,7 secondi sullo 0-100 km/h è la più veloce cinque posti di Ford in commercio.

Come funziona il motore della Mustang Mach-E GT? Il propulsore di tipo sincrono a magnete permanente montato posteriormente e raffreddato a olio raggiunge la coppia di picco in 0,5 secondi, mentre il motore montato anteriormente del sistema di trazione integrale fornisce trazione, coppia e potenza aggiuntiva alle ruote anteriori. La GT elettrica ottiene così le quattro ruote motrici, ma la configurazione data dagli ingegneri di Ford è pensata per dedicare una percentuale maggiore di coppia all’asse posteriore man mano che la modalità di guida diventa più sportiva.

Il sistema di propulsione, infatti, è ideato per spostare progressivamente la distribuzione della coppia sull’asse posteriore quando il guidatore passa dalla modalità di guida Whisper, alla modalità Active e, infine, alla modalità Untamed, la più sportiva.

Prima di raccontarvi come si comporta a livello dinamico, c’è da sottolineare la potenza esagerata che la Mach-E GT mette in campo in caso di accelerazione. Non appena si preme il pedale del gas, il SUV di Ford ti incolla letteralmente al sedile portandoti da 0 a 200 km/h (velocità massima) in pochi secondi e quasi senza sosta. Questa è la forza dell’elettrico: un’accelerazione che lascia senza fiato, nonostante i 2.273 chilogrammi di peso.

Per gestire una massa del genere, anche con un baricentro basso, dato dalle batterie poste sul pianale, serve un comparto sospensioni adeguato e Ford ha risposto con le sospensioni adattive MagneRide. Il sistema controlla elettronicamente il fluido magnetoreologico all’interno degli ammortizzatori per reagire in tempo reale alle condizioni variabili del manto stradale ed è in grado di orientare il veicolo a seconda della modalità di guida selezionata. Il risultato è una rigidità complessiva notevole, con le buche che vengono assorbite fino a un certo punto, ma allo stesso tempo anche un rollio praticamente assente in curva.

D’altro canto, ci sono concorrenti dallo stesso peso che riescono a dissimulare meglio il peso, poiché la Mach-E GT in appoggio sui curvoni o nei cambi di direzione repentini si fa sentire, risultando meno agile di quanto si possa sperare. Per sfruttare al massimo le performance dell’auto c’è anche l’esclusiva modalità di guida Untamed Plus, dedicata all’utilizzo in circuito. In questa configurazione il sistema calibra la propulsione per garantire una coppia e una potenza costanti in quei tratti della pista che impongono ripetutamente l’esigenza di una potenza elevata, regolando, inoltre, i comandi di trazione e stabilità per ridurre gli interventi necessari.

Ford Mustang Mach-E GT

Interessante la simulazione della scalata di marcia e ancora di più la possibilità di settare la frenata rigenerativa, o con il tasto L posto sul cambio, o con la funzione One pedal, selezionabile all’interno del menu dell’infotainment. Ogni auto elettrica che si rispetti deve proporre questa funzione, per una guida più veloce e intuitiva, sia in città sia tra le curve di montagna. Piace meno, invece, la possibilità di far replicare alla Mustang Mach-E GT il sound di un V8, ma tale funzione è sempre disattivabile, in ogni modalità di guida.

Lo sterzo, da molti anni fiore all’occhiello delle vetture europee targate Ford, non tradisce le aspettative: la grande precisione e la buona comunicazione di quello che succede alle ruote, aiutano nella guida sportiva, anche se il notevole carico sul volante può stancare alla lunga. Una scelta in controtendenza rispetto a molte competitor che propongono tarature dello sterzo sempre più precise e leggere allo stesso tempo.

Quello che, invece, non lascia alcun dubbio è l’efficacia dell’impianto frenante. I dischi ventilati Brembo dei freni anteriori sono i più grandi mai montati su un modello Mustang Mach-E, con ben 385 mm di diametro. Uniti alla forza della frenata rigenerativa, sono in grado di far lavorare per bene i pneumatici Pirelli (245/45 R20) dalla mescola creata in collaborazione con la Casa americana, per un risultato veramente efficace e un mordente veramente ottimo.

La batteria della Ford Mustang Mach-E GT è la extended range da 88 kWh di serie, che permette un’autonomia fino a 500 km nel ciclo WLTP. La possibilità di ricaricare con una potenza fino a 150 kW consente di ottenere una media di 99 km di autonomia in 10 minuti di ricarica e di passare dal 10% all’80% della capacità della batteria in circa 45 minuti. Ovviamente con un’auto votata alle prestazioni, l’autonomia è sempre messa a dura prova: molto dipenderà dalla leggerezza del vostro piede e dall’utilizzo o meno di una guida predittiva, fondamentale per avvicinarsi alle autonomie dichiarate dalla Casa, che in ogni caso rimangono tra le più alte tra le competitor.

La Mustang Mach-E GT è, infine, dotata di tecnologie di ausilio alla guida, compreso il Cruise Control (controllo adattivo della velocità di crociera) con Stop & Go e Lane Centring, il sistema di mantenimento della corsia con Blind Spot Assist (monitoraggio della zona d’ombra), Active Park Assist (sistema di parcheggio semiautomatico) e PreCollision Assist con Auto Emergency Braking (rilevamento di pedoni e ciclisti con frenata automatica).

Prezzi Ford Mustang Mach-E GT

Il prezzo della Ford Mustang Mach-E varia in base sia alla tipologia di batteria (Standard o Extended range) e al motore, se singolo o doppio. Si parte dai 49.900 euro della Mustang Mach-E Standard Range da 269 CV mentre la Extended Range (290 CV) costa 56.750 euro. Il listino prezzi della Mustang Mach-E prevede poi le versioni AWD con prezzi a partire da 56.750 euro.

Il prezzo della Ford Mustang Mach-E GT è di 74.500 euro, al top della gamma. La dotazione è veramente completa, tanto che dal listino prezzi della Mach-E le uniche voci di spesa aggiuntive sono rappresentate dal tetto panoramico (1.000 euro), dalla tinta carrozzeria (da 900 a 1.300 euro) e dalla Ford Wallbox da 7,4 kW (625 euro). Il prezzo massimo raggiungibile dalla Mach-E GT è, quindi, di 79.425 euro. La garanzia è di 8 anni o 160.000 km.

La data di uscita della Ford Mustang Mach-E GT è stata il 23 settembre 2021, con le prime consegne che iniziano a novembre.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Che bello vedere un’Alfa Romeo 8C del 1933 in pista a Monza [VIDEO]

    small suv jeep

    Il primo modello ex-FCA su base PSA nascerà tra fine 2022 e inizio 2023: ecco quale potrebbe essere