in

Ford verso l’assistente di guida 4.0

Tempo di lettura: 2 minuti

L’evoluzione della tecnologia sta portando il mondo automotive verso auto che sono in grado di comprendere i nostri comandi vocali in modo sempre più raffinato e Ford sta alzando l’asticella su questa tecnologia.

Entro il 2022, infatti, la Casa dell’Ovale Blu si aspetta che il 90% di tutte le nuove automobili saranno dotate di un sistema di riconoscimento vocale; ecco perché lo step successivo dell’assistente personale a bordo sembra essere quello del riconoscimento delle espressioni del volto e delle inflessioni del tono della voce.

Ford sta infatti studiando sistemi avanzati che arriveranno a selezionare, ad esempio, la hit preferita del conducente quando si accorgeranno sempre attraverso le espressioni del volto dei segni di stanchezza o di stress, così come prediligere il silenzio per favorire un clima disteso. Anche l’illuminazione interna sarà sviluppata per assecondare lo stato d’animo del guidatore.

Siamo sulla buona strada per lo sviluppo di un’auto “empatica”, che potrebbe raccontare una barzelletta al conducente per tirargli su l’umore, dargli consigli se ne ha bisogno, ricordargli i compleanni e aiutarlo a rimanere sveglio durante un lungo viaggio”, ha raccontato Fatima Vital, Marketing Automotive Director, Nuance Communications, che ha contribuito a sviluppare il sistema di riconoscimento vocale del sistema di connettività SYNC di Ford.

Si prevede che la tecnologia di controllo vocale basata sul cloud potrà essere disponibile sul 75% delle nuove automobili entro il 2022. Un primo passo significativo sarà già visibile a partire dalla prossima estate quando il sistema SYNC 3 di Ford consentirà la connessione ad Alexa, l’assistente virtuale di Amazon, sapendo riconoscere 23 diverse lingue e integrando molti accenti locali.

Al momento Ford sta collaborando con la RWTH dell’Università di Aachen a un progetto per lo sviluppo della tecnologia di riconoscimento vocale, includendo l’utilizzo di più microfoni per migliorare l’elaborazione vocale, ridurre l’effetto del rumore esterno e limitare le eventuali interruzioni. Non sarà fantascienza nel giro di pochi anni potersi sentire chiedere dalla propria auto in una giornata come l’otto marzo “Ti piacerebbe ordinare dei fiori per la festa della mamma?” e a noi basterà risponderà sì per venire indirizzati tramite il navigatore al fiorista più vicino. 

​​Al Mobile World Congress, che si terrà a Barcellona la prossima settimana, Ford rivelerà le ultime novità su questo fronte e sul tema della connettività.

Dì la tua

Debutta a Ginevra l’Aston Martin Vantage Red Bull Racing Edition

Mini Countryman in viaggio con i talenti di Italia’s Got Talent