in

Formula1: tutte le curiosità da Baku

Tempo di lettura: 2 minuti

Portare un Gran Premio di Formula 1 in una nuova destinazione è sempre complicato: per la logistica, per le strutture, per i trasporti. Lo è anche però per i media, che si trovano ad esplorare e raccontare una realtà nuova. A Baku tutto questo è amplificato; le difficoltà, oltre che logistiche, sono anche linguistiche perchè l’inglese qui nella capitale azera non lo parla nessuno. E così si spiana la via a litigate epiche con i tassisti, rigorosamente senza tassametro, che applicano tariffe fantasiose basate forse sul meteo o sull’umore.

Il secondo capitolo riguarda gli alberghi. Tolti quelli esclusivi a ridosso della pista riservati da scuderie e organizzazione, la grande maggioranza di tutti gli altri si sono rivelati scadenti per non dire pessimi, con prezzi lievitati di 3 o 4 volte e servizi che in Italia non farebbero guadagnare neanche le due stelle. Molti infatti i giornalisti che hanno lamentato disservizi e cambiato struttura.

Come molte delle gare organizzate in località in cui i denari non mancano e la democrazia è un concetto flessibile, l’organizzazione dell’evento in sè è ineccepibile, con ondate di volontari, inservienti, militari pronti a soddisfare ogni richiesta. Sala stampa faraonica all’interno dell’hotel Hilton, ma senza finestre e lontano dalla pista. Mai si sono visti così tanti poliziotti a Baku a presidiare ogni singolo incrocio. Viene quasi da chiedersi come tutto tornerà ad essere da martedì.

Le tribune. Poche, come in ogni circuito cittadino, ma qui anche molto piccole, come a voler mascherare gli inevitabili vuoti. Molti biglietti (dai prezzi elevatissimi) sono rimasti invenduti, e le tariffe inevitabilmente in questi ultimi giorni sono crollate. L’opinione pubblica peraltro non è mai stata esattamente d’accordo con l’arrivo della Formula 1 ma come ribadito da Ecclestone i diritti umani non hanno una definizione chiara, perciò non bisognerebbe parlarne.

Veniamo alla pista. La temuta curva 8 con la strettoia modello strada di collina non ha –a sorpresa-mietuto vittime, neanche in GP2. Tanti lunghi ovviamente, e un uso della retromarcia così ampio che i più giovani di noi non ricordano. Ricciardo il primo a prendere confidenza col muro nella FP1.

Il rettilineo invece è lunghissimo, interminabile. 22 secondi col piede sul gas, neanche a Monza.

I cordoli si staccano; certo, sono fatti di lamiera, neanche di gomma dura come a Montecarlo o altrove. Il risultato è che hanno lasciato dei tagli sugli pneumatici, e in gara potrebbe diventare un problema. Tra le sessioni della giornata di oggi infatti più volte si è provveduto a fissarli di nuovo saldamente.

In gara i problemi saranno anche altri. I commissari si sono dimostrati inefficienti e incapaci. La storia del motorsport azero non è probabilmente fra le più lunghe e importanti. Nessuna gru lungo il tracciato per rimuovere le vetture rapidamente e la sensazione è che in gara oltre alla safety car si potrà vedere anche qualche bandiera rossa.

In pista quest’oggi per le qualifiche. Stay tuned! 

Neopatentato

Federico Ferrero

Direttore Autoappassionati.it

Dì la tua

Garage Italia Customs: Jeep Renegade Hell’s Revenge

F1 Qualifiche Baku | Hamilton sbaglia, Rosberg in Pole.