lunedì, 11 Novembre 2019 - 22:29
Home / Notizie / Tecnologia / Groupe PSA continua i test sulla guida autonoma con il progetto L3Pilot
L3Pilot

Groupe PSA continua i test sulla guida autonoma con il progetto L3Pilot

Tempo di lettura: 1 minuto.

Groupe PSA continua a testare la guida autonoma grazie al progetto europeo L3Pilot. Con il mese di aprile, infatti, sono iniziati i test con le vetture del gruppo utili a provare su strada i sistemi avanzati di livello 3, tradotto, il conducente non è più obbligato a monitorare costantemente le condizioni di guida, ma deve essere in grado di riprendere il controllo del veicolo.

Per tutta la durata del progetto, da 6 a 8 veicoli del Gruppo saranno sottoposti a test di guida intensiva   per validare le funzioni della guida autonoma su strade a carreggiate indipendenti. Al progetto L3Pilot partecipano anche altri costruttori europei e l’obiettivo è quello di condividere i feedback di quest’esperienza.

Il progetto L3Pilot si prefigge, dunque, l’obiettivo di collaudare e validare la vettura a guida autonoma come mezzo di trasporto efficace e sicuro. Tutti i test saranno effettuati su strade aperte in diversi paesi europei.

Permetteranno di valutare gli aspetti tecnici, i comportamenti di guida, l’accettazione degli utenti, l’impatto sul traffico e la sicurezza in diverse condizioni di guida (urbana, su strade extraubane ed autostrade).

Questo progetto europeo, lanciato nel 2017 per una durata di quattro anni, dispone di una dotazione finanziaria globale di 68 milioni di euro, di cui la metà è finanziata dalla Commissione europea. Groupe PSA vi partecipa grazie al suo programma  AVA “ Autonomous Vehicle for All ” (VIDEO) e ai veicoli DS 7 Crossback, DS 3 Crossback, Peugeot 508 e 508 SW, per altro già disponibili in commercio con sistemi di livello 2.

Per saperne di più sul progetto L3Pilot questo è il sito ufficiale al quale riferirsi.

Autore: Tommaso Corona

Potrebbe interessarti

materiali compositi Lamborghini

I materiali compositi di Lamborghini spediti nello spazio per nuove sperimentazioni

Il 2 novembre scorso, anche se la notizia è passata in sordina sui media nazionali, …