in

Heritage HUB, tutte le informazioni: biglietti, prezzi, mostra, orari e apertura

Tempo di lettura: 5 minuti

Heritage HUB di Torino apre finalmente al pubblico. Il polo storico dei marchi italiani del Gruppo Stellantis apre i battenti, permettendo a tutti gli appassionati di poter ammirare oltre 300 vetture della storia dei marchi FIAT, Alfa Romeo, Lancia, Abarth e non solo. Tra storiche vetture da corsa e da rally, prototipi mai mostrati prima e auto che hanno fatto la storia dell’automobile italiane, Heritage HUB è più di un classico museo. Scopriamo allora prezzi, biglietti, orari, apertura e come raggiungere l’Heritage HUB di Torino.

Prezzi Heritage HUB, i biglietti partono da 25 euro e dove acquistarli

Prima di conoscere nel dettaglio i prezzi dell’Heritage HUB, spendiamo due parole sulla casa, l’Officina 81. La sede della mostra delle auto storiche dei migliori marchi italiani è un ex-stabilimento dell’enorme complesso FIAT Mirafiori, dal lato di Via Plava. La struttura originale ospitava le officine dedicate alla produzione di organi di trasmissione per lo stabilimento torinese. Per accogliere la mostra, il capannone è stato interessato da un restauro conservativo che lo ha riportato nelle migliori condizioni.

Quali sono i prezzi di Heritage HUB? Per poter vedere la mostra le tariffe partono da 25 euro per il biglietto intero comprensivo di visita guidata. Ci sono poi delle agevolazioni e dei prezzi ridotti, nello specifico:

  • Biglietto intero: 25 euro
  • Ridotto: 15 euro
  • Biglietto studenti 18-25 anni: 15 euro
  • Biglietto studenti 6-18 anni: 10 euro

Nello specifico, hanno accesso alla riduzione a 15 euro i dipendenti del Gruppo Stellantis, di CNHi e IVECO. Anche i soci CEDAS, UGAF, GDF, i soci di Registro Fiat Italiano, Registro Italiano Alfa Romeo, Lancia Club, Registro Abarth, ACI Storico, e il personale dell’Arma dei Carabinieri hanno accesso all’agevolazione. Hanno diritto al biglietto ridotto anche coloro che hanno visitato il Museo Storico Alfa Romeo di Arese e del Museo dell’Automobile di Torino. La visita, però, deve avvenire entro due settimane dalla visita nel museo “originale”. In più, le persone diversamente abili con disabilità uguale o superiore al 67% hanno diritto all’ingresso gratuito. Sarà anche possibile organizzare visite guidate didattiche per le scuole, con un prezzo di 6 euro a studente. Per gli insegnanti, invece, l’accesso è gratuito.

Ma come si acquistano i biglietti dell’Heritage HUB? L’unico modo per acquistare i biglietti per l’Heritage HUB è collegarsi al sito di Vivaticket a questo link. In più, è necessario versare al provider 1 euro di commissioni di servizio, da aggiungere alla tariffa. Su Vivaticket è poi possibile anche registrarsi per la propria visita. Lo spazio è offerto anche per accogliere eventi culturali e aziendali di enti e società esterne al Gruppo Stellantis. Non manca una Sala Conferenze dalla capienza di circa 200 persone, nonché un’area attrezzata alle workshop.

Orari Heritage HUB: visita guidata tre giorni a settimana

Al contrario di altri musei dedicati alle automobili, infatti, non è previsto l’ingresso libero. Per accedervi è quindi necessaria la prenotazione anticipata per accedere all’Heritage HUB. La modalità di fruizione del museo è infatti esclusivamente tramite visita guidata, e gli orari dell’Heritage HUB sono per questo già determinati in anticipo. Heritage HUB è aperto tre giorni a settimana, il martedì, il venerdì e il sabato. Ogni giorno di apertura ci sono due visite guidate: la prima è alle 10:30 e la seconda alle 15:30.

Ogni visita prevede un massimo di 30 partecipanti, e ha una durata di circa due ore. L’apertura dell’Heritage HUB al pubblico è appena iniziata: la prima visita prenotabile è infatti prevista per venerdì 28 ottobre. Dal sito Vivaticket, poi, è possibile visualizzare in tempo reale i giorni di apertura e quelli con ancora disponibilità. Oltre alle vetture, poi, sarà possibile vedere diverse mostre tematiche, tra cui una dedicata alla storia di Mirafiori e l’Area Motori, dedicata ai motori d’epoca. Non manca poi una mostra dedicata alle vetture FIAT date in dotazione all’Arma dei Carabinieri.

Heritage HUB ospita circa 300 vetture tra FIAT, Lancia e Abarth, ma anche una selezione di modelli Alfa Romeo, Autobianchi e Jeep. Tra vetture storiche, pezzi unici e prototipi inediti, non vi vogliamo spoilerare nulla su cosa troverete all’interno dell’Heritage HUB. Possiamo però dirvi che ci saranno otto aree tematiche occupate da 64 automobili che costituiscono il cuore dell’esposizione. Queste sono, nel dettaglio, le otto aree tematiche:

  • Records and races, dedicato alle auto che hanno trionfato nelle loro categorie.
  • Concepts and “fuoriserie”, dedicate ad esemplari rarissimi e unici, prodotti in piccolissima serie.
  • Archistars: otto capolavori tecnici che hanno introdotto innovazioni speciali nell’architettura delle automobili.
  • Eco and sustainable, dedicato alle vetture più innovative nel mondo dell’impatto ambientale.
  • Small and safe, una selezione di auto che hanno saputo unire dimensioni compatte e sicurezza.
  • Style marks, le auto che hanno lasciato il segno del mondo del design.
  • Epic journeys, dedicato alle vetture protagoniste di viaggi indimenticabili on the road.
  • The rally era, dedicato ai modelli che hanno scritto pagine gloriose nel mondo dei rally.

Come raggiungere Heritage HUB in auto, in treno o con i mezzi pubblici

Passiamo ora alle questioni più pragmatiche, ovvero come raggiungere Heritage HUB. Per chi viaggia in auto, una volta arrivati sulla tangenziale di Torino A55, da Milano tramite la A4 o da Piacenza tramite la A21, l’uscita più vicina è “Torino C.so Orbassano“. Una volta usciti dall’autostrada, basterà dirigersi verso Via Plava per trovare l’accesso all’Heritage HUB.

Per chi arriva in treno, invece, è necessario arrivare all’Heritage HUB in taxi o coi mezzi pubblici. La fermata più vicina è la 1904 Plava C.31, servita dalle linee 63/, 34, 71 e 97. Per chi arriva dalle stazioni di Torino Porta Nuova e Porta Susa, è bene prendere la metropolitana M1 fino alla fermata Italia ’61. Una volta scesi dalla metro, si prende un pullman della linea 34 fino alla fermata 1904. Alternativamente, dal centro città è possibile prendere anche un bus della Linea 4 fino alla fermata Park Caio Mario, e a seguire salire sul pullman della linea 63/ fino alla fermata 1904.

Per chi, infine, si trovasse già al Museo dell’Auto di Torino in Corso Unità d’Italia, il consiglio è di prendere il bus della Linea 34 dalla fermata Ventimiglia fino alla fermata 1904. Per chi arriva in città in aereo, infine, l’Heritage HUB dista circa 29 km dall’Aeroporto di Torino-Caselle. Concludendo con la sempre importante accessibilità, l’Heritage HUB è stato sviluppato specificatamente senza barriere architettoniche. Per questo, è perfettamente accessibile a tutti, anche a chi si muove in carrozzina. Non sono infine ammessi animali domestici, né bambini di età inferiore ai 6 anni.

Heritage HUB di Torino, un nuovo punto di riferimento per le classiche italiane

Dopo il Museo Nazionale dell’Automobile, il MAUTO apprezzato in tutta Europa, a Torino Heritage HUB si propone come un altro punto di riferimento per gli appassionati. Dotato di alcuni pezzi unici e capace di incapsulare perfettamente l’automobilismo nostrano, l’Heritage HUB è senza dubbio una tappa obbligata per gli amanti delle automobili. Tra prototipi FIAT rivoluzionari, progetti innovativi mai nati e modelli storici, all’Heritage HUB c’è qualcosa per tutti i gusti.

La possibilità di avere una guida in grado di mostrarvi nel dettaglio tutte le vetture presenti, poi, è un’ottima occasione per imparare qualcosa in più su questo meraviglioso mondo. Il nostro consiglio è quello di visitare Heritage HUB, così come il Museo dell’Auto e tutti gli altri bellissimi musei dedicati all’auto sparsi per l’Italia. Sicuramente, se amate le automobili come noi, non ve ne pentirete.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Morgan Plus Four: prova su strada, dimensioni, interni, motore, prezzi

    L’UE fa retrofront: più flessibilità sull’Euro 7 dal 2026