in

L’accordo che ogni appassionato sognava: Porsche produrrà i motori per Singer

Porsche Singer
Tempo di lettura: < 1 minuto

Singer da anni produce restomod di Porsche 911, modelli che, negli anni, sono riusciti a superare il fascino delle versioni originali, grazie a soluzioni moderne che non snaturano la bellezza dei modelli usciti dalla fabbriche tedesche.

Porsche costruirà, quindi, motori per Singer. Sembra quasi scontato, ma non lo è, poiché Porsche Motorsport North America assemblerà i motori per Singer, secondo le specifiche dettate proprio da Singer, non secondo le proprie specifiche originali. “Le caratteristiche dei motori, che sono alla base di ogni vettura Singer, continueranno a essere definite dalle specifiche di Singer” affermano in una nota i due “partner”. E questo è un grande, grandissimo endorsement nei confronti dell’ormai arcinota azienda americana. Una sorta di tacita approvazione nei confronti di Singer da parte della Casa automobilistica tedesca e una grande notizia per ogni appassionato, non solo delle 911.

Singer Porsche

La nuova collaborazione di Porsche Motorsport “si concentra esclusivamente sull’assemblaggio di motori rigenerati”, ma non include i motori per le Singer DLS – quelli sono assemblati nel Regno Unito (Williams Advanced Engineering) – ma potrebbe includere non solo le versioni esistenti dei sei cilindri ad aspirazione naturale, ma anche le versioni future, presumibilmente includendo il motore turbo di Singer del quale si vocifera da tempo.

Tutti i motori saranno assemblati presso la sede centrale di Porsche Motorsport in Nord America, situata all’interno del Porsche Experience Center di Los Angeles.

Che sia un primo passo verso una collaborazione più profonda in stile Brabus o Alpina?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    Stellantis primo anno

    Stellantis festeggia un anno di vita: tutti i passi principali del colosso automotive [VIDEO]

    Ora Good Cat: autonomia di 400 km, prezzo di 18 mila euro. In arrivo in Europa