in

NAIAS Detroit 2013: Audi SQ5 TFSI

Tempo di lettura: 2 minuti

Piacere, 354 cavalli. Si presenta così al Salone dell’Auto di Detroit, per la prima volta nella versione benzina, il nuovo Audi SQ5 che monta un V6 da tre litri con sovralimentazione meccanica e una cilindrata da 2.995 cm3.

Il motore 3.0 TFSI fra 6.000 e 6.500 giri/min, come già detto, eroga 354 CV (260 kW) di potenza e fra 4.000 e 4.500 giri/min sviluppa la coppia massima di 470 Nm. Lo sprint da 0 a 100 km/h è liquidato in 5,3 secondi e la velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h.
I consumi standard dell’Audi SQ5 si attestano a 8,5 litri ogni 100 km nel nuovo ciclo di marcia europeo, con emissioni di CO2 pari a 199 g/km.
Il tiptronic a otto rapporti e la trazione integrale permanente quattro con “torque vectoring” assicurano un corretto dinamismo. Il cambio automatico dall’innesto rapido propone due programmi di marcia, inoltre il conducente può cambiare rapporto manualmente grazie ai bilancieri al volante, di serie.

Sono molti gli elementi che regalano un aspetto marcatamente sportivo, in particolare la calandra single-frame grigio platino con i listelli doppi orizzontali in look alluminio, i paraurti dal profilo deciso e lo spoiler al tetto. Il logo “V6 T” orna i parafanghi anteriori, mentre il look alluminio impreziosisce i retrovisori esterni e il contorno della finestratura. Per la SQ5 sono disponibili gli esclusivi colori cristallo blu Estoril e nero pantera.

La linea sportiva prosegue anche negli interni. Le scale degli strumenti sono grigie, le cifre bianche; i pedali e i comandi del cambio al volante sono in look alluminio.
Gli interni sono completamente neri e i sedili sportivi di serie con regolazione elettrica hanno rivestimenti in pelle Nappa perla e Alcantara (a richiesta sono disponibili in quattro colori). Le mascherine decorative sono in alluminio spazzolato, a richiesta anche in carbonio Atlas, lacca lucida nera o inserti decorativi in alluminio/legno Beaufort nero.

L’assetto dell’Audi SQ5 ribassa la carrozzeria di 30 millimetri. Le molle e gli ammortizzatori risultano più rigidi e l’assetto ha un equilibrio sportivo. I cerchi da 20 pollici calzano pneumatici 255/45, a richiesta sono disponibili cerchi da 21 pollici e dietro le ruote le pinze dei freni anteriori presentano il logo SQ5.
A richiesta Audi propone lo sterzo dinamico con rapporto di trasmissione variabile. La sua regolazione è integrata nel sistema opzionale “Audi drive select”, grazie al quale il conducente può scegliere fra varie modalità di funzionamento.

La dotazione di serie è generosa, oltre alle soluzioni descritte comprende fari xeno plus con luci diurne in tecnologia LED, la protezione della soglia di carico in acciaio inossidabile e il sistema di informazione per il conducente con display a colori. Il volume del bagagliaio è di 1.560 litri.

La Audi SQ5 è concepita in modo specifico per i mercati di USA, Canada, Russia, Cina, Giappone, Singapore, Sud Corea, Sud Africa, Messico, Brasile, Argentina, Cile e Ucraina. In Germania e in molti altri mercati europei la SQ5 TFSI difficilmente arriverà, poichè è la sua versione turbodiesel ad assolvere il ruolo di modello sportivo di punta della gamma Q5.

Pilota professionista

Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Dì la tua

24 Ore di Dubai: Risultati e classifiche

Skoda Citygo a metano arriva in Italia