domenica, 16 Giugno 2019 - 7:00
Home / Prove / Primo Contatto / SsangYong Tivoli | La prova su strada in anteprima

SsangYong Tivoli | La prova su strada in anteprima

Tempo di lettura: 5 minuti.

La SsangYong, marchio coreano che negli ultimi anni si sta facendo conoscere e apprezzare dagli italiani, torna oggi con un nuovo modello, “primogenito” della fusione con Mahindra & Mahindra, sempre più europeo, frutto di 42 mesi di sviluppo e di un investimento di 280 milioni di euro.

Parliamo della nuova SsangYong Tivoli, un B SUV basato su una piattaforma inedita, con una nuova carrozzeria e due nuovi motori, che punta a sfidare la foltissima concorrenza di un mercato che rappresenta il 20% delle vendite totali in Europa. Dopo il positivo debutto al Salone di Ginevra 2015 e, soprattutto, dopo il lancio in Corea, avvenuto lo scorso gennaio con una media di vendite mensili di circa 2.600 unità, la Tivoli è pronto per la prova di maturità.

Nella splendida cornice romana di Tivoli, cittadina patrimonio dell’UNESCO, abbiamo effettuato la prova su strada in anteprima del nuovo crossover coreano, per un primo contatto molto interessante. Ecco com’è andata.

Esterni: stile europeo e originalità

La nuova Tivoli presenta un look attuale, al passo coi tempi, chiaro frutto di uno studio approfondito dei gusti europei, sempre alla ricerca di un mix vincente.

Il frontale è forte, aggressivo ed elegante. Una griglia snella arriva a toccare i proiettori a LED, ispirati alle ali di un uccello in volo – o meglio di un drago, simbolo della Casa coreana – con il paraurti anteriore che comunica robustezza, sottolineata dalla presa d’aria dinamica.

Il profilo della SsangYong Tivoli scorre lungo tutta la fiancata fino ad arrivare al muscoloso parafango posteriore, fiore all’occhiello di un design ben riuscito. Nella vista laterale l’accento grintoso è dato dai cerchi in lega (da 16” o 18”), disponibili anche con finitura diamantata black o silver.

SsangYong Tivoli 02

L’aspetto bilanciato e ben proporzionato prosegue verso la coda che, attraverso gli originali gruppi ottici posteriori a LED, unisce le fiancate al retro dell’auto. Il paraurti posteriore funge da solida base su cui poggia il portellone. Molto originale e apprezzato il retronebbia in posizione centrale, dal “retrogusto” Formula 1.

La SsangYong Tivoli offre la scelta fra otto colori e cinque varianti cromatiche con carrozzeria e tetto a due toni, per molteplici combinazioni.

Interni: curati e tecnologici

Gli interni appaiono ben curati e accoglienti fin dal primo sguardo. Compatti e ben assemblati offrono abitabilità e capienza nonostante le dimensioni contenute della vettura, che misura 4,20 m di lunghezza, 1,80 m di larghezza e 1,59 m di altezza.

Il volante sportivo in pelle, sagomato a D, assicura una presa ottimale, i sedili semi-avvolgenti hanno un aspetto sportivo, sono comodi, pronti per “cullarvi” anche durante i lunghi viaggi. I materiali utilizzati sono piacevoli al tatto, ma quel che colpisce particolarmente sono i numerosi vani e la spaziosità per i passeggeri posteriori, garantita dai sedili inclinati di 27,5 gradi che offrono anche una maggiore comodità.

Il vano bagagli ha 423 litri di capacità, anche se l’imbocco presenta uno scalino abbastanza importante. Con la seconda fila di sedili completamente abbattuta (frazionati 60:40) la capacità di carico arriva fino a 1.115 litri.

Per quanto riguarda la strumentazione tecnologica è possibile scegliere tra un impianto audio MP3 e un sistema con schermo ad alta risoluzione da 7” dotato, tra le altre cose, di streaming audio. La porta USB/AUX permette di riprodurre la musica contenuta nei dispositivi audio esterni, mentre il navigatore Tom-Tom collegato alla retrocamera, conferma una dotazione di tutto rispetto.

SsangYong Tivoli 03

Di fronte agli occhi del guidatore compare un classico display LCD per computer di bordo, indicatore di cambio marcia, temperatura esterna, pressione pneumatici e altre informazioni importanti.

Diverse personalizzazioni anche per gli interni, dove si può scegliere fra beige e nero, entrambi declinabili in tessuto, tessuto deluxe o pelle, ma si può optare anche per gli interni in rosso, per un look complessivo molto sportivo.

Motorizzazioni

Due i motori per la Ssangyong Tivoli, entrambi conformi allo standard sulle emissioni Euro 6. L’unità benzina e-XGi160 da 128 CV offre una buona efficienza, mentre il propulsore diesel e-XDi160 da 115 CV è stato studiato per assicurare prestazioni brillanti.

Il nuovo motore benzina e-XGi160 eroga fino a 128 CV/6.000 giri/min di potenza con una coppia massima di 160 Nm/4.600 giri/min, mentre l’unità diesel e-XDi160 produce 115 CV/3.400~4.000 giri/min di potenza e 300 Nm/1.500~2.500 giri/min di coppia. Tutte e due le motorizzazioni sono disponibili sia a quattro ruote motrici sia a trazione anteriore.

Il propulsore a benzina da 1,6 litri con due ruote motrici e trasmissione manuale fa registrare un consumo medio di 6,6 l/100 km e 149 g/km di anidride carbonica. L’unità diesel da 1,6 litri, invece, consuma 4,3 litri per 100 km e ha un livello di emissioni di CO2 di 113 g/km, sempre nella versione con due ruote motrici e cambio manuale.

In Italia arriverà anche una versione bi-fuel GPL sulla base del e-XGi 160 da 128 cavalli.

Alla guida del 1.6 e-XGi da 128 CV

Abbiamo provato la motorizzazione che arriverà per prima sul mercato italiano, ovvero il 1.6 benzina aspirato da 128 CV, abbinato al cambio automatico 6 marce AISIN e alla trazione anteriore.

SsangYong Tivoli 04

A seconda delle preferenze, il guidatore può regolare la sensibilità dello sterzo, attraverso lo Smart  Steer,  in base alle condizioni di guida, e scegliere tra 3 impostazioni diverse che si adattano al vostro stile: Comfort, Normal e Sport. In generale comunque il volante garantisce un buon feeling, anche se non è mai troppo consistente.

Questo 1.6 non vanta una potenza esagerata, ma muove la Tivoli in maniera brillante, con un’agilità perfettamente adattata per la guida cittadina. Il cambio automatico reagisce di conseguenza, con cambiate molto frequenti, ma se preferite, è possibile utilizzare anche la modalità sequenziale, azionabile tramite una piccola leva sul pomello del cambio.

Sull’avantreno, la SsangYong Tivoli è equipaggiata con sospensioni McPherson, che garantiscono un inserimento in curva piuttosto preciso e una buona stabilità, segno che le percorrenze urbane ed extraurbane sono state ben studiate e ben collaudate dagli ingegneri coreani.

Durante la guida l’abitacolo risulta ben insonorizzato, solo quando il motore si trova sotto sforzo la rumorosità aumenta, ma il lavoro dei tecnici SsangYong è stato di assoluto livello. Un lavoro che ha previsto, inoltre, l’utilizzo di materiali leggeri e ultraresistenti per non cedere nulla sul capitolo sicurezza.

Quest’ultima è stata una delle massime priorità nella progettazione del veicolo, così la Tivoli offre una dotazione di serie molto ricca: fino a sette airbag, ESP (Electronic Stability Program) multifunzione, il sistema di protezione attiva antiribaltamento (Active Rollover Protection), i dispositivi di assistenza alla frenata e alle partenze in salita (Brake Assist e Hill Start Assist) e quello di segnalazione delle frenate di emergenza ESS (Emergency Stop Signal).

Oltre alla versione 2 ruote motrici della nostra prova, sarà disponibile anche il sistema a trazione integrale Start Smart, che permetterà alla SsangYong Tivoli di vantare doti fuoristradistiche di tutto rispetto.

Prezzi e allestimenti

La Tivoli parte dal prezzo di 15.950 € dell’allestimento Start, entry level, per salire ai 17.800 € della intermedia Go, piuttosto ricca di contenuti, sino ai 19.550 € della Be. Quest’ultima, la top di gamma, nella sua versione full optional (Hot Visual Auto AWD) arriva al prezzo massimo di 28.359 €.

SsangYong Tivoli 05

La differenza di listino tra le alimentazioni, come pure per le trasmissioni e le trazioni, è di 1.800 euro, mentre, oltre ai tre allestimenti, sono disponibili ulteriori personalizzazioni: Visual, Cool pack e Hot pack. Ecco quindi come, anche dal punto di vista della differenziazione modelli, SsangYong Tivoli si presenta con oltre 100 differenti combinazioni possibili, escludendo colori e pacchetti opzionali.

Con un obiettivo di 3.500 unità all’anno, SsangYong Tivoli con motorizzazione benzina sarà in vendita in Europa e nel resto del mondo a partire dal 13 giugno. La produzione della variante diesel e 4 ruote motrici partirà da luglio e sarà in vendita nel mese di settembre. La bi-fuel GPL sarà, invece, disponibile dalla seconda metà di luglio.

Per garantire la qualità e le prestazioni competitive di SsangYong Tivoli nelle normali condizioni di guida, SsangYong offre sul veicolo una garanzia di 5 anni/100.000 km.

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Mahindra Goa 2019 due versioni

Mahindra Goa 2019 | Prova in anteprima

Il mercato dei pick-up è un settore piuttosto difficile in Italia per colpa delle normative …