in

Tecnica: Jaguar Land Rover, i “montanti trasparenti ” e “follow me”

Tempo di lettura: 2 minuti

Jaguar Land Rover ha dato il via ad un nuovo progetto di ricerca per lo sviluppo di tecnologie in grado di offrire a chi è alla guida, una visuale a 360 gradi dell’area circostante, senza l’ingombro dei montanti di supporto del tetto.

 All’interno di ognuno di questi montanti sarà possibile montare uno schermo sul quale saranno proiettate immagini riprese da telecamere posizionate in modo da coprire l’angolo solitamente oscurato proprio dai montanti A,B e C.

Pedoni, ciclisti ed altri veicoli attorno al veicolo diventerebbero perfettamente visibili e – abbinando ai “montanti trasparenti” un Head-Up Display di alta qualità – i loro movimenti verrebbero evidenziati al pilota con un “alone” che attraversa il parabrezza virtuale dell’auto.

Il sistema potrebbe rendere trasparenti, secondo necessità, i montanti destri o sinistri, ad esempio quando il pilota segnala una svolta o si guarda alle spalle in manovra o in avvicinamento ad un incrocio.

Dichiara il Dr. Wolfgang Epple, Director of Research and Technology di Jaguar Land Rover: “Il nostro obiettivo finale è quello di ridurre i potenziali incidenti e migliorare l’esperienza della guida in città. Il Team di Ricerca Jaguar Land Rover procede nello sviluppo di questa tecnologia per migliorare la visibilità e fornire al guidatore le informazioni giuste al momento giusto. Se riusciamo a non far distogliere gli occhi del pilota dalla strada ed a dargli tutte le informazioni senza distrarlo, possiamo contribuire a facilitargli la guida nelle condizioni più difficili e nel traffico più congestionato.”

Il potenziale del “360 Virtual Urban Windscreen” sarebbe sfruttato appieno collegandosi alla Cloud. Connettendo il veicolo alle infrastrutture stradali ed alle attività dei centri urbani, il parabrezza virtuale potrebbe presentare informazioni diverse, dai prezzi del carburante nelle stazioni di servizio al numero dei parcheggi disponibili, sollevando il pilota da questi compiti .

Un veicolo così connesso migliorerebbe il sistema di navigazione consigliando al pilota l’eventuale svolta, a destra o sinistra, anche in base a punti di riferimento cospicui, come bar o negozi e non solo secondo i segnali o le denominazioni stradali.

Inoltre, poiché il sistema più semplice per raggiungere una specifica destinazione è quello di seguire qualcuno che già conosce la via migliore per arrivarci, Jaguar Land Rover sta sviluppando il sistema ‘Follow-Me Ghost Car Navigation‘ che proietta davanti al veicolo l’immagine di una vettura da seguire, svolta dopo svolta, fino a destinazione.

La guida in città può essere estremamente stressante ed è facile immaginare quanto sarebbe più comodo guidare senza dover controllare i segnali stradali o cercare un parcheggio, “aggiunge il Dr. Epple. “Vogliamo che tutte queste informazioni compaiano sull’Head-Up Display proprio il linea con lo sguardo del pilota, senza che questi debba cercarsele distogliendo gli occhi dalla strada.”

Guidatore della domenica

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Tecnica: Alfa Romeo 4C

Formula E – Eprix Punta Del Este: vince Buemi a bordo della e.dams Renault