in

Tecnica: Mercedes C300h, l’ibrido di Stoccarda

Foto di Gabriele Bolognesi
Tempo di lettura: 7 minuti

La nuova Classe C offre un design affascinante e numerose innovazioni tecniche, ma anche un’ampia dotazione di serie e valori di emissione e di consumo esemplari. Ne derivano un netto aumento del valore aggiunto e la possibilità di risparmiare negli anni sulle tasse automobilistiche e alla colonnina del distributore.

Il passo si è allungato di 80 mm (2.840 mm) rispetto al modello precedente, facendo aumentare di 95 mm la lunghezza della vettura (4.686 mm) e di 40 mm la larghezza (1.810 mm). Ne deriva un incremento della spaziosità interna. Inoltre, il volume del bagagliaio della nuova Classe C, con i suoi 480 litri, supera il livello del modello precedente.

Di serie la nuova Classe C è equipaggiata con fari alogeni H7 (EXECUTIVE) o con fari a LED a basso consumo (SPORT, EXCLUSIVE E PREMIUM): disponibile a richiesta una versione dinamica con ‘Intelligent Light System con tecnologia LED’. Il caratteristico design notturno rende la nuova Classe C inconfondibile anche dopo il tramonto. Le luci posteriori e le luci di stop nei gruppi ottici posteriori sono realizzate in tecnologia LED per tutte le versioni di fari.

Negli interni, i designer dell’Advanced Design Center di Como si sono espressi su livelli che raramente si incontrano persino nelle vetture di categoria superiore. Ciò vale sia per la scelta dei materiali, caratterizzati da una piacevole morbidezza al tatto, sia per la precisione e la cura dei dettagli. Altrettanto si può dire del nuovo linguaggio formale che coniuga chiarezza con una nuova sportività.

Carrozzeria ancora più leggera

Peso ridotto e un’eccellente rigidità per uno straordinario comportamento su strada, cui si accompagnano un ottimo comfort acustico e vibrazionale e un’elevata sicurezza in caso di collisione: alla base di tutto questo c’è l’innovativa scocca della nuova Classe C. Con la sua intelligente ed innovativa struttura leggera la carrozzeria ibrida in alluminio pesa circa 70 kg in meno di una tradizionale costruzione in acciaio. Il peso complessivo della vettura scende addirittura di 100 kg, eleggendo la nuova Classe C a ‘leader di leggerezza’ nel suo segmento, alla nostra bilancia ha fatto registrare un dato di rispetto per un’ibrida diesel: 1.710kg. I vantaggi immediati sono molti: la struttura leggera contribuisce ad un abbattimento dei consumi del 20% circa senza riduzioni di potenza e permette al tempo stesso di abbassare il baricentro, a beneficio di prestazioni chiaramente agili e sportive.

Mercedes c int2

Con un lavoro meticoloso gli ingegneri hanno ottimizzato anche le possibili fonti di disturbo, i cui effetti spesso vengono registrati da guidatore e passeggeri solo a livello inconscio, ma che possono tuttavia influire negativamente su benessere e concentrazione. Il termine tecnico che designa questi fattori negativi è NVH (Noise, Vibration, Harshness = rumore, vibrazioni, ruvidità). Gli specialisti del settore hanno per esempio ottimizzato la rumorosità del ventilatore dell’abitacolo, degli alzacristalli, della regolazione dei sedili e di molti altri comandi e funzioni. In fatto di NVH la nuova Classe C è pertanto un benchmark nel suo segmento.

Modello ibrido con motore diesel a quattro cilindri

La C300 BlueTEC HYBRID con motore diesel a quattro cilindri e motore elettrico compatto eroga 204+27 CV e fa registrare un consumo di gasolio di appena 3,6 litri nel ciclo combinato NEDC, alla prova dei fatti diventano degli onestissimi 16km/l, che salgono a 17-18 in città, per via dell’unità elettrica. Il modulo ibrido include il cambio 7G-TRONIC PLUS, un’elettronica di potenza combinata con convertitore AC/DC e una batteria agli ioni di litio ad alto voltaggio. La batteria è posizionata nella coda lateralmente al serbatoio del carburante, ha una capacità elevata e pertanto è particolarmente adatta ad accumulare l’energia prodotta dal motore elettrico. Nell’alloggiamento multifunzione nella coda del modello ibrido è collocata anche una batteria tradizionale da 12 Volt, atta ad alimentare tutte le utenze standard e i componenti a bassa tensione. Grazie ai componenti particolarmente compatti è stato possibile integrare la tecnologia ibrida negli spazi di montaggio standard, senza dover ridurre il volume del bagagliaio.

Mercedes c int3

Inoltre, il modello ibrido è dotato di una pompa elettrica di depressione e impianto frenante sviluppato appositamente per il modello ibrido, che consente un’efficace rigenerazione dell’energia.

La tecnologia ibrida offre nuove possibilità

Il modello ibrido presenta tutte le caratteristiche di una moderna vettura ibrida. Di seguito le principali.

Silent Start: il motore elettrico fa avanzare la vettura per i primi metri senza produrre rumori, molto scenografica in parcheggio.
Guida elettrica: è possibile percorrere un tragitto limitato in modalità puramente elettrica, con una velocità massima di circa 35 km/h; questa modalità è adatta, ad esempio, all’effettuazione di manovre e nel traffico che procede a singhiozzo.
Funzione «Sailing»: in fase di rilascio e in presenza di leggere discese la vettura procede a motore spento. Se a una velocità inferiore a 160 km/h il guidatore toglie il piede dall’acceleratore, il motore a combustione viene staccato e spento, e la vettura entra nella funzione «Sailing».
L’energia recuperata viene immagazzinata nella batteria ad alto voltaggio e resta disponibile per la funzione Boost o per la guida elettrica. In ripresa la C300h è un fulmine, infatti l’elettrico ha una coppia robusta già a bassi regimi, dove la turbina del diesel ancora non riesce a provvedere.
Effetto boost: il motore elettrico, con la sua coppia elevata, supporta il motore a combustione. Questo consente manovre di superamento e accelerazioni più rapide nonché un’agilità più percepibile, quindi maggiore sicurezza e piacere di guida.
Rigenerazione: non appena, durante la marcia, il guidatore toglie il piede dall’acceleratore, si avvia la fase di recupero dell’energia in rilascio, durante la quale l’energia cinetica della vettura viene trasformata in energia elettrica, che viene poi immagazzinata nella batteria ad alto voltaggio.

Mercedes c int4

Inoltre, il motore elettrico offre un ulteriore vantaggio: smorzando le oscillazioni torsionali nella catena cinematica, incrementa il comfort di guida.

Assetto confortevole e sportiveggiante

L’assetto della nuova Classe C è stato perfezionato integralmente. Agile e scattante, la nuova Classe C può così offrire un grande piacere di guida nei tratti tortuosi e nel contempo il miglior comfort di marcia del segmento. Il comportamento agile della vettura si deve in gran parte all’asse anteriore a quattro bracci di nuova progettazione. La soluzione a quadrilatero permette di disaccoppiare completamente la sospensione della ruota dal montante telescopico. Si ottiene in tal modo una vantaggiosa cinematica dell’asse, che a sua volta migliora l’aderenza e le forze di reazione laterali. L’assetto risponde così con maggiore sensibilità ai movimenti dello sterzo e consente uno stile di guida agile e sportivo. Sul retrotreno l’asse a bracci multipli ottimizzato, nella configurazione a cinque bracci, assicura qualità superiori in termini di guida delle ruote e un’ottima direzionalità in rettilineo.

La dotazione di serie della nuova Classe C berlina prevede le sospensioni meccaniche. Con questo tipo di sospensioni sono disponibili tre assetti dinamici DIRECT CONTROL con sistema di sospensioni selettive: Comfort, ribassato di 15 mm e sportivo. La nuova Classe C è la prima vettura del segmento che può essere equipaggiata con sospensioni pneumatiche (AIRMATIC) sull’asse anteriore e posteriore.
Con un interruttore il guidatore può scegliere tra diverse caratteristiche: «Comfort», «ECO», «Sport» e «Sport +». Con l’impostazione aggiuntiva «Individual» il guidatore può configurare la vettura secondo le proprie preferenze personali, in termini di erogazione coppia, trasmissione, sterzo, impostazioni del climatizzatore.

Mercedes c int5

Tutti i modelli hanno di serie uno sterzo diretto elettromeccanico che combina la servoassistenza in funzione della velocità dello sterzo parametrico e un rapporto di trasmissione variabile in base all’angolo di sterzata (opt.). La servoassistenza della scatola dello sterzo a cremagliera è regolata in base al fabbisogno e contribuisce pertanto all’efficienza.

Mercedes-Benz Intelligent Drive: quando l’auto impara a pensare

L’obiettivo dichiarato da Mercedes-Benz è mettere a disposizione di tutti il massimo livello di sicurezza. Per questo la nuova Classe C dispone di tutti i sistemi di assistenza alla guida, di nuova concezione o ampliati con funzioni essenziali, che soltanto pochi mesi fa hanno festeggiato la loro première internazionale su Classe S e Classe E. I sistemi di assistenza alla guida aumentano tanto il comfort quanto la sicurezza. Mercedes-Benz li raggruppa sotto la denominazione di ‘Intelligent Drive’.

La nuova Classe C offre molti sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida innovativi. È di serie l’ATTENTION ASSIST, in grado di allertare il guidatore stanco o distratto e di segnalare nella navigazione del COMAND Online, per le vetture che ne sono equipaggiate, le aree di servizio autostradali più vicine sotto forma di destinazioni intermedie.

Il COLLISION PREVENTION ASSIST PLUS di serie dispone, oltre che del Brake Assist adattivo in grado di proteggere dalle collisioni già a velocità superiori a 7 km/h, anche di un’ulteriore funzione: di fronte al pericolo persistente di collisione e all’assenza di reazioni da parte del guidatore, il sistema può eseguire anche una frenata automatica, partendo da una velocità massima di 200 km/h, e quindi attenuare la gravità dell’impatto con veicoli che viaggiano a velocità inferiori o che si stanno fermando. Fino ad una velocità di 50 km/h il sistema frena anche in presenza di veicoli fermi e riesce ad evitare i tamponamenti fino a 40 km/h.

Mercedes c int1

Sono inoltre disponibili a richiesta sistemi di assistenza nuovi o ampliati consistentemente nelle loro funzioni, tutti ripresi dalla nuova Classe S e dalla nuova Classe E, che secondo il principio dell’Intelligent Drive fondono i dati di diverse tecnologie radar per aumentare sensibilmente il comfort e la sicurezza.

Il Brake Assist BAS PLUS è ora in grado di rilevare anche il traffico trasversale e di amplificare le frenate troppo blande del guidatore; il sistema frenante PRE-SAFE individua, oltre ai veicoli fermi, persino i pedoni, frena automaticamente quando il guidatore non reagisce e riesce in tal modo ad evitare gli incidenti fino a 50 km/h e a mitigarne la gravità fino a 72 km/h. Nel traffico scorrevole il sistema frenante PRE-SAFE assiste in modo analogo il guidatore nell’intera fascia di velocità compresa tra i 7 e i 200 km/h.

Tra i tanti sistemi di assistenza alla guida figurano anche quelli di seguito elencati

Park Assist, che parcheggia automaticamente negli spazi longitudinali e trasversali con interventi attivi sullo sterzo e sui freni.
Telecamera a 360°, in grado di mostrare la vettura e l’area circostante da diverse prospettive, inclusa una Bird View virtuale.
Riconoscimento automatico dei segnali stradali con funzione di allerta marcia in controsenso, che oltre ai limiti di velocità segnala anche i divieti di sorpasso e di accesso.
Sistema di assistenza abbaglianti adattivi Plus, che consente di tenere sempre accesi gli abbaglianti escludendo opportunamente gli altri veicoli dal cono di luce.

Climatizzazione: segnali dallo spazio

Mercedes-Benz ha perfezionato sistematicamente e migliorato nettamente il sistema di climatizzazione della nuova Classe C. Sono state migliorate in particolare la qualità di regolazione, la potenza, l’efficienza e la qualità dell’aria. La nuova Classe C è inoltre l’unica vettura del segmento ad offrire una funzione di riconoscimento delle gallerie basata sulla navigazione satellitare. Essa utilizza le informazioni cartografiche del sistema di navigazione e i dati di localizzazione del GPS per chiudere automaticamente la bocchetta del ricircolo all’ingresso in galleria e riaprirla una volta usciti dal tunnel. Sempre a proposito di microclima ideale va segnalato il pacchetto AIR BALANCE con profumazione attiva, ionizzazione dell’aria e filtrazione più potente rispetto al modello base.

Mercedes c int6

Un compressore frigorifero ad azionamento elettrico fa in modo che il climatizzatore automatico funzioni anche quando il motore a combustione è spento. Questa tecnica consente anche di preclimatizzare la vettura, in modo da trovare una temperatura confortevole già nel momento in cui si sale a bordo, ottimo d’inverno e d’estate sotto il sole. Anche ad auto spenta il clima lavora per raggiungere un clima ideale.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Il Salone di Ginevra 2016 in 3 pillole

MINI Challenge 2016: calendario, costi e tante novità