lunedì, 24 settembre 2018 - 5:36
Home / Notizie / Tecnologia / Vendite Fiat Chrysler Automobiles mese di settembre in Europa +6%

Vendite Fiat Chrysler Automobiles mese di settembre in Europa +6%

Tempo di lettura: 3 minuti.

Segno positivo a settembre per il mercato dell’auto nell’Europa dei 28 più le nazioni aderenti all’EFTA: +6,1 per cento. Fiat Chrysler Automobiles cresce del 6 per cento. Nel mese positivi risultati per Jeep (+61 per cento), Lancia (+13,2 per cento) e Fiat (+4,2 per cento). Ancora una volta 500 e Panda sono le vetture più vendute del segmento A: insieme nell’anno hanno una quota del 28,7 per cento.

In settembre, con quasi 1 milione 270 mila immatricolazioni, il mercato dell’auto nell’Europa dei 28 più le nazioni aderenti all’EFTA è cresciuto del 6,1 per cento. Nei primi nove mesi dell’anno con 9 milioni 907 mila registrazioni, l’aumento è stato del 5,8 per cento.

Settembre positivo anche per Fiat Chrysler Automobiles che con quasi 69 mila immatricolazioni ha incrementato le vendite del 6 per cento, mantenendo stabile (5,4 per cento) la quota rispetto all’anno scorso. Nel mese FCA è cresciuta in tutti i principali mercati europei: +4,7 per cento in Italia, +8,7 per cento in Germania, +2,9 per cento in Francia, +4,7 per cento nel Regno Unito e +27,9 per cento in Spagna.
Nei primi nove mesi del 2014 le registrazioni di Fiat Chrysler Automobiles sono state oltre 588 mila, il 2,6 per cento in più nel confronto con l’anno scorso, con una quota del 5,9 per cento, in calo di 0,2 punti percentuali.

Il marchio Fiat ha registrato in settembre quasi 53 mila vetture, il 4,2 per cento in più rispetto al 2013, per una quota del 4,1 per cento rispetto al 4,2 per cento di un anno fa. Nel progressivo annuo il brand ha immatricolato quasi 455 mila vetture (il 2,2 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2013) e la quota è stata del 4,6 per cento, in calo di 0,2 punti percentuali.
Fiat ha ottenuto risultati positivi in tutti i principali mercati europei. Un vero exploit In Spagna, dove in un mercato che ha segnato una crescita del 26 per cento, il marchio ha chiuso settembre con un +34,2 per cento. Segni positivi nel mese anche in Germania (+4,4 per cento), in Francia (+3,2 per cento) e nel Regno Unito (+4,5 per cento).
Mese positivo anche per la 500L che ha ottenuto una quota del 17,8 per cento e si conferma nel progressivo la più venduta del suo segmento con il 22,3 di quota. A settembre la famiglia 500 ha aumentato le vendite rispetto allo scorso anno quasi del 15,1 per cento, il 22,1 per cento in più nel confronto tra i primi nove mesi del 2014 con quelli del 2013.
Panda in settembre mantiene la seconda posizione in Europa nel segmento A alle spalle della 500, con oltre 12 mila vendite e quasi il 10 per cento di quota. Ottima accoglienza per la nuova versione Cross con un notevole successo di pubblico al porte aperte del 27-28 settembre.

Lancia/Chrysler ha immatricolato in settembre quasi 6.800 vetture – il 13,2 per cento in più rispetto all’anno scorso – per una quota stabile allo 0,5 per cento. Il marchio cresce in Italia (+26,9 per cento) e in Francia (+1,7 per cento). 
Prosegue il successo della Ypsilon, della quale è stata recentemente presentata la serie speciale top di gamma ELLE. Il modello di maggior volume del marchio in settembre ha aumentato le vendite del 33,3 per cento rispetto allo stesso mese di un anno fa. A settembre la fashion city car di casa Lancia è stata la vettura del segmento B più venduta in Italia.

In settembre le immatricolazioni di Alfa Romeo in Europa sono state oltre 5.100 (-13,2 per cento), per una quota allo 0,4 per cento. Va segnalata la crescita ottenuta dal marchio in Spagna e in Svizzera, rispettivamente del 7 per cento e del 9 per cento
Nei primi nove mesi dell’anno le Alfa Romeo registrate sono state oltre 45.500 (-10,4 per cento) per una quota di mercato dello 0,5 per cento, la stessa del 2013.
Va messo in evidenza che nel progressivo annuo le vendite di MiTo sono aumentate dell’8 per cento in Italia.

Continua l’exploit di crescita del marchio Jeep che a settembre in Europa ha immatricolato oltre 3.600 vetture, il 61 per cento in più rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, per una quota dello 0,3 per cento, in crescita di 0,1 punti percentuali.
Il brand ha ottenuto risultati sensibilmente migliori della media di mercato in tutti i principali Paesi europei: +44,7 per cento in Italia, +48,9 per cento in Germania, +27,2 per cento in Francia, +133,7 per cento nel Regno Unito e +31,6 per cento in Spagna.
Oltre 25 mila le Jeep registrate nel 2014, quasi il 47 per cento in più nel confronto con il progressivo 2013 e quota cresciuta di 0,1 punti percentuali, attestandosi allo 0,3 per cento. Anche nei primi nove mesi dell’anno il risultato Jeep è sensibilmente migliore alla media in tutti i principali mercati: +40,1 per cento in Italia, +40,6 per cento in Germania, +38,3 per cento in Francia, +95,1 per cento nel Regno Unito e +8,9 per cento in Spagna.
È proseguito anche a settembre il positivo trend di vendite della Grand Cherokee, ammiraglia e modello di punta del brand: nel progressivo annuo l’aumento è stato del 44,2 per cento. Bene anche la Wrangler, le cui vendite a settembre sono cresciute del 23 per cento in confronto allo stesso mese del 2013. La completa commercializzazione della Cherokee e della Renegade contribuirà nei prossimi mesi a migliorare ulteriormente i positivi risultati del marchio.

Ferrari e Maserati hanno immatricolato complessivamente 654 vetture a settembre e 6.633 nei primi nove mesi del 2014.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

CarPlay

Apple CarPlay si aggiorna con l’arrivo di iOS 12

Tempo di lettura: 1 minuto. Ormai non è più una novità trovare all’interno di un’auto la compatibilità con i protocolli …

something