giovedì, 20 settembre 2018 - 6:22
Home / Volkswagen Golf Variant a Ginevra 2013
Guido Casetta

Volkswagen Golf Variant a Ginevra 2013

Tempo di lettura: 2 minuti.

Al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra fa il suo debutto in anteprima mondiale la nuova Golf Variant, fino a 105 kg più leggera del modello precedente.


La nuova Golf Variant è una vettura eclettica, elegante e sportiva che ai bassi consumi, affiancati da prestazioni su strada comunque dinamiche, abbina una notevole versatilità.
Ad esempio, rispetto al modello precedente la capacità del bagagliaio è passata da 505 a 605 litri (fino allo schienale dei sedili posteriori) o addirittura a 1.620 litri considerando un volume di carico fino agli schienali dei sedili anteriori e in alto fino al tetto (la precedente: 1.495 litri).
Per quanto riguarda l’aspetto, la nuova Golf Variant segue fino alla sagoma delle porte anteriori il profilo preciso e imponente della Golf due volumi. Lo spazio in più tra il montante centrale e il montante posteriore che delimita la coda trasforma la Golf “classica” in una Golf Variant che, rispetto alla versione due volumi, è più lunga di 307 mm e arriva a misurare 4.562 mm. I progettisti sono riusciti a conferire la forma arcuata tipica dei montanti posteriori della Golf classica ai montanti posteriori della Variant, visivamente rappresentati anche dal “terzo” finestrino laterale. La nuova Golf Variant appare di conseguenza più lunga, esclusiva, inconfondibile e sportiva rispetto al modello precedente.

Sette motorizzazioni sovralimentate a iniezione diretta
Analogamente a quanto accade per la Golf due volumi, anche per la nuova Golf Variant sono previste motorizzazioni di ultima generazione. Come già accennato inizialmente, tutte le sette versioni sono dotate di sistema start/stop (riduzione dei consumi fino al 4%) e di recupero dell’energia (riduzione delle emissioni di CO2 del 3% circa). A seconda delle diverse motorizzazioni la nuova Golf Variant dispone di cambio a 5 o a 6 rapporti. La maggior parte delle motorizzazioni TSI e TDI può inoltre essere richiesta in abbinamento al cambio automatico DSG.
I motori benzina (TSI della serie EA211) erogano rispettivamente 85, 105, 122 e 140 CV di potenza garantendo sempre la massima efficienza. Nel caso per esempio dell’agile motore 1.2 TSI BlueMotion Technology 105 CV la nuova Golf Variant consuma solo 5,1 l/100 km (5,0 l/100 km con cambio DSG), pur raggiungendo una velocità di 193 km/h.
Estremamente efficienti sono naturalmente anche le nuove motorizzazioni Diesel high-tech della Golf Variant (105, 110 e 150 CV di potenza). Per la prima volta nella storia della Golf Variant la Volkswagen propone anche questo modello con motorizzazione TDI BlueMotion dai consumi estremamente ridotti: 110 CV di potenza, cambio a 6 rapporti e consumo nel ciclo combinato di 3,3 l/100 km (a fronte di emissioni di CO2 di 87 g/km). Anche la motorizzazione TDI 150 CV, con 320 Nm di coppia e un consumo nel ciclo combinato di 4,2 l/100 km, si avvicina allo straordinario traguardo dei 4 litri.
A Ginevra debutta anche la versione a trazione integrale Golf Variant 4Motion.

Autore: Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica. La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Potrebbe interessarti

Alfa Romeo B-Tech

Alfa Romeo, la gamma B-Tech presentata con un evento fuori dagli schemi

Tempo di lettura: 3 minuti. Si è svolto ieri, martedì 18 settembre, l’evento attraverso il quale Alfa Romeo ha presentato …

something