in ,

807 CV per una Ferrari 488 Pista modificata da Biesse Racing [VIDEO]

Tempo di lettura: < 1 minuto

Nel lontano 2018, al Salone di Ginevra, venne presentata la Ferrari 488 Pista, la variante ad alte prestazioni della 488 GTB ispirata alle auto da corsa GTE e Challenge. Grazie ad una leggerezza non indifferente, l’auto riesce a sviluppare anche più carico aerodinamico con l’ausilio del motore V8 biturbo da 3.9 litri di 90° capace di sviluppare 720 CV di potenza a 8000 g/min e 770 Nm di coppia massima.

È stato il V8 più potente mai montato su un auto stradale marchiata Ferrari, operazione poi ripetuta con la F8 Tributo che quel V8 ha voluto omaggiarlo fin dal nome.

Le magie del tuning: quasi 100 CV in più di una “normalissima” 488 Pista

Nonostante quanto fatto, sviluppato ed ingegnato a Maranello, la Pista nera con strisce da corsa rosse pubblicata su YouTube da NM2255 Car HD Videos, è capace di fare di più grazie ad un tuner.

Biesse Racing Bergamo ha tirato fuori 734 CV a 7278 g/min e 757 Nm a 6601 g/min abbinati ad una rimappatura Stage 1 della centralina che ha permesso di portare la potenza complessiva a 807 CV a 7305 g/min e 816 Nm a 6112 g/min. numeri alla mano, parliamo di 87 CV e 46 Nm in più rispetto alla Ferrari 488 Pista di serie.

Tali aggiornamenti hanno permesso anche di incrementare le prestazioni, sia nello scatto da 0 a 100 km/h che nella velocità massima. La versione Pista ha un peso complessivo di 1280 kg che è nettamente inferiore rispetto ai 1370 kg offerti dalla GTB. È l’utilizzo della fibra di carbonio ad aver generato questa miglioria, modifica che ha interessato parti come cofano motore, paraurti, alettone posteriore e cerchi da 20” disponibili come optional.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    ferrari 812 superfast incidente

    Dopo un incidente, questa Ferrari 812 Superfast verrà rottamata

    test bahrain leclerc

    Test Bahrain F1, giorno 3: zampata di Verstappen, ma la Ferrari c’è