in

Audi al CES 2015

Autoappassionati
Tempo di lettura: 3 minuti

In occasione della fiera più importante al mondo dedicata all’elettronica, il Consumer Electronics Show (CES) tenutosi dal 6 al 9 gennaio 2015 a Las Vegas (Nevada), il Marchio dei quattro anelli ha presentato le tecnologie di oggi e ha dato un assaggio dei suoi progetti per il futuro.

I temi principali della partecipazione di Audi al CES 2015 è la comunicazione tra l’auto e l’ambiente. Altri argomenti importanti sono stati la guida pilotata, le nuove soluzioni di Audi connect, i nuovi moduli infotainment, i dispositivi di comando e visualizzazione e le novità in fatto di tecnologie di illuminazione.

Già oggi, per tanti Clienti l’auto è molto più di un semplice mezzo di trasporto. Al contrario, è diventata un vero e proprio “dispositivo mobile”. Audi lavora con sempre maggiore impegno al collegamento in rete dei suoi modelli, tanto verso l’interno quanto verso l’esterno.

I sistemi di assistenza per il conducente rendono i viaggi più piacevoli, sicuri ed efficienti. Questi dispositivi, come il dispositivo di assistenza all’efficienza predittiva, l’assistente al rimorchio e l’Adaptive cruise control con sistema di assistenza nella guida in colonna, sono offerti in quasi tutte le gamme Audi.

Il prossimo importante passo in avanti per Audi è rappresentato dall’introduzione di nuove tecnologie per la guida pilotata, in programma già per questo decennio. Questi sistemi potranno gestire in autonomia la marcia in determinate situazioni se il conducente lo desidera.

Da anni, il marchio dei quattro anelli è all’avanguardia in questo campo e dimostra quante emozioni può risvegliare la guida senza pilota. Già negli anni scorsi, l’azienda ha presentato le sue soluzioni per il parcheggio pilotato e la marcia in caso di ingorghi in occasione del CES. E l’edizione 2015 non poteva essere da meno. Il marchio dei quattro anelli aggiunge così una nuova pietra miliare.

A ottobre 2014, la Audi RS 7 piloted driving concept ha completato il tracciato di Hockenheim senza conducente, toccando una velocità di 240 km/h e diventando così l’auto pilotata più sportiva al mondo. Ora l’Audi A7 piloted driving concept, dotata di numerosi sensori di serie e pre-serie, ha viaggiato infatti da Stanford (nella Silicon Valley) a Las Vegas, passando per Bakersfield.

L’unità di controllo centrale del sistema di guida (zFAS) ha dato un notevole contributo ai progressi fatti da Audi in relazione alla guida pilotata. Questo sistema elabora le informazioni dei sensori dando vita a un’immagine dettagliata della zona che circonda la vettura.

Attraverso il collegamento online incredibilmente veloce di Audi connect, in futuro i dati confluiranno in un sistema IT di back end basato su un cloud. Qui verranno elaborati con gli algoritmi del Machine Learning e dell’intelligenza artificiale, per poi ritornare all’auto. In questo modo, durante la marcia la vettura «apprende» in maniera continua per migliorare costantemente le proprie prestazioni in situazioni complesse.

Da molti anni, Audi è leader nello sviluppo di tecnologie di illuminazione nel settore automobilistico. Tra le più importanti innovazioni disponibili in alcune gamme si ricordano i proiettori in tecnologia Audi Matrix LED che illuminano la strada in modo intelligente e flessibile, a cui si aggiungono gli indicatori di direzione dinamici.

Un’altra novità mondiale è rappresentata dagli abbaglianti laser offerti nel modello a edizione limitata R8 LMX. La loro portata raggiunge diverse centinaia di metri. Il successivo passo in avanti sarà presentato al CES. Si tratta della tecnologia laser Audi Matrix, ovvero una luce laser che illumina tutta la strada ad alta risoluzione e in modo preciso. Un’altra innovazione è l’illuminazione dei cantieri che proietta due fasci luminosi molto chiari visualizzando così la larghezza dell’auto.

In materia di infotainment Audi ha mostrato un gran numero di novità: un processore quad-core che esegue otto miliardi di calcoli al secondo. Un contagiri virtuale la cui indicazione viene ricalcolata 60 volte al secondo per garantire un funzionamento fluido. Un suono tridimensionale simile a quello che si può ascoltare in una sala per concerti e che sembra provenire da ogni direzione. Un tablet Audi che funge da centrale multimediale e una comunicazione wireless semplice tra i dispositivi mobili personali.

Infine Audi porta avanti con grande impegno e velocità il processo di elettrificazione della catena cinematica (e-tron). Uno dei temi affrontati è la ricarica senza contatto dei modelli e-tron a trazione completamente o parzialmente elettrica. Il marchio lavora poi intensamente alle tecnologie per la ricarica a induzione (Audi Wireless Charging, AWC).

Dì la tua

SEAT Leon ST CUPRA: la station wagon da 280 cavalli

Formula E: ePrix Buenos Aires 2015