in

BMW Serie 2 Coupé: una nuova dimensione di dinamismo

Tempo di lettura: 3 minuti

BMW trasferisce il tipico piacere di guidare al segmento delle vetture compatte. Questo vale da quasi dieci anni per i modelli della BMW Serie 1 che devono la loro posizione speciale soprattutto alla trazione posteriore, unica nel segmento di appartenenza, ai potenti motori con tecnologia BMW TwinPower Turbo e alle convincenti caratteristiche premium.

Con il lancio della BMW Serie 2 Coupé il piacere di guidare vissuto in un’automobile compatta raggiunge un livello superiore. La nuova due porte si mette in scena con un design della scocca indipendente, una gamma di motorizzazioni particolarmente potenti e una tecnica di assetto messa a punto appositamente per il nuovo modello.

Il carattere individuale della BMW Serie 2 Coupé è il risultato della sua netta differenziazione dalla BMW Serie 1, riconoscibile immediatamente non solo dal design, ma anche dalle prestazioni di guida. La differenza è ancora più marcata nel confronto con il modello precedente, la BMW Serie 1 Coupé, che con oltre 150000 esemplari venduti in tutto il mondo ha riscosso un successo enorme. Se si comparano i due modelli, la BMW Serie 2 Coupé si presenta con un’immagine differente, delle dimensioni cresciute e una sostanza di prodotto nuovamente aumentata a livello di tecnlogia e di equipaggiamenti di serie. Nasce così una dimensione nuova di dinamica di guida, di estetica e di equipaggiamenti premium nel segmento delle vetture compatte che verrà definita in futuro attraverso il numero 2 nel nome del modello. Da oltre 45 anni, cioè dal debutto della BMW Serie 02, questo è sinonimo di un’eccezionale esperienza di guida sportiva vissuta in una due porte compatta.

Il concetto automobilistico indipendente, unico nel segmento di appartenenza, della BMW Serie 2 Coupé si riflette con autenticità nel design della carrozzeria. La due porte è innanzitutto un modello Coupé del marchio BMW. I tipici stilemi di design della scocca in Three-Box-Design, cioè il bagagliaio che descrive una forma separata e la silhouette bassa, il cofano motore allungato, le porte con cristalli laterali senza cornice e la linea del tetto dallo slancio dinamico che sfocia nella coda sono stati trasferiti al modello compatto con un’intensità finora mai vista. Il design esterno esprime così le caratteristiche di guida più sportive della BMW Serie 2 Coupé, risultanti dalla rispettiva gamma di motorizzazioni e da una taratura su misura dell’assetto. Il motore quattro cilindri da 135 kW/184 CV montato nella BMW 220i Coupé viene offerto per la prima volta in un modello compatto del brand. La BMW M235i Coupé con il suo propulsore sei cilindri in linea da 240 kW/326 CV è l’automobile BMW M Performance più potente alimentata a benzina.

bmw serie 2 dieselLe proporzioni della BMW Serie 2 Coupé sono caratterizzate da una lunghezza della scocca di 4432 millimetri, dunque cresciuta di 108 millimetri rispetto alla due porte della BMW Serie 1. Nel confronto con il modello precedente, la BMW Serie 1 Coupé, l’aumento della lunghezza è di 72 millimetri. La larghezza è salita di 26 millimetri a 1774 millimetri, il passo cresce di 30 millimetri a 2690 millimetri, la carreggiata anteriore di 41 millimetri a 1521 millimetri, quella posteriore di 43 millimetri a 1556 millimetri. Contemporaneamente, l’altezza della vettura è stata abbassata di 5 millimetri a 1418 millimetri. Il risultato sono una maggiore abitabilità degli interni e un volume del bagagliaio ampliato di 20 litri a 390 litri. Inoltre, la BMW Serie 2 Coupé si distingue per offrire delle caratteristiche aerodinamiche superiori alla BMW Serie 1 e al suo predecessore che nella BMW 220i Coupé risultano in un valore cx di 0,29.

La BMW Serie 2 Coupé riprende la tradizione dei modelli compatti del marchio contraddistinti da una guida particolarmente attiva, strettamente legata al numero 2 nel nome del modello. Nel 1966, con il lancio della BMW 1600-2, venne creato un nuovo segmento automobilistico. Furono soprattutto la taratura di precisione del motore e dell’assetto a trasformare in tutto il mondo la due porte nello stile di una Coupé in sinonimo di maneggevolezza sportiva e d’intenso divertimento di guida in un’automobile compatta. Delle ulteriori varianti di motorizzazione incrementarono l’appeal della nuova Serie costruttiva: soprattutto la BMW 2002, presentata nel 1968, divenne molto popolare e fece vivere a target-group nuovi il motto “piacere di guidare”. La motorizzazione più spettacolare fu la BMW 2002 turbo da 125 kW/170 CV, il primo modello di una casa automobilistica europea equipaggiato con un turbocompressore a gas di scarico.

Neopatentato

Mauro Giacometti

Classe 88. Automotive Engineering. Mi piace la musica, ma… non quella bella, principalmente quella di cattivo gusto e che va di moda per poche settimane. Amo sciare, ma non di fondo: non voglio fare fatica.
La mia auto ideale? Leggera, una via di mezzo tra una Clio Rs e una Lotus Elise. Ma turbo! Darei una gamba per possedere una “vecchia gloria” Integrale.

Dì la tua

Joan “Nani” Roma vince il Rally Dakar 2014. Tre auto MINI ALL4 Racing sul podio.

Gran Bretagna fuori dalla UE? Come tagliarsi il naso per far dispetto al volto. O peggio…