venerdì, 21 Febbraio 2020 - 12:31

Ferrari F40 | La prova su strada di Motor.es

Tempo di lettura: 6 minuti.

La Ferrari F40 è una delle auto più speciali della storia. Una tempesta di sensazioni capace di formare una delle combinazioni più speciali che percorrono le nostre strade ancora oggi. Ho provato una Ferrari F40, ho provato un sogno su quattro ruote.

Il test drive di una Ferrari F40 è un momento speciale per qualsiasi appassionato. Per me, la F40 è molto più di una semplice auto sportiva. È l’ultima creazione di Enzo Ferrari. Sono nato nell’88, quindi probabilmente quando è iniziata la produzione di questo gioiello ero ancora nella pancia di mia madre.

Negli anni ’90 siamo cresciuti con immagini e poster di questa auto sulle pareti delle nostre camerette. Con il passare degli anni la Ferrari F40 diventa il mito che proprio Enzo sognava. Il suo obiettivo era chiaro: creare un’auto super sportiva che riflettesse la sua eredità. La Ferrari F40 è probabilmente l’auto sportiva più speciale della storia, o quantomeno della Ferrari.

Ci sono auto più costose, più speciali e di maggior successo in termini di competizione, ma sinceramente penso che la Ferrari F40 abbia segnato una svolta nel Marchio Maranello. Enzo lo ha detto parlando di questa macchina: “Oggi non si va alla ricerca di velocità assoluta; si va alla ricerca di velocità istantanea”. È arrivato un momento in cui le auto stradali dovevano essere più veloci, più selvagge, più eccitanti. Non si cercavano più auto veloci ed eleganti, come una Ferrari 250, ora la gente volevi vetture che trasmettessero adrenalina e prestazioni da jet.

Ferrari F40 prova

In 13 mesi la F40 è passata dal pensiero all’asfalto. Un processo veloce, come se Enzo Ferrari sembrò vedere che la fine dei suoi giorni si stava avvicinando a tutta velocità e non voleva lasciare questo mondo senza la sua firma, senza il suo modo di vedere il futuro: la F40 dovrebbe essere il veicolo da cui il marchio dovrebbe continuare ad evolversi. È come se avesse lasciato un seme piantato per garantire la sopravvivenza del suo retaggio, del suo marchio, del modo in cui la Ferrari vedeva le cose.

Ferrari F40: storia e dati

L’ingegnere Nicola Materazzi era il responsabile del progetto, mentre Leonardo Fioravanti, che lavorava per Pininfarina, sarebbe stato responsabile del design. Deve essere qualcosa di innovativo, qualcosa di diverso, qualcosa che farebbe la differenza. Oltre ad essere l’eredità di Enzo sulla Terra, la F40 doveva anche essere il veicolo che celebrava il 40° anniversario del Marchio, quindi non dovevano solo creare un’auto estremamente veloce, ma questa doveva essere una vera e propria “vetrina tecnologica”.

La Ferrari F40 è stata sviluppata come un’auto da corsa omologata per la strada. La supercar di Maranello aveva un telaio in acciaio tubolare derivato dalle vetture da competizione e fu la prima Ferrari a utilizzare materiali compositi come fibra di carbonio e kevlar.

Ferrari F40 prova

Il risultato fu un’auto selvaggia, con un comportamento selvaggio, un motore selvaggio e un’immagine, ovviamente, selvaggia. Dopo un periodo di produzione artigianale, la Ferrari F40 fu presentata al pubblico il 21 luglio 1987.I suoi numeri facevano paura per l’epoca (e ancora oggi a dir a verità): 478 CV e 577 Nm di coppia per un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi e una velocità massima di 324 km/h, diventando l’auto più veloce al mondo e la prima a superare le 200 miglia orarie. Era un’auto super leggera (1.235 kg) e il suo motore, un 3.0 V8 sovralimentato con due turbocompressori IHI, uno per ogni bancata, era il vero responsabile della sua follia.

La Ferrari F40: un’icona da ammirare

È sorprendente come, nonostante il passare del tempo, possa essere ancora così affascinante. impressionarti allo stesso modo. Il muso corto e largo, quasi due metri, mentre la lunghezza è di soli 4,36 metri di lunghezza, come una moderna segmento C.

Le linee sono smussate in tutti i loro angoli, come andava di mode negli anni ‘80. Apro la leggera portiera e vedo un abitacolo minimalista. Due sedili avvolgenti, un cruscotto con tre quadranti che ti comunicano la pressione e la temperatura dell’olio e la capacità del serbatoio del carburante.

Poi l’occhio cade su due elementi “santi”, il vero segno di questa macchina, almeno dal mio punto di vista: il volante e il pomello del cambio. Semplici. Insuperabili. Non senza sforzo mi calo dentro la F40. La monoscocca in fibra di carbonio e kevlar rende un po’ difficile l’accesso, ma una volta seduto, il mio corpo si adatta al sedile e per un momento ti sembra di essere sulla griglia della 24 ore di Le Mans. Metto le mani sul cambio e sul volante…Che meraviglia!

Interni Ferrari F40

Tutto ha un sapore molto racing. La chiave, dalla forma e dimensioni di quella che apre una qualsiasi cassetta della posta, mi dà accesso a un nuovo universo. Do il contatto di avviamento e la pompa del gas inizia a rumoreggiare come se stessi facendo qualcosa di sbagliato. L’auto si avvia con un pulsante, come le auto di oggi, ma bisogna tenerlo premuto a lungo per dare il tempo all’otto cilindri di svegliarsi. Il risultato? Un concerto orgasmico di fiati proveniente dal triplo terminale di scarico.

Alla guida della Ferrari F40: un mostro da domare

Per tutta la vita ho vissuto pensando che la cosa più complessa della Ferrari F40 fosse il suo sistema di sovralimentazione, della vecchia scuola, del “nulla-tutto”. In realtà, la cosa più complessa di questa macchina è la posizione di guida. La cabina è modellata dalle esigenze tecniche della monoscocca e ciò ha portato i pedali ad essere molto più a destra di quanto sarebbe normale in qualsiasi auto. Il vano piedi è minuscolo e i tre pedali sono vicinissimi l’un l’altro.

Cioè, guidi la macchina con le gambe storte e se indossi una scarpa con la suola larga devi fare attenzione perché dovrai guidare con il piede storto. Inoltre, i pedali non sono duri, sono di marmo. Tutti e tre. La frizione dovrebbe essere il pedale più amichevole ed è come una pietra. Ma i problemi veri arrivano con l’acceleratore e il freno, poiché devi essere più sensibile e dosare al meglio, una cosa veramente complicata quando hai a che fare con tale durezza. Gestire i tre pedali richiede un processo di adattamento non indifferente, ma dopo vi si spalancano le porte del paradiso.

Ferrari F40

Lo sterzo, senza servo assistenza, è delizioso: fermo e molto preciso. Ma il migliore è il tocco metallico del cambio manuale a 5 rapporti ad H (con la prima in basso). Inizialmente lo si manovra con molto cura e un po’ di timore paura e cura, ma con il tempo inizi a guadagnare sicurezza, e diventa meraviglioso.

E il motore. Inizio il test drive della Ferrari F40 con cautela: è un’auto complicata e non voglio farmi del male, tanto meno danneggiare l’auto. È un concetto completamente diverso da qualsiasi auto sportiva moderna, in cui sali, acceleri completamente e puoi sentirti come Fernando Alonso ad ogni curva. Auto facili, docili, in cui la velocità è davvero istantanea e facilmente gestibile.

Nella Ferrari F40, le cose sono diverse e non poco. Il pedale dell’acceleratore non è facile da gestire e ti costringe a essere molto sensibile per non “ballare” tutto il tempo. La F40 è un’auto sincera e schietta, a ogni tocco dell’acceleratore tutto ritorna in maniera vigorosa all’interno dell’abitacolo: vibrazioni, suono, tutto! Affondo il pedale giusto senza paura ed è dopo i quattromila giri quando la spinta diventa “mostruosa”. O meravigliosa, dovrei dire.

Ferrari F40 prova

Una Ferrari F40 “speciale”: cosa cambia?

Posso accelerare con sicurezza perché questa Ferrari F40 porta con sé un “angelo custode” nascosto con discrezione. Quindi mi sono lasciato andare. Riconosco che ho viaggiato in auto molto più veloci, ma nessuna mi ha messo i brividi come lei. Un’auto del genere non può e non deve essere lasciata in un garage a raccogliere polvere.

Ogni Ferrari F40 è speciale. Bene, questa F40 in particolare, una delle pochissime presenti in Spagna, lo è ancora di più. Il suo proprietario è un collezionista insolito: compra le auto per godersele, e il suo “gioiello della corona” non è da meno, quindi l’ha acquistato e ha deciso di utilizzarlo in tutte le condizioni, sia all’interno che all’esterno del circuito.

Tuttavia, stiamo parlando di un’auto estremamente delicata: di serie è senza ABS, senza sistemi assistenza alla guida e con un’estrema rigidità che la rendono particolarmente sensibile in condizioni di bassa aderenza. È un’auto che può farti fare un testacoda al minimo errore, sia in accelerazione sia in frenata.

In breve, il veicolo è dotato di un sistema di frenatura antibloccaggio, l’ABS, nonché di un controllo di trazione che gestisce le perdite di aderenza. Come è stato realizzato questo impianto? Una serie di componenti minimamente invasivi è stata progettata per adattarsi alle diverse componenti del veicolo per ottenere una risposta più progressiva e sicura.

Ferrari F40 dinamica

Una ruota fonica è stata unita a un sensore, responsabile della misurazione della velocità della ruota. Tutte le informazioni sono elaborate da una nuova centralina che si occupa di gestire la potenza erogata, in modo da evitare pericolose perdite di trazione. La F40 “originale” ha due unità di controllo indipendenti per ogni bancata, ma tutte le informazioni sono state veicolate sull’unica nuova centralina e solo questo ha aumentato la potenza del motore a oltre 500 CV.

La cosa migliore di questo sistema di controllo elettronico è che è completamente configurabile, dal momento che ha diversi livelli di settaggio: simile al quadrante della Mercedes-AMG GT R si possono, infatti, regolare i diversi livelli di controllo della trazione. Lo stesso vale per l’ABS: può essere modificato in base alle proprie esigenze. Se si vuole sentire tutta la rabbia della Ferrari F40 standard, basta disconnettere questi sistemi elettronici.

L’auto è ora più veloce, più efficace e più sicura. Ecco perché qualcuno come me, senza troppa esperienza in questo tipo di auto da corsa della vecchia scuola, può prenderla a un buon ritmo senza paura di morire alla prima curva. Naturalmente, tutti gli elementi installati nel veicolo possono essere rimossi senza alcun problema e possono essere riportati alla F40 allo stato originale.

Ferrari F40 abs e controllo trazione

Saluto la F40, l’auto più speciale che è mai passata per le mie mani e quella per cui la maggior parte di noi si è innamorata dell’azienda di Maranello. In un mondo pieno di auto ibride in cui l’emozione è misurata dai pollici dei loro schermi, dovremmo tutti guardare indietro e misurarci davanti a tali auto, nelle quali le sensazioni sono protagoniste assolute. L’ultima firma di Enzo sulla terra è stata un prodotto assolutamente fantastico. Grazie.

Testo originale: Raùl Salinas

Fonte: Motor.es

Loading...

Autore: Guido Casetta

Laureato in Scienze Politiche, sono cresciuto a pane e automobili. Scrivo per professione, guido per passione!

Potrebbe interessarti

Foto di Gabriele Bolognesi

Citroen Visa Chrono | Prova su strada

Noi di Autoappassionati.it non solo vogliamo farvi assaporare le vetture del presente e quelle del …