in

ProRunner, questo il nome del Ford Bronco più audace

Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Ford Bronco è sicuramente uno dei veicoli con maggior capacità off road, ma come sempre c’è chi non si accontenta. L’Automotive Performance Group (APG), negli USA, ha presentato il suo ultimo pacchetto di prestazioni, chiamato “APG Ford Bronco ProRunner”, con cui è possibile affrontare qualsiasi tipo di terreno e tornare a casa in tutta comodità sull’asfalto a bordo della Ford Bronco.

Ford Bronco ProRunner, le modifiche di APG

Automotive Performance Group si è inevitabilmente focalizzata sul sistema di sospensioni anteriori Bronco Long Travel, utilizzando bracci di controllo superiori che sono più larghi di 8,89 centimetri rispetto a quelli del modello standard, la corsa è quindi di 41,91 centimetri. Cambiati anche gli ammortizzatori, optando per i King Race Series da 7,62 centimetri. Sono realizzati in fibra di carbonio i parafanghi anteriori e posteriori, i quali risultano più larghi di 17 centimetri circa per lato. Il pacchetto comprende anche un inserto per il cofano in fibra di carbonio ed un hardtop in un unico pezzo. La trazione è rafforzata mediante un’unità di trasmissione Ultimate Dana 44 IFS ed assali 300M RCV HD. Quest’accorgimento aggiunge una forza significativa all’anteriore, mentre un assale Ultimate Dana 60 più largo di circa 17 centimetri è montato al posteriore.

La Ford Bronco ProRunner Arriverà in Europa?

Questo pacchetto ideato da APG è installabile nella sua sede in California, ma visto che dal 2023 la Bronco arriverà in Europa si potrebbe anche chiedere la spedizione…a casa. Nell’offerta sono inclusi anche ulteriori accessori aftermarket come portapacchi, illuminazione, modifiche alle prestazioni ed armature. Il via ai preordini verrà dato ad agosto, mentre la produzione inizierà nell’autunno dello stesso anno.

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Industria auto tedesca in crisi senza gas di Putin: il rischio per l’automotive teutonico

    Avvistata la nuova Suzuki Swift 2023: prime foto spia, prime anticipazioni