in

La Giulia Quadrifoglio dei Carabinieri salva una vita a un paziente in attesa di trapianto

Giulia Quadrifoglio dei Carabinieri
Tempo di lettura: < 1 minuto

Fece notizia anni fa l’arrivo nella flotta della Polizia Stradale di una Lamborghini Huracan vestita ad hoc, poi fu il turno di un’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio da 510 CV in “divisa” dei Carabinieri che in queste ore è tornata a far parlare di sè.

Su richiesta del Policlinico di Milano, infatti, i Carabinieri di Milano sono intervenuti con la sportiva di Arese per trasportare due reni destinazione Verona. Non aspettatevi velocità folli, nonostante la potenza a disposizione: a 120 km/h di media la volante sportiva è riuscita, partendo alle 17:30 di domenica pomeriggio, ad arrivare all’ospedale veronese alle 18:50.

Il viaggio ha salvato la vita a un paziente in attesa di trapianto il cui intervento è stato coordinato dalla centrale trapianti di Areu.

Sotto il cofano dell’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, che in questo caso si è particolarmente “tenuta” nonostante l’urgenza dell’operazione, è il ben noto 2.9 V6 biturbo da 510 CV a 6.500 giri/min capace di raggiungere una velocità massima di 307 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi. Nel caso avesse dovuto spingere veramente, traffico sull’autostrada A4 permettendo, ecco cosa avrebbe potuto fare la Giulia con quel propulsore…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0
    carnext

    Max Verstappen pronto a vendere la sua Honda Civic Type R, ecco perchè

    Akio Toyoda

    Akio Toyoda: le auto elettriche sono a impatto zero solo l’energia pulita