in

Inghilterra: arrestati i ladri d’auto della “gang del Game Boy”

Tempo di lettura: < 1 minuto

Dopo più di una quindicina di furti d’auto, in Inghilterra è stata finalmente sgominata una banda composta da tre ladri. Decisamente singolare la modalità con la quale i furti venivano commessi: con un Nintendo Game Boy falso. Quella stessa console portatile per videogiochi monocromatica prodotta e commercializzata da Nintendo tra il 21 aprile 1989 ed il 23 marzo 2003 e venduta a 118,69 milioni di persone.

Il dispositivo elettronico era naturalmente modificato, in quanto solamente la scocca era realizzata da Nintendo, all’interno non vi era il processore LR35902 della Sharp a 4,19 MHz, ma invece un sofisticatissimo disturbatore che serviva per eludere i sistemi di sicurezza delle autovetture. Tale marchingegno agevolava il lavoro dei malviventi, ai quali bastava avvicinare la console portatile alle auto per ottenere il pieno controllo del mezzo senza destare il benchè minimo sospetto o quasi. Il tutto avveniva inevitabilmente in pochi secondi. Il costo del dispositivo sul mercato nero è di ventimila sterline, che convertiti in euro sarebbero poco meno di venticinquemila.

La “gang del Game Boy” (così è stata ribattezzata dalla stampa inglese) ha rubato qualcosa come quindici Mitsubishi Outlander. È sempre stata la stessa automobile nel mirino dei delinquenti. Centottantamila sterline (duecentodiecimila euro all’incirca), questo sarebbe il guadagno intascato dai malviventi a parere degli investigatori. L’uso del Game Boy non li ha affatto sottratti alla loro sorte, la gang è stata arrestata al completo e colta in flagrante, in quanto i tre malfattori erano intenti nel programmare un colpo a Leeds.

Autore: Angelo Petrucci

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Loading…

    0

    Uso improprio della corsia di emergenza: la stretta della Polizia Stradale

    Prende 19 volte l’autovelox a targa coperta: la pena è esemplare